Come comprare Criptovalute

Le criptovalute sono delle monete digitali che stanno letteralmente conquistando un sempre più crescente consenso da parte degli investitori attratti non solo dalla loro semplicità d’uso ma anche e soprattutto dalla tipologia di conversione che di fatto assicura un guadagno ottimizzato per tutti. In siffatto contesto anche coloro che non hanno la minima dimestichezza con questo genere di transazioni possono ottenere un gran numero di benefici sul piano operativo.

Come comprare Criptovalute

La forza di queste monete speciali sta tutta nel loro carattere decentralizzato che gli consente una facile commercializzazione senza la pressione di alcun istituto finanziario. In tal senso le criptovalute vanno intese come un qualsiasi altro asset su cui investire con cui fare trading online sulle crypto in maniera facile e sicura.

Ovviamente come tutte le valute ne esistono di vari tipi e ognuna con le sue specifiche caratteristiche tecniche. Tra questi riteniamo che solo alcune si rivelano all’altezza della situazione per via dell’elevato livello di capitalizzazione che le rende particolarmente appetibili sul mercato online. Tra queste segnaliamo Bitcoin, Ethereum, Litecoin e Stellar.

Quello che bisogna sapere per meglio comprendere il loro funzionamento è che sono da considerarsi come un’alternativa alle valute tradizionali specialmente se pensiamo che esse possono essere utilizzate come forma di pagamento. A tal proposito va ricordato che sono accettate da diversi negozi.

Prima di capire in che modo possiamo accedervi e quindi comprarle vanno ricordato alcune condizioni chiave che si rivelano fondamentali per poter attuare una strategia sempre vincente. Di conseguenza non solo l’andamento delle criptovalute non è legato alla performance dell’economia nazionale ma le politiche monetarie non hanno alcun impatto su questa valuta digitale con la possibilità di accumularle nel proprio portafoglio in attesa che aumentino.

I tre punti chiave da considerare quando si acquistano criptovalute sono:

1. Metodo di pagamento

I metodi di pagamento vanno dalla carta di credito al bonifico bancario, all’app di pagamento (PayPal, Apple Pay, Google Pay, Samsung Pay, ecc.). Ogni metodo di pagamento comporta dei compromessi in termini di comodità, privacy e commissioni associate.

2. Piattaforma/sede utilizzata

Le piattaforme/luoghi  per l’acquisto di criptovalute includono fornitori di portafogli digitali, scambi spot centralizzati, sportelli OTC (servizi di scambio privati ​​”Over-The-Counter” utilizzati principalmente da individui con un patrimonio netto elevato), mercati peer-to-peer e persino app di pagamento come PayPal.

Naturalmente è anche possibile acquistare criptovalute faccia a faccia. Ad esempio, potresti dare contanti al tuo amico in cambio della ricezione di un importo concordato in criptovaluta.

3. Come conservare la criptovaluta

Per quanto riguarda dove va la tua criptovaluta dopo averla acquistata, le opzioni sono:

  1. In un portafoglio crittografico che controlli (ovvero un portafoglio “auto-custodiale”);
  2. In un portafoglio crittografico che qualcun altro controlla ad esempio uno scambio crittografico centralizzato.

Tabella dei Contenuti

Cose da considerare prima di acquistare criptovalute

Anche se acquistare criptovalute è già molto semplice oggi, ci sono ancora alcune cose da tenere a mente.

Sicurezza

Un sistema finanziario privo di banche e altre istituzioni centrali significa che sei tu stesso responsabile della sicurezza del tuo investimento in criptovalute. Questo inizia con la scelta di un exchange di criptovalute affidabile da cui acquistare criptovalute e con la scelta di un buon portafoglio crittografico in cui conservare le tue monete.

Commissioni

Sono previste commissioni associate all’acquisto, alla vendita e all’invio di criptovalute. Queste commissioni sono coperte da te e vanno all’exchange e/o ai validatori della rete blockchain.

Volatilità del mercato

Il mondo delle criptovalute è noto per la sua elevata volatilità del mercato, in cui il prezzo di una criptovaluta può fluttuare enormemente in pochi giorni o addirittura in poche ore. Tieni presente che, sebbene il prezzo possa aumentare rapidamente in qualsiasi momento, potrebbe scendere altrettanto rapidamente nella direzione opposta.

Le tasse

Il trading di criptovalute è una transazione imponibile in molti paesi. Sebbene l’acquisto di criptovalute sia solitamente esentasse, la vendita ed eventualmente anche lo scambio di criptovalute è una transazione fiscalmente rilevante.

Attualmente, gli scambi di criptovalute non detraggono le tasse per te. Pertanto dovete dichiarare voi stessi le vostre transazioni nella dichiarazione annuale dei redditi.

Truffe e perdite

Truffe, hacking e altre attività illegali portano sempre a perdite di criptovaluta. Soprattutto coloro che acquistano criptovalute per la prima volta devono familiarizzare con alcune precauzioni di sicurezza di base.

Ad esempio, l’exchange di criptovalute dovrebbe avere l’autenticazione a 2 fattori e, nel migliore dei casi, la protezione dei depositi. Inoltre, le criptovalute dovrebbero essere archiviate in un portafoglio di cui possiedi tu stesso le chiavi private.

Guida per principianti per comprare criptovalute

Per comprare criptovalute dobbiamo accedere ad una delle piattaforme di trading presenti online. Tenendo bene a mente che ognuna di essa offre delle condizioni e dei rischi differenti. Di conseguenza dobbiamo scegliere la piattaforma più adatta alle nostre esigenze non solo in base al budget di riferimento ma anche al tipo di aspettativa che abbiamo da questo genere di operazioni finanziarie. Di seguito abbiamo preparato delle mini guide per meglio orientarci tra le diverse piattaforme disponibili, ognuna con i suoi metodi attuativi e i suoi vantaggi, ma prima vediamo tutti i passaggi utili per comprare asset digitali.

Passaggio 1: che cosa sono le criptovalute?

Le criptovalute e la sottostante tecnologia blockchain sono diventate un concetto influente nel mondo finanziario e tecnologico negli ultimi dieci anni. Le criptovalute sono risorse digitali che utilizzano la crittografia per proteggere e verificare le transazioni e controllare la creazione di nuove entità, consentendo loro di funzionare indipendentemente dalle banche centrali e dai governi.

Possono essere utilizzati per una varietà di scopi, tra cui come mezzo di scambio, riserva di valore e investimenti speculativi. L’ultimo punto, in particolare, contribuisce notevolmente alla popolarità delle criptovalute. Non importa per quale motivo decidi di acquistare criptovalute, in questo articolo troverai tutti i passaggi necessari per completare il tuo primo acquisto.

Passaggio 2: scegli su quale tipo di crypto investire ?

Dal lancio di Bitcoin, oltre un decennio fa, diverse migliaia di altre criptovalute sono entrate nel mercato (e molte sono anche scomparse). Trovare la giusta criptovaluta da acquistare diventa rapidamente una sfida.

