Gensler (SEC): l’Unione Europea deve regolamentare le criptovalute

Il presidente della SEC Gensler non ha dubbi in merito a come l’Unione Europea debba muoversi per regolamentare il settore crypto. Ormai c’è poco tempo da perdere, per questo insiste affinché il Parlamento europeo attivi le procedure per rendere il sistema valutario digitale un’alternativa possibile. In siffatto contesto sono in molti a credere che questa scelta debba essere presa ora e cioè prima che i singoli Stati provvedano a creare monete nazionali indipendenti dall’Unione.

Le perplessità e i dubbi dell’Unione Europea sui confini normativi delle criptovalute sono strettamente connesse al riciclaggio di denaro illecito e al terrorismo. Ragion per cui da parte loro riuscire a risolvere questi aspetti destabilizzanti riuscirebbe sicuramente a favorire una piena approvazione da tutti i Paesi. In quella circostanza, caratterizzata dall’incontro di Gensler con i principali esponenti della politica monetaria europea, il presidente della SEC ha fatto notare che oramai le tecnologie finanziarie hanno abbattuto tutti confini avvicinandosi a i mercati europei e americani.

Voltare le spalle alle cripto significa avere una coscienza miope della realtà. Siamo di fronte ad una trasformazione molto forte che potrebbe avere lo stesso impatto che ha avuto Internet negli anni 90′. Per questo motivo è necessario che l’Unione Europea non perda tempo alla ricerca di regolamentazioni costrittive ma riconosca il progetto crypto nella sua originale formazione.


eToro

Ecco i vantaggi di investire in Azioni con eToro:
✔️ Funzione CopyTrader per copiare i migliori investitori
✔️ Deposito Minimo di soli 50 €
✔️ Conto Demo e Staking Automatico
✔️ Bonus 30$ Gratis alla registrazione

Prova Ora Gratis ➡


Di tutta risposta l’Unione Europea ha fatto sapere che il terreno di scontro riguarda gli scambi di criptovalute che possono avere finalità diverse da quelle annunciate circa la possibilità di aiutare i regolatori a garantire la protezione degli investitori. Ebbene quest’aspetto è nodo cruciale perché non assicura a tutti i Paesi la certezza della provenienza del denaro investito.

L’indipendenza da regimi finanziari tradizionali mostra in questo caso il suo rapporto di minoranza con una percentuale molto alta di incertezze in merito alla sicurezza di alcuni conti. Come riuscire a risolvere questo conflitto? E’ questo quello che si stanno chiedendo i funzionari europei riuniti per discutere sul futuro delle criptovalute in Europa.

Lascia un commento