La difficoltà di mining dei Bitcoin (BTC) raggiunge nuovi massimi

Le difficoltà di mining di Bitcoin sono aumentate, incidendo sulle entrate dei minatori e influenzando potenzialmente il prezzo di BTC. Secondo i dati on-chain la difficoltà di mining dei BTC ha raggiunto un livello significativo rispetto ai minimi del 22 maggio. In pratica è diventato molto impegnativo e dispendioso in termini di tempo trovare l’hash giusto per ciascun blocco.

 

Aumentano le difficoltà di mining di Bitcoin (BTC)

La difficoltà di mining non sempre influisce sul valore di BTC. Tuttavia, ciò influisce sul suo valore percepito e sulla sua scarsità. Un aumento della difficoltà implica un aumento dell’hash power. A loro volta, i blocchi potrebbero non essere risolti più velocemente e il tempo di blocco potrebbe arrivare fino a 10 minuti.

In termini di prezzo, un aumento di questo parametro potrebbe essere rialzista. Questo perché i minatori potrebbero essere attratti dalla convalida di più transazioni sulla rete. Tuttavia, la difficoltà di mining non è stata l’unico parametro a salire alle stelle sulla rete. In effetti, un altro parametro che ha seguito l’esempio è stato l’hash rate di Bitcoin.

L’hash rate di Bitcoin è salito

Se l’hash rate di Bitcoin è elevato, indica che la rete è sicura e sana. Per gli investitori, questo aumento rappresenta una rassicurazione sul fatto che l’acquisto di BTC potrebbe essere redditizio a lungo termine. Tuttavia, questa condizione funziona solo se la condizione del mercato è in una fase rialzista.

D’altra parte, un forte calo dell’hash rate indica cambiamenti o rischi per la rete. In situazioni come queste, i minatori potrebbero avere difficoltà a generare profitti dalle loro operazioni.

Quale potrebbe essere l’impatto sulle entrate dei minatori?

Come previsto, l’impatto dell’aumento della difficoltà di mining e dell’hash rate si è riflesso sulle entrate dei miner. Infatti, nel momento in cui scriviamo, i dati on-chain rivelano che i ricavi dei miner ammontano a 558.057 BTC.

Ciò sembra indicare che gli operatori hanno lavorato per confermare un maggior numero di nuove transazioni sul blocco, rispetto a quanto avvenuto il 21 maggio.

Esaminando poi la modifica della posizione della rete mineraria abbiamo scoperto poi che il valore era pari a -2.748,69 BTC. In questo scenario Miner Net Position Change tiene traccia della variazione di 30 giorni della fornitura di Bitcoin detenuta negli indirizzi dei minatori. Quando questa metrica è positiva, significa che i minatori stanno accumulando più monete. Tuttavia, il recente calo registrato nelle ultime due settimane significa che i minatori stanno incassando le loro partecipazioni.

Pertanto, esiste la possibilità che il mining di Bitcoin diventi più difficile. Per quanto riguarda l’azione dei prezzi, ciò potrebbe forzare un altro calo per la criptovaluta.

Al momento della stesura di questo articolo, BTC valeva 68.291 dollari, apprezzandosi di meno dell’1% in 24 ore dopo numerosi movimenti laterali. Vale la pena tenere d’occhio l’azione dei prezzi poiché i possessori di Bitcoin potrebbero cercare altre opportunità per incassare in futuro.

Conclusione

Considerando l’aumento delle difficoltà di mining di Bitcoin e l’attività sulla rete, il prezzo della criptovaluta potrebbe registrare un aumento nel medio termine. Sul fronte degli obiettivi, il valore potrebbe rimbalzare verso i 73.000 dollari.

Lascia un commento