  • Bitcoin: Bitcoin è la criptovaluta più antica e probabilmente la più popolare. Il primo blocco Bitcoin è stato “estratto” il 3 gennaio 2009 e da allora la moneta ha visto una crescita assurda di valore. Il valore di un Bitcoin si aggirava intorno ai 45.000€ all’inizio del 2024, mentre era ancora a quasi 64.000€ alla fine del 2021. Anche se in alcuni casi le fluttuazioni di valore possono essere enormi, le criptovalute come Bitcoin si avvicinano ancora di più alla tradizionale moneta FIAT nella loro applicazione.
  • Ethereum: La rete Ethereum è un’applicazione più avanzata della tecnologia blockchain che abilita i cosiddetti contratti intelligenti e applicazioni decentralizzate (dApp). Si tratta di processi programmabili che possono essere eseguiti interamente senza un’autorità centrale tra due parti, ponendo le basi per l’ecosistema Web3. La criptovaluta della rete Ethereum si chiama Ether e ha, dopo Bitcoin, la seconda maggiore capitalizzazione di mercato tra tutte le criptovalute.
  • Altcoin: “Altcoin” è un termine collettivo per tutte le criptovalute oltre a Bitcoin. Queste altcoin differiscono tra loro, a volte notevolmente, nelle loro applicazioni. Molti progetti di altcoin hanno grandi ambizioni, ma solo pochi resistono alla prova del tempo. Soprattutto per i principianti: nel trading di criptovalute si consiglia cautela.
  • NFT Crypto: L’acronimo NFT sta per Non-Funible Token. A differenza di altre criptovalute, ogni NFT è unico e attribuibile in modo univoco, consentendone l’utilizzo come prova di proprietà e autenticità. Finora, gli NFT sono stati utilizzati, ad esempio, per tokenizzare opere d’arte digitali, certificati di proprietà o persino scarpe da ginnastica.
  • DeFi Crypto: La DeFi (finanza decentralizzata) consente applicazioni finanziarie tradizionali senza un soggetto centrale sulla blockchain. Ad esempio, consente di prestare senza una banca o di funzionare come blockchain proof-of-stake utilizzando lo staking crittografico.

Passaggio 3: scegli uno scambio o un broker di criptovalute

Acquista criptovaluta tramite uno scambio di criptovalute o un broker di criptovalute. Se desideri acquistare o vendere criptovalute, il modo più semplice per farlo è tramite uno scambio di criptovalute o un broker tradizionale.

Cos’è uno scambio di criptovalute?

Uno exchange di criptovalute è un mercato digitale in cui acquirenti e venditori di criptovalute possono scambiare monete direttamente tra loro. Lo scambio addebita una piccola commissione per ogni operazione. Il prezzo di acquisto o di vendita delle valute in borsa è determinato equamente dalla domanda e dall’offerta. Gli scambi di criptovalute offrono una gamma più ampia di cosiddette coppie di scambio, ovvero valute che possono essere scambiate tra loro.

Le coppie di trading possono essere costituite da valute fiat tradizionali e criptovalute, ad esempio Euro e Bitcoin, ma anche da due diverse criptovalute, come Ethereum e Solana. Pertanto, ti offrono molta flessibilità quando acquisti criptovalute. Alcuni degli scambi di criptovalute più popolari sono Coinbase, Binance o Kraken .

Cos’è un broker di criptovalute?

Un broker crypto agisce come una terza parte, spesso una singola persona o azienda, che media tra acquirente e venditore. A differenza di uno scambio di criptovalute, è il broker stesso a determinare il prezzo della valuta in questione. I broker di criptovalute spesso hanno meno scelta di coppie di trading e addebitano commissioni più elevate. In cambio, offrono un modo semplice e intuitivo per acquistare criptovalute. Ciò li rende particolarmente apprezzati dalle persone che acquistano criptovalute per la prima volta.

Passaggio 4: crea un conto di trading

Imposta il tuo conto di trading per acquistare criptovalute. Creare un conto di trading con uno scambio di criptovalute o un broker di criptovalute è solitamente molto simile e oggi richiede solo pochi minuti.

Aprire un account

Per creare un account, il primo passo è compilare il modulo fornito con i tuoi dati: a partire dal tuo nome completo, email e una password impostata. Assicurati di scegliere una password complessa con caratteri appropriati. Dovrai confermare il tuo indirizzo email per continuare.

Conferma l’identità

Dopo aver confermato la tua email, viene avviato il processo KYC. KYC sta per “Conosci il tuo cliente” e si riferisce a un processo in cui i clienti devono confermare la propria identità prima di utilizzare un servizio finanziario. KYC è un requisito legale per i fornitori di servizi finanziari volto a prevenire frodi, riciclaggio di denaro e finanziamento del terrorismo. L’acquisto di criptovalute di solito richiede la conferma del tuo nome completo, data di nascita, indirizzo e un documento di identificazione ufficiale.

Passaggio 5: deposita una valuta

Ricarica il tuo conto di trading. Per acquistare criptovalute, avrai bisogno di denaro fiat o di un’altra criptovaluta. Quindi, prima di poter iniziare a fare trading in borsa, devi depositare una valuta sul tuo conto di trading. Per depositare valute fiat come Euro o Dollari, l’Exchange fornirà un conto bancario e istruzioni di pagamento tramite le quali il deposito potrà essere assegnato in modo univoco al tuo conto di trading.

Per depositare criptovalute, devi prima generare un indirizzo per il portafoglio corrispondente. Alcuni scambi e broker offrono anche l’acquisto di criptovalute tramite carta di credito, PayPal o altri metodi di pagamento, il che semplifica e accelera l’intero processo.

Passaggio 6: effettua l’ordine

Effettua un ordine di acquisto di criptovalute. Un ordine determina il modo in cui acquisti o vendi una criptovaluta. Gli scambi di criptovalute offrono diversi tipi di ordini, ecco quelli più importanti in sintesi.

Ordine di mercato

Questo è un ordine per acquistare o vendere una criptovaluta al prezzo di mercato corrente. Un ordine di mercato viene eseguito immediatamente e viene solitamente utilizzato per entrare o uscire rapidamente da una posizione.

Ordine limite

Un ordine limite è un ordine per acquistare o vendere una criptovaluta a un prezzo specifico o migliore.

Ad esempio, se il prezzo attuale della criptovaluta è 1.000 €, potresti effettuare un ordine limite per 800 €. L’ordine limite verrà quindi eseguito solo quando il prezzo raggiunge o scende al di sotto del prezzo specificato.

Pertanto, un ordine limite è utile se desideri acquistare o vendere a un prezzo inferiore.

Smetti di ordinare 

Lo Stop Order è un ordine per acquistare o vendere una criptovaluta a un prezzo specificato o inferiore.

