Come Investire in Criptovalute

Prima di investire in criptovalute e operare nel mondo del mercato digitale finanziario è necessario approfondire il tema per capire cosa ci aspetta ma soprattutto che cosa dobbiamo evitare di fare con lo scopo di ridurre al minimo il rischio perdite. Ad oggi il numero di criptovalute è cresciuto a dismisura, di conseguenza non è sempre facile optare per l’asset migliore, ci sono tanti criteri da prendere in considerazione prima di iniziare qualsiasi esperienza di investimento.

In questa guida faremo proprio questo: gettare le basi teoriche degli investimenti nel mondo delle crypto in modo da avere una maggior libertà di movimento nelle fasi di contrattazione sul mercato. Prima di iniziare a sintetizzare nel dettaglio le principali caratteristiche e funzioni di questo genere di investimenti, facciamo un passo indietro raccontando le ragioni che hanno portato alla loro creazione.

Come Investire in Criptovalute

Perchè investire in crypto ?

Investire in criptovalute può essere considerato per diversi motivi, ma è importante notare che il mercato delle criptovalute è altamente volatile e presenta rischi significativi. Di seguito sono riportati alcuni motivi comuni per cui alcune persone scelgono di investire in criptovalute:

  1. Potenziale di Guadagno Elevato: Il mercato delle criptovalute è noto per la sua volatilità, il che significa che ci possono essere opportunità per guadagni significativi nel breve termine. Alcune persone hanno ottenuto profitti notevoli investendo in criptovalute in passato.
  2. Tecnologia Innovativa: Molte criptovalute sono basate su tecnologie innovative come la blockchain, che offre vantaggi come la decentralizzazione, la trasparenza e la sicurezza delle transazioni. Alcuni investitori credono che queste tecnologie rivoluzioneranno settori come le finanze, la catena di approvvigionamento e altro ancora.
  3. Diversificazione del Portafoglio: Gli investitori spesso cercano di diversificare il loro portafoglio per mitigare i rischi. Le criptovalute possono rappresentare una classe di attività diversa rispetto alle azioni, obbligazioni e altri strumenti finanziari tradizionali.
  4. Partecipazione a Progetti Promettenti: Alcuni investitori scelgono di sostenere progetti e protocolli che ritengono promettenti per il futuro. Acquistare la criptovaluta associata a un determinato progetto può essere una forma di supporto finanziario.
  5. Facilità di Accesso: L’accesso al mercato delle criptovalute è relativamente facile. Le piattaforme di scambio online consentono agli investitori di acquistare e vendere criptovalute con relativa semplicità.

Premessa: ricordati di investire in crypto sempre e solo su piattaforme affidabili come eToro ( qui per il sito ufficiale ).

Cosa serve per investire in criptovalute?

Prima di investire in criptovalute è necessario ricordare che esse sono caratterizzate da forti oscillazioni e di conseguenza hanno un rischio elevato. Ciò vuol dire che prima di investire del denaro dobbiamo capire quale sia il livello verso cui non possiamo andare e quindi stabilire con anticipo la nostra propensione al rischio.

La scelta della piattaforma

Una volta stabilito questo limite possiamo optare per 2 soluzioni: i broker crypto con cui possiamo effettuare ordini tramite un sito specializzato oppure direttamente passare per un exchange crypto.

Puoi iscriverti in modo gratuito ad eToro cliccando qui

Effettuare il deposito

Una volta effettuata la registrazione sul broker o sull’exchange, sarà necessario innanzitutto verificare l’account inserendo i propri dati e i documenti d’identità richiesti ( basta la carta d’identità o la patente ). Subito dopo potrete effettuare il deposito, quindi avete bisogno di almeno uno di questi metodi di pagamento: deposito bancario – addebito su carta di debito/credito – paypal.

Cosa sapere prima di investire in criptovalute?

Investire in criptovalute è considerato rischioso. I prezzi delle criptovalute, anche quelle più consolidate, sono molto più volatili rispetto ai prezzi di altri asset come le azioni. I prezzi degli asset digitali in futuro potrebbero anche essere influenzati da cambiamenti normativi, con la possibilità, nella peggiore delle ipotesi, che la criptovaluta diventi illegale e quindi priva di valore.

