Stormx punta al rialzo per una nuova crescita dei BTC

Secondo Simon Yu, il popolare CEO di StormX, il 2021 potrebbe essere l’anno decisivo per i BTC complice la forte attenzione dei governi nazionali alle dinamiche messe in campo dalla nota moneta digitale. In tal senso si sente una maggiore pressione verso il suo sistema di capitalizzazione, il che lascerebbe intendere una notevole presa nella community internazionale degli investitori. In questo modo Stormx ha dato una spinta alla moneta, superando le resistenza scaturite dopo l’annuncio del governo cinese impegnato in restrizioni e divieti finalizzati a boicottare l’attività delle cripto su larga scala.

Stormx

Come abbiamo visto le criptovalute dal momento della loro creazione in poi hanno subito momenti di grande difficoltà alternati ad incrementi vertiginosi. Segnali di una moneta attiva che riflette le scelte di quel preciso momento storico e finanziario tra cicli diversi cicli rialzisti e ribassisti.

Se il 2017 è considerato da molti come l’anno delle crypto tramite il sistema Initial Coin Offering, il 2021 è invece l’anno in cui si è sviluppato il sistema intorno alla moneta. Siamo di fronte ad una finanza decentralizzata caratterizzata dall’uso di token non fungibili (NFT). In questo scenario l’adozione di questa valuta è triplicata alzando la posta in gioco.

Per questo motivo per il CEO di StormX i tempi sono decisamente cambiati dato che una delusione del 2017, oggi sarebbe affrontata in maniera diversa dato che adesso c’è una maggiore consapevolezza sui rischi e sulle possibili incognite che possiamo trovarci di fronte. Questo aspetto ha migliorato la capacità di gestione degli imprevisti sul campo.

A contribuire al suo successo c’è stata sicuramente un’integrazione delle criptovalute in vari aspetti della vita quotidiana consolidando il suo spazio di crescita all’interno del sistema economico di quello specifico Paese. In siffatto contesto malgrado gli annunci al ribasso, una crescita dei BTC nell’immediato è particolarmente attesa dagli analisti e dai traders professionisti del settore.

Lascia un commento

Il 68% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.