Ad esempio, se il prezzo attuale della criptovaluta è di 1.000 euro, si potrebbe effettuare un ordine stop per 1.200 euro. L’ordine stop verrà quindi eseguito solo quando il prezzo raggiunge o supera il prezzo specificato.

Pertanto, un ordine stop è utile se desideri acquistare o vendere a un prezzo più alto.

Altri tipi di ordine

Esistono altri tipi di ordini, di cui non parleremo in dettaglio nel contesto di questa guida per principianti. Questi includono l’ordine Stop Limit, l’ordine Stop Loss o gli ordini Trailing Stop/Trailing Limit, che ti consentono tutti di acquistare o vendere criptovalute se vengono soddisfatte condizioni molto specifiche.

Passaggio 7: aspetta e vedi

Il tuo ordine di acquisto viene eseguito una volta soddisfatte tutte le condizioni. Quando e se il tuo ordine verrà eseguito dipende da diversi fattori. Un ordine di mercato verrà eseguito immediatamente, purché la criptovaluta disponga di liquidità sufficiente. Ciò significa che devono esserci abbastanza persone che vogliono acquistare o vendere questa criptovaluta. Una criptovaluta come Bitcoin, che viene scambiata diverse centinaia di migliaia di volte al giorno, è molto liquida. Gli ordini di mercato qui vengono eseguiti immediatamente e le fluttuazioni dei prezzi a breve termine sono molto gestibili.

Un altcoin meno conosciuto o meno popolare con bassa liquidità potrebbe essere scambiato solo poche volte al giorno. In questo caso potrebbe essere necessario del tempo prima che l’ordine di mercato venga eseguito e il prezzo potrebbe essere cambiato radicalmente nel frattempo. Per gli altri tipi di ordine, ovviamente, le rispettive condizioni devono essere soddisfatte prima dell’esecuzione dell’ordine. 

Passaggio 8: proteggi la tua criptovaluta

Proteggi la tua criptovaluta appena acquistata in un portafoglio, Congratulazioni, ora hai acquistato una criptovaluta! Forse per la prima volta, forse per la centesima volta. In ogni caso, ora dovresti iniziare a pensare a come mantenere al sicuro le tue criptovalute.

A causa della natura decentralizzata delle criptovalute, sei la tua banca, il che significa che sei tu stesso responsabile della gestione e della protezione dei tuoi investimenti in criptovalute.

Questo viene fatto attraverso il cosiddetto portafoglio crittografico. Esistono diversi tipi di portafogli, con i propri vantaggi e svantaggi.

Passaggio 9: prelevare criptovalute

Ritira il tuo acquisto di criptovaluta dall’exchange o dal broker. Se scegli di non conservare le tue criptovalute sull’exchange, dovrai ritirarle su un portafoglio diverso. Tutto ciò di cui hai bisogno è l’indirizzo del portafoglio crittografico in cui vuoi ritirare le tue criptovalute.

Per fare ciò, cerca la voce di menu “Prelievo” o “Invia” sull’exchange e conferma il nuovo indirizzo del portafoglio. Assicurati che l’indirizzo del portafoglio sia corretto e che il portafoglio supporti anche la criptovaluta: un indirizzo del portafoglio errato o non supportato comporterà la perdita delle tue criptovalute. A differenza dei trasferimenti bancari, le transazioni crittografiche non possono essere annullate!

Passaggio 10: vendi criptovalute

Se hai acquistato criptovaluta, probabilmente intendi venderla prima o poi. Segui i passaggi da 5 a 7 per vendere le tue criptovalute. La criptovaluta deve prima essere in borsa. Quindi scegli il tipo di ordine appropriato e le condizioni alle quali desideri vendere la criptovaluta. Poi si torna ad aspettare.

Tieni presente che potrebbero essere applicate tasse sulla vendita o sullo scambio di criptovalute! Puoi saperne di più su questo argomento più avanti in questo.

Guida passo passo per comprare criptovalute con un exchange centralizzato

Con questo metodo, la criptovaluta acquistata sarà inizialmente trattenuta dall’exchange di criptovalute per tuo conto. Quando ritiri criptovalute da uno scambio, sarai soggetto alla politica di prelievo e alle commissioni dello scambio. In alcuni casi, potresti non essere in grado di prelevare per giorni o settimane e la commissione di prelievo potrebbe essere molto più elevata di quella che sarebbe normalmente una commissione per una transazione crittografica per quella rete.

Ecco il flusso tipico per l’acquisto di criptovaluta da un exchange:

  1. Visita un sito web di scambio di criptovalute.
  2. Crea un account e verifica la tua identità come richiesto.
  3. Segui le istruzioni del sito web per acquistare i tuoi criptoasset, come Bitcoin (BTC) ed Ether (ETH).
  4. La criptovaluta acquistata apparirà nel tuo conto di scambio.
  5. Se desideri assumere il pieno controllo del tuo criptoasset, invialo dall’exchange al tuo portafoglio auto-custodiale

Acquistare criptovalute utilizzando una piattaforma di trading peer-to-peer

Una varietà di piattaforme FACILITA lo scambio di criptovalute offrendo:

  1. una sede in cui acquirenti e venditori possono pubblicare i propri ordini di acquisto e vendita
  2. un servizio di deposito a garanzia e di risoluzione delle controversie.

Poiché queste piattaforme aiutano principalmente le persone a ritrovarsi, in molte giurisdizioni le piattaforme stesse non sono tecnicamente classificate come “trasmettitori di denaro”, quindi in alcuni casi non richiedono che tu riveli la tua identità per poterle utilizzare.

Per gli acquirenti attenti alla privacy, quindi, le piattaforme P2P possono essere un metodo efficace per ottenere criptovalute, nonostante siano generalmente meno convenienti e spesso più costose nel complesso (può essere difficile ottenere il tasso di mercato “corretto” utilizzando questo metodo a causa della mancanza di liquidità).

Tieni presente, tuttavia, che, come venditore, utilizzare una piattaforma peer-to-peer per impegnarsi nella vendita commerciale di criptoasset potrebbe trovarti dalla parte sbagliata della legge nel tuo paese poiché potresti essere considerato un intermediario di denaro che opera senza licenza.

La maggior parte degli scambi di criptovalute peer-to-peer integra un sistema di reputazione, il che significa che tracciano e visualizzano la cronologia degli scambi dei propri utenti. Se stai cercando di acquistare utilizzando uno scambio P2P, ti consigliamo di scegliere venditori che hanno una buona reputazione, nel senso che hanno completato diverse operazioni e non hanno mai ricevuto un reclamo.

