News Bitcoin: agli argentini piacciono gli asset digitali!

I Bitcoin hanno raggiunto un nuovo massimo storico in Argentina, raggiungendo la valutazione record di 40 milioni di pesos per BTC. Nel contesto del crollo del peso argentino, che ha registrato un incredibile calo del 99% rispetto al dollaro dal 2018, gli asset digitali stanno lentamente emergendo come un faro di resilienza finanziaria e stabilità per molti cittadini.

L’Argentina ha una storia di instabilità economica segnata da frequenti svalutazioni valutarie, che complicano la gestione finanziaria e di risparmio per i suoi residenti. Nel corso dell’ultimo secolo, ha oscillato tra periodi di crescita e di disfunzione, passando dall’essere una delle nazioni più ricche del mondo ad affrontare crisi finanziarie prolungate, debito esteso e inflazione a tre cifre.Di conseguenza, i cittadini si sono rivolti alle risorse digitali, dimostrando una forte adozione dal basso. Nel tentativo di preservare il potere d’acquisto, gli argentini hanno fatto ricorso a Bitcoin.

asset digitali

D’altronde durante gli anni ’80, quando l’Argentina introdusse i controlli valutari, gli scambi pubblici di denaro si trasformarono in entità sotterranee conosciute come “financial cave”. Queste entità sono ora riemerse come “crypto caves”, che fungono da mercati neri in cui i cittadini acquistano stablecoin in dollari statunitensi. Operando di nascosto in luoghi nascosti, questi scambi peer-to-peer sotterranei facilitano le transazioni lontano dalla vista del pubblico.


eToro

Ecco i vantaggi di investire in Azioni con eToro:
✔️ Funzione CopyTrader per copiare i migliori investitori
✔️ Deposito Minimo di soli 50 €
✔️ Conto Demo e Staking Automatico
✔️ Bonus 30$ Gratis alla registrazione

Prova Ora Gratis ➡


News Bitcoin: i BTC aiutano il Paese a riemergere dal fondo della bancarotta

L’Argentina ha registrato un sostanziale aumento del tasso di inflazione. Secondo l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), si prevede che l’inflazione del Paese raggiungerà il 250,6% nel 2024. Inoltre, si prevede che la recessione economica del paese supererà le proiezioni precedenti.

Questi sviluppi coincidono con l’attuazione di ampie riforme da parte del presidente libertario argentino recentemente eletto, Javier Milei, che ha suscitato manifestazioni in tutta la terza economia più grande dell’America Latina. In una recente intervista, il leader  ha sottolineato che la dollarizzazione è la fase finale di una serie di riforme. Prima di ciò, il suo governo intende risanare i bilanci della banca centrale entro giugno, seguito da modifiche al sistema bancario. Inoltre, si aspetta che il sistema bancario venga riformato entro un anno. Sotto la presidenza di Milei, si è verificata una sostanziale svalutazione del peso insieme ad ampi sforzi di riforma.

Il presidente argentino Javier Milei abbandona il piano fiscale sugli asset digitali

Il presidente argentino Javier Milei ha deciso di rimuovere la proposta di tassazione sulle criptovalute da un controverso pacchetto di riforme omnibus. Si tratta di una mossa strategica per accelerare l’approvazione dell’ampia serie di riforme ed evitare lunghi dibattiti su questioni che ritiene meno critiche.

Il disegno di legge “Ley Ómnibus”, formalmente noto come “Legge sulle basi e punti di partenza per la libertà degli argentini”, inizialmente includeva disposizioni che imponevano ai contribuenti di dichiarare la proprietà di beni precedentemente non dichiarati, comprese le criptovalute. Tuttavia, eliminando queste clausole, il ministro degli Interni Guillermo Francos ha affermato che vi è una maggiore necessità di un rapido sviluppo economico e di efficienza legislativa: “La parte fiscale è stata più ridotta e il trattamento è stato ritardato”, ha affermato Francos, sottolineando l’attenzione del governo nel raggiungere il consenso sugli aspetti più gradevoli della legge.


Ecco i vantaggi di investire in Crypto e Bitcoin con Skilling:
✔️ Funzione Skilling Copy per copiare i migliori investitori
✔️ CFD su azioni globali a 0% di commissioni
✔️ Deposito Minimo di soli 100 $
✔️ Conto Demo di 10.000 $

Prova Ora Gratis ➡


Con il perno legislativo, le implicazioni per i detentori di criptovalute in Argentina rimangono motivo di preoccupazione e confusione. Detenere criptovalute o pagare con esse non è e non sarà tassato, a quanto pare, ma venderne grandi quantità con profitto lo sarà. “Nel caso di un individuo, il semplice acquisto di quella che la legge chiama ‘valuta digitale’ non comporta alcuna tassa”, ha detto Marcos Zocaro, un contabile esperto in materia, al quotidiano argentino iProUP. “L’imposta sul reddito si applica ai profitto ricavato dalla vendita, e c’è anche una soglia al di sotto della quale non è dovuta alcuna imposta.”

Per gli investitori in criptovalute, questo cambiamento legislativo porta più sfumature. Da un lato, la decisione del governo allevia le preoccupazioni immediate circa il potenziale aumento degli obblighi fiscali associati alla Ley Ómnibus. D’altro canto, sottolinea la natura in evoluzione e talvolta precaria della regolamentazione e della tassazione degli asset digitali. L’obiettivo della Ley Ómnibus è principalmente quello di introdurre riforme economiche, sociali e amministrative globali, che secondo Milei possono favorire lo sviluppo economico e la libertà.

Il disegno di legge ha tuttavia suscitato un dibattito significativo a causa della sua ampia portata e delle riforme radicali che propone in diversi settori, tra cui la difesa, l’amnistia sui capitali, le moratorie fiscali, la tassazione dei beni personali, i lavori pubblici, i sistemi pensionistici, la formalizzazione del lavoro, la privatizzazione delle proprietà statali imprese, tassazione delle esportazioni, settore energetico, salute mentale, istruzione, leggi ambientali, riconfigurazione dell’amministrazione del paese e persino nuove procedure di divorzio.

Lascia un commento