Molti investitori sono tuttavia attratti dal potenziale vantaggio di investire in criptovalute. Se decidi di investire, è importante ricercare attentamente qualsiasi moneta digitale prima di acquistarla. Presta attenzione alle commissioni di transazione quando effettui acquisti di criptovalute perché queste commissioni possono variare ampiamente tra le valute.

Lo spazio delle criptovalute si sta evolvendo rapidamente, quindi è anche importante prestare attenzione ai nuovi sviluppi che potrebbero influenzare le tue partecipazioni in criptovalute. Gli investitori in criptovaluta devono comprendere le conseguenze fiscali dell’utilizzo delle criptovalute , soprattutto se acquistano qualcosa o vendono i loro investimenti in criptovalute.

Considerata la rischiosità della criptovaluta come asset class, è particolarmente importante non investire in criptovalute più denaro di quanto puoi permetterti di perdere.

Per prima cosa, se stai cercando di investire in criptovalute, devi avere tutte le tue finanze in ordine. Ciò significa disporre di un fondo di emergenza, di un livello di debito gestibile e, idealmente, di un portafoglio diversificato di investimenti. I tuoi investimenti in criptovalute possono diventare una parte in più del tuo portafoglio, che, si spera, aiuta ad aumentare i tuoi rendimenti totali.

Presta attenzione a queste altre cinque cose quando inizi a investire in criptovalute:

1. Comprendi in cosa stai investendo

Come faresti per qualsiasi investimento, capisci esattamente in cosa stai investendo. Se stai acquistando azioni, è importante leggere il rapporto annuale e gli altri documenti della SEC per analizzare a fondo le società. Pianifica di fare lo stesso con qualsiasi criptovaluta, poiché ce ne sono letteralmente migliaia, funzionano tutte in modo diverso e ogni giorno ne vengono create di nuove. È necessario comprendere il caso di investimento per ogni operazione.

Nel caso di molte criptovalute, non sono supportate da nulla, né da beni materiali né dal flusso di cassa di un’entità sottostante. È il caso, ad esempio, di Bitcoin, dove gli investitori fanno affidamento esclusivamente sul fatto che qualcuno paghi per l’asset più di quanto hanno pagato per esso. In altre parole, a differenza delle azioni, dove un’azienda può aumentare i propri profitti e generare rendimenti per te in questo modo, molti asset crittografici devono fare affidamento sul fatto che il mercato diventi più ottimista e rialzista affinché tu possa trarre profitto.

Alcune delle monete più popolari includono Ethereum, Dogecoin, Cardano e Ripple. Quindi, prima di investire, comprendi i potenziali vantaggi e svantaggi. Se il tuo investimento finanziario non è supportato da un asset o da un flusso di cassa, potrebbe finire per non valere nulla.

2. Ricorda, il passato è passato

Un errore commesso da molti nuovi investitori è guardare al passato ed estrapolarlo per il futuro. Sì, il Bitcoin valeva pochi centesimi, ma ora vale molto di più. La domanda chiave, tuttavia, è: “Questa crescita continuerà nel futuro, anche se non a un ritmo così fulmineo?” Gli investitori guardano al futuro, non a ciò che un asset ha fatto in passato. Cosa determinerà i rendimenti futuri? I trader che acquistano una criptovaluta oggi hanno bisogno dei guadagni di domani, non di quelli di ieri.

3. Osserva la volatilità

I prezzi delle criptovalute sono tanto volatili quanto può essere un asset. Potrebbero cadere velocemente in pochi secondi su nient’altro che una voce che finisce per rivelarsi infondata. Ciò può essere ottimo per gli investitori sofisticati che possono eseguire operazioni rapidamente o che hanno una solida conoscenza dei fondamentali del mercato, dell’andamento del mercato e di dove potrebbe andare. Per i nuovi investitori senza queste competenze è un campo minato.

La volatilità è un gioco per i potenti trader di Wall Street, ognuno dei quali sta cercando di sconfiggere altri investitori dalle tasche profonde. Un nuovo investitore può facilmente rimanere schiacciato dalla volatilità. Questo perché la volatilità scuote i trader, soprattutto i principianti, che si spaventano. Nel frattempo, altri trader potrebbero intervenire e acquistare a buon mercato. In breve, la volatilità può aiutare i trader sofisticati a “comprare a basso prezzo e vendere a prezzo alto” mentre gli investitori inesperti “comprano a prezzo alto e vendono a prezzo basso”.