Il processo per acquistare criptoasset utilizzando uno scambio peer-to-peer è in genere il seguente:

  1. Sfoglia le inserzioni per tipo di pagamento (es. bonifico bancario, PayPal, ecc.), importo, ubicazione del venditore, reputazione e così via.
  2. Avviare uno scambio. In questo modo si blocca il criptoasset in un conto di deposito a garanzia.
  3. Inviare l’importo del pagamento concordato tramite il metodo di pagamento concordato. Tieni presente che ciò potrebbe anche significare incontrare il venditore di persona e consegnare direttamente i contanti.
  4. Il venditore conferma quindi la ricezione del pagamento tramite il sito web o l’app. Ciò fa sì che il criptoasset venga rilasciato dal deposito a garanzia sul tuo portafoglio crittografico.
  5. In alcuni casi, il criptoasset acquistato verrà rilasciato dal deposito a garanzia direttamente nel portafoglio crittografico di tua scelta. In altri casi, verrà prima inviato al portafoglio del tuo account della piattaforma peer-to-peer (che in genere è un portafoglio web di custodia).

In tal caso, vorresti ritirarlo su un portafoglio crittografico che controlli. Tieni presente che questo passaggio finale spesso comporta una commissione, che in genere costituisce il modello di business della piattaforma peer-to-peer.

Guida alla scelta dell’exchange crypto

Per comprare criptovalute abbiamo due strade percorribili di fronte a noi: possiamo affidarci agli Exchange per una solida attività di compravendita favorita da ridotti costi di commissione oppure possiamo cercare un intermediario scegliendo uno dei broker di trading online che lavorano con i contratti per differenza. Di seguito troverete una sintesi di questi due sistemi con i loro vantaggi funzionali derivanti da un ottimo potenziale in termini di praticità sul mercato.

Se ci affidiamo agli exchange possiamo comprare le criptovalute che vogliamo in maniera diretta potendo fare affidamento su piattaforme specifiche caratterizzate da alta liquidità delle monete digitali potendo. In questo modo andremo a risparmiare dato che sono previsti dei bassissimi sulle commissione di acquisto. Tra questi riteniamo che i migliori siano:

In quest’ottica di convenienza siamo di fronte a sistemi di trading alternative che puntano tutto su un intervento diretto e senza intermediari con soluzioni d’acquisto delle criptovalute davvero vantaggiose. Come primo passaggio è richiesta un’iscrizione online inserendo una serie di informazioni personali relativamente alla carta d’identità, al numero di telefono, alla mail, alla residenza e alla scelta del Wallet su cui eseguire un pagamento. Questi dati inseriti e tutelati nella massima sicurezza ci consentiranno di iniziare la nostra compravendita in modo da procedere all’apertura di un nuovo conto utile per acquistare o vendere le criptovalute interessate.

Come comprare criptovalute con eToro

eToro è un popolare broker crypto che consente a tutti un rapido accesso ai sistemi di investimento in criptovalute. Non è un caso che venga considerato il più sicuro e affidabile tra tutti quelli proposti online a fronte di un pacchetto di monete digitali vario e diversificato (ne abbiamo contate 16).

Dalla sua parte si schiera anche una notevole gestione delle transazioni online che dimostrano non solo una certa serietà professionale ma anche una capacità di personalizzazione che di fatto alza la posta in gioco. In questa breve guida ci soffermeremo sui metodi validi per acquistare cripto su questa piattaforma con un focus sui sistemi dalla semplicità operativa che di fatto consentono un accesso più veloci agli interventi nel mercato online.

Ognuno dei metodi proposti per acquistare cripto su eToro passa necessariamente per una registrazione con la quale possiamo accedere liberamente e in qualsiasi momento al nostro portafoglio digitale dove volta per volta si possono accumulare le cripto acquistate. In siffatto contesto l’acquisto di BTC su eToro può essere eseguito attraverso 3 passaggi molto semplici e alla portata di tutti.

Di conseguenza non dobbiamo solo effettuare una registrazione ma anche versare un deposito per la conversione e quindi per ultimare l’acquisto. Basta farlo almeno una volta per poter capire come effettivamente funziona questo passaggio operativo, in modo da poter replicare questa pratica tutte le volte che vogliamo comprare queste monete digitali. Ora scopriamo insieme tutti i passaggi per definire l’acquisto con lo scopo di fornire una guida utile anche a coloro che non hanno alcuna dimestichezza con questo genere di contrattazioni online.

eToro

1. REGISTRAZIONE

Il primo passaggio da seguire è quello della registrazione in modo da poter ottenere fin da subito la piena tutela dei propri dati. Ragion per cui attraverso il sito ufficiale effettuiamo la registrazione del nostro profilo cliccando sulla voce “Iscriviti ora”. In automatico saremo indirizzati su una pagina dove ci sarà richiesto di inserire il nostro nome utente a cui dobbiamo necessariamente associare un indirizzo mail con annessa password.

Questo passaggio per quanto semplice va fatto con estrema cura per poterci assicurare quelle garanzie operative necessarie per il rispetto delle normative sulla privacy. A quel punto ci basta solo selezionare la voce “Crea account” per ottenere dal sito una mail di conferma che ci servirà per definire l’iscrizione alla piattaforma. Semplice no?

2. DEPOSITO DENARO

Una volta registrato il nostro profilo possiamo passare alla fase del deposito del denaro. Un momento chiave per poi procedere all’effettivo acquisto di tutte le criptovalute che vogliamo. Lo diciamo subito: questo passaggio è davvero elementare e tutti possono accedervi in maniera sicura e affidabile.

In pratica per ottimizzare l’operazione ci basta solo cliccare sulla voce “Deposita denaro” e il gioco è fatto. Le relativi limitazioni che il nostro contro potrebbe avere nel momento del deposito dipende in massima parte dall’avvenuta o meno verifica dei dati inseriti. Parliamo di 2.000 dollari di massimo che può essere superato solo quando ci viene notificata l’approvazione dei nostri dati sensibili. Da quel momento possiamo iniziare a progettare un acquisto delle criptovalute senza freni e ostacoli.

3. COMPRA CRIPTOVALUTE

A questo punto possiamo comprare facilmente le cripto che desideriamo. Quello che dobbiamo fare è comunicare alla piattaforma la cifra che vogliamo convertire con la possibilità di scegliere il pagamento che vogliamo a seconda delle nostre esigenze.

In tal senso una volta cliccato sul pulsante si apre una finestra nella quale possiamo digitare l’importo desiderato con l’annesso metodo di pagamento tra diversi proposti: da Paypal a Carta di credito, dal Trasferimento rapido al Bonifico bancario (SEPA), dal Trasferimento bancario istantaneo allo Skrill, dall’UnionPay al Neteller. La selezione dell’importo e del sistema di pagamento è un passaggio chiave da ottimizzare con il tasto “Invia”.

Le future operazioni saranno determinate proprio da questa scelta dato che in base a quanto depositato possiamo effettuare una conversione con tempistiche variabili con tempi decisamente più brevi se optiamo per Paypal, carta di credito o Skrill dove il deposito viene caricato in maniera istantanea.

Ragion per cui se cerchiamo una situazione automatica dobbiamo procedere attraverso i tre sistemi di pagamento appena citati. In questa fase bisogna effettuare delle verifiche necessarie come quella di accertarci che il deposito sia finito proprio nel nostro account. Da lì basta selezionare la voce “Mercati” e da lì quella seguente “Crypto”, e il gioco è fatto!

