Novi trova un’alleanza in Facebook per integrare le NFT

Secondo alcuni analisti particolarmente attenti ai movimenti del mercato, Novi sta cercando di integrare le NFT e per farlo ha trovato un’alleanza in Facebook. Quest’ultimo ha lasciato intendere che le NFT è sicuramente un territorio da esplorare specie in relazione allo sviluppo dei token non fungibili. Per questo motivo non c’è sorprendersi se nelle prossime ore si è arriverà ad un vantaggioso accordo tra le parti.

Ovviamente sia Novi che Facebook al momento non si sono ancora sbilanciate lasciando però molte porte aperte. Le due società stanno dunque esaminando una serie di possibilità per poter condividere questo spazio riuscendo a coinvolgere un numero sempre positivo di creatori, sviluppatori e soprattutto consumatori. In questo scenario siamo di fronte ad una dimensione collaborativa capace di integrare in maniera vantaggiosa gli strumenti delle NFT.

Sicuramente sarebbe un’ottima occasione per le NFT, riuscire quindi a considerare il portafoglio Novi come punto di riferimento. Una volta attivato potrebbe essere quindi collegato tramite un sistema di memorizzazione. In quest’ottica le NFT mettono l’investitore di fronte ad un ecosistema indipendente capace di fornire tutto ciò di cui ha bisogno tramite una fitta rete di collegamenti per favorire le transazioni e i passaggi digitali.

In siffatto contesto spiccano i piani di stablecoin con cui Facebook cerca di integrare il maggior numero di strumenti possibili trovando una facile adesione con le formule operative del portafoglio Novi, specie con il suo collegamento alla stablecoin Diem. In particolare quest’ultima non appena sarà messa online, si collegherà automaticamente con il servizio offerto dalle due società.

Si tratta di un’operazione che farà guadagnare molti soldi ad entrambe potendo fare affidamento su una sempre più crescente fiducia da parte degli investitori. Nelle prossime settimane vedremo dove porterà questa nuova sinergia tra le due parti, in attesa che il mercato risponda in maniera positiva a queste libere iniziative.

Lascia un commento

Il 68% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.