La finestra che vedrete aprire successivamente alla scelta di un acquisto di criptovalute è strutturata per darvi un’idea di tutte le opzioni possibili con una serie di condizioni a determinati valori, optando però solo nella selezione della quantità che vogliamo investire e quindi acquistare, non soffermandoci quindi su alcuna variazione di costanti che prevedono l’intervento di un esperto.

A quel punto possiamo finalmente digitare sulla voce “Acquista” e dalla finestra pop-up si aprirà potremo effettuare il nostro primo acquisto di criptovalute, facendo bene attenzione a non modificare alcun valore a meno che non si tratti di CFD che prevedono altre dinamiche per ottimizzare il processo di conversione.

Concludendo l’acquisto di criptovalute sulla nota piattaforma eToro si rivela semplice e schematico in modo che tutti possano accedere ai suoi strumenti per una efficiente esperienza di investimento all’insegna della praticità ma soprattutto della convenienza con una serie di passaggi di conversione tra denaro e cripto che si rivela vantaggiosa per tutti. Nella piattaforma poi per iniziare ad investire basta seguire uno dei percorsi selezionati per un investimento sicuro e avvincente. Siete pronti ad utilizzare eToro?

Come comprare criptovalute con Binance

Quando parliamo di Binance ci riferiamo a una delle piattaforme exchange più popolari e famose al mondo, inoltre è una piattaforma per il trading online che ci consente anche di operare con le criptovalute, questa piattaforma ci consente di operare ovviamente in termini di sicurezza e legalità, ma soprattutto con rapidità. Una volta acquistata la criptovaluta di nostro interesse potremo tranquillamente depositarla nel nostro wallet e da lì gestirla.

La prima cosa da fare su Binance, se vogliamo cominciare ad acquistare criptovalute, è quella di registrarsi alla piattaforma. Ovviamente la registrazione avviene in modo del tutto gratuito.

Puoi registrarti gratis a Binance cliccando qui

La prima cosa che ci verrà richiesto al momento della registrazione sono ovviamente i dati, infine, per poter superare il limite massimo di prelievo, possiamo anche inserire la copia della nostra carta d’identità, o un documento affine. Una volta fatto questo andremo a inserire l’autenticazione a due fattori.

Acquistare criptovalute su Binance tramite carta di credito

Una volta che poi abbiamo effettuato il nostro accesso alla piattaforma, andremo a selezionare la voce “Markets“, che ci consentirà di fare il nostro primo ordine.

Possiamo acquistare le criptovalute di nostro interesse direttamente con la nostra carta di credito oppure di debito, ma anche con un bonifico bancario. Inoltre per fare questi acquisti possiamo anche usare altri tipi di valute, quindi è consentito anche usare la moneta Fiat, che sia euro o dollaro, ma abbiamo anche la possibilità di usare altre criptovalute per acquistare criptovalute.

Il secondo passo da fare è quello di depositare delle monete, che siano fiat, quindi euro o dollaro, oppure anche criptovalute. Per fare questo bisognerà ovviamente accedere alla piattaforma con le nostre credenziali.

A questo punto per comprare criptovalute su Binance, seguendo le indicazioni che ci vengono fornite direttamente dalla piattaforma, andremo a inserire i dati della nostra carta di credito o di debito.

Dal nostro account andremo a selezionare “Wallet“, poi di seguito “Spot” e “Deposit“, una volta effettuato questo passaggio possiamo scegliere la moneta fiat, oppure la criptovaluta che vogliamo usare per acquistare la criptovaluta di nostro interesse. Una volta fatto questo andremo a specificare il metodo di pagamento a noi più congeniale e potremo cominciare il nostro acquisto.

Acquistare criptovalute su Binance tramite bonifico bancario

Possiamo comprare criptovalute su Binance anche tramite il bonifico bancario, come dicevamo prima. Per fare questo dobbiamo selezionare “deposito bancario” inserire l’importo e poi cliccare “continua“. Quando dobbiamo impostare il bonifico andremo a inserire i nostri dati nella causale e il bonifico sarà accreditato su Binance con le dovute tempistiche bancarie.

Inoltre possiamo depositare i nostri soldi su Binance anche direttamente altri exchange, questo può essere richiesto tramite l’apposita sezione “Deposito“, occorrerà solamente inserire il nostro indirizzo esatto per poter trasferire i fondi in maniera univoca le somme.

Stop loss e tipo limite su Binance per l’acquisto delle criptovalute

Infine dovremo acquistare le criptovalute e per fare questo dovremo accedere al nostro account su Binance, cliccare su “Markets” e inserire la valuta da scambiare nella casella selezionata con il nome di “Search coin pairs“, in questo caso quindi andremo a inserire l’euro, che è la moneta che vogliamo scambiare, e la criptovaluta che vogliamo comprare. Possiamo scambiare la nostra criptovaluta con dollari, euro, oppure anche altre tipologie di altcoin, presenti nella lista.

Una volta che abbiamo selezionato la voce “Buy” ci verranno presentate le varie opzioni in merito alle varie transazioni che vogliamo effettuare, possiamo decidere di acquistare tramite un ordine a mercato oppure anche tramite un ordine di tipo limite, o di stop limit, oppure un ordine OCO. Se vogliamo scegliere un ordine di tipo limite possiamo inserire il prezzo e quanto vogliamo acquistare in base alle nostre disponibilità presenti sul nostro conto.

Una volta che l’ordine comincia ad essere lavorato o eseguito, non vedremo più l’ordine in sospeso. Andremo a inserire direttamente l’ammontare della moneta che vogliamo acquistare oppure impostiamo la percentuale di moneta per il calcolo automatico, ovviamente sempre in base alle varie disponibilità che abbiamo nel nostro portafoglio virtuale.

L’ordine che è denominato stop limit ci consente di impostare le varie istruzioni per l’ordine limite di acquisto, questo una volta che abbiamo raggiunto il limite da noi preinserito.

Per quanto riguarda invece l’ordine OCO, acronimo di One Cancels the Other Order, questo è un metodo che ci consente di inserire lo stop loss o il take profit, questo in modo del tutto contemporaneo, per poter proteggere la nostra posizione.

Quindi con l‘OCO possiamo avvalerci dell’automazione in maniera molto comoda sia in fase di ingresso che in fase di uscita dal mercato, quindi nel caso il take profit dovesse scattare lo stop loss verrà in automatico cancellato. Al contrario invece se lo stop loss scatta, quindi ci troverà in posizione di contromercato, il take profit verrà cancellato automaticamente.

Per quanto riguarda le commissioni invece, ricordiamo l’acquisto di criptovalute su Binance è soggetto a commissioni. Infatti su Binance le commissioni ci sono, ma sono tra le più basse presenti nel settore, inoltre possiamo scontarle del 50% se andiamo a impostare sulla piattaforma il pagamento di queste su BNB, ovvero la criptovaluta di Binance.

Vi invitiamo a seguire quanto riportato direttamente dalla pagina ufficiale di Binance: www.binance.com. Sulla piattaforma sarete sempre aggiornati su quanto si muove al suo interno, che siano novità o cambiamenti. Binance, ad oggi, rimane comunque uno tra i più importanti e famosi exchange, sicuri e legali di cui possiamo fidarci per investire in criptovalute.

Apri un conto su Binance

Come comprare criptovalute con CoinBase

Wallet Coinbase

Il mondo delle criptovalute sta diventando sempre più accessibile conquistando un numero crescente di utenti che preferiscono affidarsi alle loro logiche di mercato. In questo scenario sono tante le piattaforme che si pongono come obiettivo, quello di fornire gli adeguati strumenti finanziari per favorire un’esperienza di investimento sempre sicura e vincente.

Nello specifico, in questo breve articolo, ci soffermeremo sui vantaggi di CoinBase, uno dei pochi broker in grado di assicurare in qualsiasi condizione un’elevata protezione per gli acquisti. Ciò accade perché in sostanza i depositi delle criptovalute sono archiviate offline senza che vi sia un facile accesso dall’esterno.

Se a ciò aggiungiamo anche una comprovata convenienza con un costi commisurati alle opportunità, risulta comprensibile la ragione del suo sempre crescente successo commerciale. Completano la lista dei suoi vantaggi un’evidente semplicità nella gestione delle funzioni base che la rendono particolarmente intuitiva.

Certo, se ci fossero stati dei grafici per l’andamento dei Bitcoin sul mercato sarebbe stato meglio, ma per il resto non possiamo proprio lamentarci! Ora scopriamo in che modo comprare criptovalute su CoinBase in modo veloce e automatico nella totale sicurezza del nostro denaro ma soprattutto dei nostri dati sensibili.

In cosa consiste la registrazione?

La registrazione è molto semplice. Quello che dobbiamo fare è recarci sul sito ufficiale inserendo i nostri dati, la nostra email con annessa password, allegando poi una copia dei nostri documenti e aspettare una risposta da CoinBase per la verifica delle nostre generalità. Da quel momento possiamo iniziare a comprare cripto su CoinBase e ad investirle nel mercato online.

Puoi registrarti su Coinbase cliccando qui

Che tipo di modalità di pagamento sono previste?

Versando un capitale ben preciso per la conversione in criptovalute  andiamo a scegliere il metodo di pagamento più vicino alle nostre esigenze. Il procedimento è piuttosto facile dato che siamo di fronte ad una piattaforma molto intuitiva che consente a tutti un rapido accesso alle funzioni base.

Infatti fin dalla prima applicazione possiamo notare sulla dashboard del sito una voce molto importante che ci consente di controllare in maniera costante l’andamento delle monete principali scambiate sull’exchange. A ciò si aggiunge la possibilità di selezionare il metodo di pagamento dal menù di acquisto scegliendo non solo la tipologia tra carta di credito e bonifico bancario ma anche la frequenza di accesso. Tenendo bene a mente che per la carta di credito il trasferimento viene effettuato immediatamente, al contrario per bonifico ci vogliono invece 3/4 giorni lavorativi.

Come avviene effettivamente l’acquisto di criptovalute?

L’acquisto effettivo è veramente alla portata di tutti perchè i passaggi sono decisamente automatici. Infatti dobbiamo solo selezionare la voce Acquista/Vendi collegata già con il metodo di pagamento prescelto. Se non avete ancora deciso che tipo di pagamento fare, potete farlo al momento tramite la freccia rossa con cui sceglierete se pagare con carta oppure con benefico. Le differenze come abbiamo visto riguardano le tempistiche di verifica e successivamente il costo delle commissioni. Di conseguenza sta a voi scegliere la tipologia più affine ai vostri obiettivi.

Di conseguenza se acquistiamo con carta di credito dobbiamo selezionare il controvalore in euro di Bitcoin e poi necessariamente confermare l’operazione per bloccarla. Al contrario se decidiamo di effettuare l’acquisto tramite conto corrente bancario o bonifico, il procedimento richiede qualche giorno in più. Successivamente indipendentemente dal tipo di pagamento che abbiamo deciso di seguire possiamo sempre controllare che la registrazione sulla blockchain sia avvenuta con successo tramite il link di riferimento che indica in tempo reale l’acquisto dei Bitcoin.

Come possiamo vendere e trasferire Bitcoin?

La vendita e il trasferimento di criptovalute ha più o meno lo stesso procedimento dell’acquisto. Basta solo seguire i passaggi automatici. Di conseguenza una volta cliccato sulla voce “Acquista/Vendi” e indicato che vogliamo vendere, ci resta solo selezionare la quantità di Bitcoin che vogliamo dunque vendere. A quel punto confermiamo l’operazione e aspettiamo la chiusura del blocco con annesso codice di riferimento della transazione. Tenendo bene a mente che CoinBase essendo sostanzialmente un exchange conserva ancora una funzione base come quella di trasferire Bitcoin o di riceverli in qualsiasi momento.

Per autorizzare il trasferimento dobbiamo semplicemente entrare nel nostro portafoglio (wallet) e inserire l’importo che vogliamo convertire aggiungendo l’indirizzo relativo del soggetto a cui vogliamo trasferire la somma che abbiamo deciso. Invece per quanto riguarda la ricezione dei Bitcoin basta cliccare sulla voce relativa alla richiesta del codice QR da poter inviare al destinatario desiderato. In alternativa possiamo semplicemente copiare il proprio indirizzo sotto al riquadro in basso, dato che abbiamo sempre tutte le funzioni a portata di mano. Semplice, no?

Che tipo di costi e commissioni sono previsti?

Partendo dal presupposto che la registrazione è gratuita possiamo ritenerci soddisfatti nello scoprire che la commissione da pagare una tantum è davvero irrisoria rispetto alle tempistiche di investimento. A tal proposito si parla di una commissione inerente allo spread base di 0,50% a cui si aggiunge un costo in base all’importo di Bitcoin.

Scegliendo questo fattore come criterio di oscillazione del pagamento stesso. Ovviamente il costo cambia a seconda del sistema che abbiamo scelto per comprare criptovalute. Questo vuol dire che i due metodi di pagamento previsti autorizzano costi diversi, laddove con la carta di credito le commissioni restano sempre sui 2 € mentre per chi preferisce fare il bonifico bancario bisogna calcolare un valore dell’1,49% dell’importo versato. In pratica per capire meglio le dinamiche dei costi basta osservare che il possesso dei Bitcoin non viene considerato tassabile così come invece lo è il trasferimento stesso.

Apri un conto su Coinbase

Metodi alternativi per comprare criptovalute

Esistono diverse opzioni di investimento per investire in criptovalute senza acquistare direttamente le criptovalute.

Trust crittografici

Un crypto trust è un tipo di veicolo di investimento che detiene criptovalute per conto degli investitori. Funziona in modo simile a un fondo comune di investimento tradizionale, con un fiduciario che detiene e gestisce le attività.

Gli investitori possono acquistare azioni del trust, che rappresentano una parte del patrimonio detenuto dal trust. I trust crittografici in genere addebitano una commissione di gestione e possono essere negoziati su borse pubbliche.

Fondi comuni di criptovaluta

Un fondo comune di criptovaluta è un fondo gestito professionalmente che raccoglie il denaro degli investitori per investire in criptovalute.

I fondi comuni di investimento possono investire in una varietà di criptovalute e altre risorse digitali, utilizzando diverse strategie di investimento per generare rendimenti. I fondi comuni di investimento in criptovaluta spesso richiedono importi minimi di investimento oltre alle commissioni di gestione.

ETF crittografici

Un ETF crittografico (exchange-traded fund) è un tipo di veicolo di investimento che traccia il prezzo di una o più criptovalute. Come gli ETF tradizionali, gli ETF crittografici sono negoziati su borse pubbliche e possono essere acquistati e venduti come le azioni.

Offrono agli investitori l’opportunità di investire in un portafoglio diversificato di criptovalute senza dover possedere le attività sottostanti.

Gli ETF sulle criptovalute addebitano inoltre una commissione di gestione e potrebbero avere requisiti minimi di investimento.

Aziende blockchain

Molte società blockchain sono quotate in borsa e gli investitori possono acquistare e vendere azioni di queste società proprio come qualsiasi altro titolo.

Quali criptovalute comprare ?

Lavorare e investire nel mercato delle criptovalute è diventato in poco tempo un must per tutti coloro che investono in tutto il mondo, questo soprattutto per il fatto che sono degli strumenti finanziari in grado di garantire il massimo dei profitti rispetto alla maggior parte degli asset. Siamo tutti d’accordo di concordare sul fatto che il mondo delle criptovalute sono certamente il futuro del trading e in generale degli investimenti finanziari.

Molto probabilmente il Bitcoin, la maggior valuta digitale presente sul mercato, non avrà perennemente una popolarità costante, ma potrebbe accadere che venga sostituito da altre criptovalute. Tutto sta nelle capacità dei creatori di monete digitali e nella creazione di tecnologie innovative in questo campo.

Ovviamente provare a prevedere quale possa essere la prossima criptovaluta maggiore, come per ora lo è il Bitcoin, è davvero impossibile, però possiamo cercare di individuare quelle che possono essere oggi considerate le migliori monete digitali emergenti. Il modo più adatto per effettuare una certa valutazione per individuare le monete digitali migliori è quello di visualizzare la classifica per quanto riguarda la capitalizzazione delle valute digitali emergenti. A questo punto bisognerà occuparci delle tre grandi criptovalute evitando di concentrarci sulle altre di minor valenza.

Bitcoin

Il Bitcoin è senza alcun dubbio la miglior criptovaluta di grande fama e con una capitalizzazione davvero molto elevata. Si tratta delle prima criptovaluta ad essere stata creata, a tutt’oggi risulta essere ancora il mezzo migliore per coloro che vogliono investire nelle criptovalute. Il Bitcoin è la criptovaluta di riferimento per tutte le altre criptovalute, è in sostanza la moneta digitale che ha permesso la fama delle altre monete digitali anche di quelle emergenti create dopo il suo avvento. Questa criptovaluta viene usata per investire nei vari mercati finanziari e anche nel trading online ha ottenuto ottimi riscontri.

Per quanto riguarda la blockchain usata dal Bitcoin possiamo dire che si tratta di una blockchain davvero grande e ampiamente sviluppata, ma che ha il difetto di cominciare a registrare già i primi acciacchi dal punto di vista della scalabilità, questo per il fatto che siccome i moltissimi clienti che la usano continuano ad aumentare ogni giorno di più, la velocità della piattaforma comincia a non essere più efficace, o meglio comincia a registrare i primi rallentamenti.

Ethereum

La seconda criptovaluta migliore al mondo è l’Ethereum ed è diventata molto famosa negli ultimi tre anni, andando a confermarsi una delle migliori alternative al Bitcoin. Grazie al fatto che questa criptovaluta si basa sulla tecnologia degli smart contracts, questa interessante moneta digitale è riuscita a evolversi in modo molto veloce. Questo perché grazie alla tecnologia degli smart contracts è possibile creare delle app per crypto e app per Bitcoin completamente decentralizzate.

Il fatto che l’Ethereum sia fondata su questa particolare tecnologia ha permesso ai vari investitori di apprezzare il fatto che questa moneta digitale aumenti la sua potenzialità e di conseguenza la sua crescita. Proprio per questa ragione in molti hanno cominciato a comprare Ethereum.

Ripple

La terza valuta per capitalizzazione presente sul mercato finanziario è il Ripple, in questo periodo volge in un momento davvero molto positivo. La particolarità di questa criptovaluta è il fatto che è possibile ricevere e inviare del denaro senza nessuna commissione applicata oppure richiesta. Ci sono diverse ragioni per le quali Ripple ha avuto un successo tutto sommato da non evitare, queste sono la professionalità e il fatto che risulta essere una criptovaluta del tutto affidabile.

Per quando riguarda invece l’orientamento di questa criptovaluta occorre sottolineare il fatto che Ripple è una valuta orientata verso le banche proprio per fare in modo da tagliare i vari costi della gestione. Ci sono oltre 50 banche di 9 Stati diversi che hanno cominciato a lavorare con Ripple, quindi non è assolutamente un caso che molti clienti abbiano cominciato a comprare questa criptovaluta.

Tezos

Cominciamo parlando di Tezos, questa criptovaluta è entrata di recente a far parte della Top Ten tra le criptovalute più capitalizzate. Prima che la pandemia di Covid-19 provocasse una vera e propria crisi il token XTZ ha fatto in modo da distinguersi da altri token proprio per i rialzi improvvisi a cifra doppia che ha avuto e soprattutto per il fatto che è basato su una blockchain ottimizzata per andare a soddisfare le varie esigenze dei vari clienti.

Una volta che i mercati finanziari si troveranno ad avere delle acque un po’ più tranquille avremo modo di scommettere che Tezos avrà dei margini di sviluppo non da poco, infatti se il buongiorno si vede dal mattino con gli aumenti in doppia cifra nel mezzo di una crisi, allora potremo ben sperare che ci siano degli incrementi non indifferenti per quanto riguarda questo token.

Litecoin

Questa criptovaluta è davvero molto conosciuta e si trova presente nella Top 5 delle criptovalute più capitalizzate. A tutt’oggi il Litecoin nonostante sia una valuta digitale davvero ben strutturata risulta essere davvero molto volatile, quindi ha spesso rimandato la sua consacrazione nell’ambito delle criptovalute. Nell’anno passato con tutte le varie criptovalute che hanno chiuso in rosso, Litecoin ha dimostrato di essere superiore grazie alle interessanti performance che ha registrato in maniera continua, però all’improvviso è crollato senza nessun avviso.

Nel complesso si tratta di una criptovaluta che è passato improvvisamente da pochi dollari di quota a quasi 300 dollari, questi suoi alti e bassi sono davvero notevoli. Alcuni analisti sostengono che puntare su questo Altcoin potrebbe risultare la scelta più azzeccata, altri però sostengono che a causa della volatilità di questa moneta digitale non è propriamente consigliabile farlo, proprio a causa del fatto che potrebbe aumentare e cadere d’improvviso.

EOS

Nel 2017 è stata creata EOS, una criptovaluta che ha fatto in modo da scalare in maniera molto veloce le varie posizione della classifica delle cripto più capitalizzate. A tutt’oggi EOS è una delle criptovalute tra le più innovative e moderne, soprattutto per il fatto che si basa su una blockchain che ci assicura flessibilità, scalabilità e anche la possibilità di essere user friendly.

Queste qualità sono davvero molto note in quanto anche Ethereum, come altre numerose monete digitale hanno puntato sulla Blockchain, inoltre sono rimaste comunque sorprese dai vari sviluppi di questa nuova criptovaluta. In molti sono i clienti, gli investitori, ma anche gli stessi analisti che puntano molto su questa nuova valuta digitale andando proprio a sperare che possa avere una crescita interessante nei prossimi mesi.

Domande Frequenti

Perché devo verificare la mia identità per acquistare criptovalute?

Quando acquisti criptovalute con una valuta emessa dal governo tramite un servizio di scambio, stai interagendo con un’azienda regolamentata. Tali aziende devono rispettare le normative Know-Your-Customer (KYC) e antiriciclaggio (AML) relative al trasferimento di denaro. Queste normative richiedono la raccolta e l’archiviazione delle informazioni sui clienti, inclusi documenti di identità e talvolta prove di indirizzo.

Quali sono le commissioni per l’acquisto di criptovalute?

Le commissioni per l’acquisto di criptovalute dipendono dal metodo di pagamento e dalla piattaforma/sede utilizzata. Ad esempio, se acquisti direttamente da un amico e saldi in contanti, dovrai solo considerare la “commissione di rete” per l’invio della criptovaluta dal portafoglio crittografico del tuo amico al tuo.

Se paghi con carta di credito o bonifico bancario, dovrai ovviamente tenere conto delle commissioni per l’utilizzo di tali metodi di pagamento. Oltre a ciò, i servizi di cambio addebitano commissioni aggiuntive per facilitare le operazioni. In generale, pagherai commissioni complessive inferiori per acquisti più grandi, quindi spesso ha senso evitare di fare molti piccoli acquisti.

Perché dovrei comprare criptovalute?

Le criptovalute possono essere una buona aggiunta al tuo portafoglio di investimenti. Quindi, se vuoi diversificare i tuoi investimenti e ti sei già documentato su questo argomento, potrebbero essere interessanti sia l’investimento a breve termine in criptovalute (trading) che l’investimento a lungo termine (HODLing).

Di quanti soldi hai bisogno per acquistare criptovalute?

Non hai bisogno di molti soldi per acquistare criptovalute. Anche se il valore del Bitcoin e di altre criptovalute può raggiungere diverse migliaia di euro, è possibile acquistare in qualsiasi momento anche frazioni di criptovaluta per pochi euro.

Quando è un buon momento per acquistare criptovalute?

Nessuno può prevedere il valore futuro di una criptovaluta. Soprattutto ai principianti viene quindi spesso consigliato il metodo del Dollar Cost Averaging (DCA), in cui gli investimenti vengono ripartiti su un periodo di tempo per ottenere infine il valore medio degli alti e bassi del prezzo in questo periodo.

Devo pagare le tasse sulle criptovalute?

In molti casi, la risposta è sì!

Il trading di criptovalute deve essere tassato in molti Paesi. Allo stesso tempo, le normative fiscali per le criptovalute tendono a differire notevolmente da paese a paese.

Poiché gli scambi di criptovalute non detraggono le tasse per i propri clienti, ogni persona deve dichiarare i propri profitti, perdite e redditi dalle criptovalute nella dichiarazione dei redditi annuale.

Perché devo scegliere un portafoglio crittografico?

Quando detieni criptovalute in un portafoglio che controlli (noto come portafoglio “auto-custodiale” o “non-custodiale”), non devi mai chiedere il permesso per utilizzarle. Ciò significa che puoi ricevere la tua criptovaluta senza attendere che una terza parte, come un exchange centralizzato, approvi la transazione. Significa anche che puoi inviare i tuoi criptoasset dove vuoi, quando vuoi.

Al contrario, molti portafogli crittografici di custodia impongono severe restrizioni su ciò che puoi fare con le tue criptovalute. Ad esempio, ti potrebbe essere chiesto di registrare un indirizzo prima di inviargli criptovalute e ti potrebbe essere richiesto di attendere diversi giorni prima di poter effettuare un prelievo.

In alcuni casi, prelievi di qualsiasi tipo semplicemente non sono consentiti. Inoltre, non è raro che il tuo account venga bloccato del tutto. Se sei stato considerato un rischio per la sicurezza o una frode, ad esempio, potresti essere bloccato fuori dal tuo account senza che tu possa ricorrere ad alcuna azione.

I migliori portafogli crittografici autocustodiali ti consentono anche di personalizzare la “commissione di rete” ogni volta che invii. Ciò significa che puoi risparmiare sulle commissioni di transazione quando non sei di fretta o pagare di più per inviare più velocemente quando sei di fretta.

Forse la cosa più importante è che le criptovalute custodite sono più sicure. Finché manterrai  le migliori pratiche di gestione delle chiavi , non dovrai mai preoccuparti di essere violato, né sarai esposto a rischi di controparte come un exchange centralizzato che viene violato o va in bancarotta.

Conclusioni

Concludendo come abbiamo visto comprare e vendere criptovalute è davvero semplice con soluzioni davvero vantaggiose indipendentemente dal capitale che investite. In generale vi consigliamo di concentrarvi su quelle piattaforme che hanno già una cronistoria e di conseguenza possono garantire una maggiore tutela con strumenti integrativi mirati ad incrementare il vostro guadagno nella massima sicrezza. In quest’ottica abbiamo trovate due strade percorribili: quella degli Exchange che consentono una compravendita diretta favorita da commissioni ridotte applicate con lo scopo di offrire una maggiore liquidità delle monete digitali.

L’altra strada da seguire è quella delle piattaforme di trading online che di fatto prevedono un intervento indiretto dato che dobbiamo servirci della professionalità dei broker. Essi operano tramite i contratti per differenza che si rivelano perfetti nelle operazioni di compravendita online. Con pochi passaggi il trader cerca di individuare l’andamento di una posizione in modo da beneficiare della volatilità del mercato. Arrivati a questo punto è lecito chiedere tra i due sistemi per comprare le criptovalute quale sceglierete?