4. Gestisci il tuo rischio

Se stai negoziando qualsiasi asset a breve termine, devi gestire il rischio e ciò può essere particolarmente vero con asset volatili come la criptovaluta. Pertanto, come trader alle prime armi, dovrai capire come gestire al meglio il rischio e sviluppare un processo che ti aiuti a mitigare le perdite. Tenendo bene a mente che quel processo può variare da individuo a individuo:

  • La gestione del rischio per un investitore a lungo termine potrebbe semplicemente significare non vendere mai, indipendentemente dal prezzo. La mentalità a lungo termine consente all’investitore di restare fedele alla posizione.
  • La gestione del rischio per un trader a breve termine, tuttavia, potrebbe consistere nel fissare regole rigide su quando vendere, ad esempio quando un investimento è sceso del 10%. Il trader segue quindi rigorosamente la regola in modo che un calo relativamente piccolo non diventi in seguito una perdita schiacciante.

I trader più nuovi dovrebbero considerare di accantonare una certa quantità di denaro di trading e di utilizzarne solo una parte, almeno all’inizio. Se una posizione si muove contro di loro, avranno ancora denaro in riserva con cui fare trading in seguito. Il punto fondamentale è che non puoi fare trading se non hai soldi. Quindi tenere del denaro di riserva significa che avrai sempre un bankroll per finanziare il tuo trading.

È importante gestire il rischio, ma ciò avrà un costo emotivo. Vendere una posizione in perdita fa male, ma farlo può aiutarti a evitare perdite peggiori in seguito.

5. Non investire più di quanto puoi permetterti di perdere

Infine, è importante evitare di investire il denaro necessario in asset speculativi. Se non puoi permetterti di perderli, tutti, non puoi permetterti di investirli in asset rischiosi come criptovalute o altri asset speculativi, del resto.

Che si tratti di un acconto per una casa o di un importante acquisto imminente, il denaro di cui avrai bisogno nei prossimi anni dovrebbe essere tenuto in conti sicuri in modo che sia a tua disposizione quando ne hai bisogno. E se stai cercando un rendimento assolutamente sicuro, la soluzione migliore è saldare il debito. Hai la garanzia di guadagnare (o risparmiare) qualunque sia il tasso di interesse che stai pagando sul debito. Non puoi perdere lì.

Infine, non trascurare la sicurezza degli scambi o dei broker che utilizzi. Potresti possedere i beni legalmente, ma qualcuno deve comunque proteggerli e la loro sicurezza deve essere rigorosa. Se non pensano che la loro criptovaluta sia adeguatamente protetta, alcuni trader scelgono di investire in un portafoglio crittografico per tenere le loro monete offline in modo che siano inaccessibili agli hacker o ad altri.

Come comprare crypto?

Quando pensi di investire in una criptovaluta, potresti pensare di acquistare e detenere una o più criptovalute. Acquistare direttamente criptovaluta è probabilmente il modo più comune per aggiungere esposizione crittografica al tuo portafoglio e in questo caso hai alcune opzioni diverse:

1° Acquista direttamente la criptovaluta

Puoi scegliere di acquistare e conservare direttamente una o più criptovalute. Le tue opzioni spaziano dalle valute digitali più affermate come Ethereum e Bitcoin a monete praticamente sconosciute appena rilasciate. Leggi la guida su come comprare crypto.

Puoi farlo ad esempio su Binance, registrati cliccando qui !

2° Investi in società di criptovaluta

Puoi investire in società con un focus parziale o totale sulla criptovaluta. Le tue opzioni includono società di mining di criptovaluta, produttori di hardware di mining, aziende come Robinhood Markets Inc. (HOOD) e PayPal Holdings Inc. ( PYPL ) che supportano la criptovaluta e molte altre con diversi livelli di esposizione alla criptovaluta. Puoi anche investire in società come MicroStrategy Inc. ( MSTR ), che detiene grandi quantità di criptovaluta nei suoi bilanci.

Puoi investire in azioni in modo sicuro su eToro !

3° Investi in fondi incentrati sulla criptovaluta

Se non vuoi scegliere tra singole società di criptovaluta, puoi invece decidere di investire in un fondo incentrato sulla criptovaluta. Puoi scegliere tra fondi negoziati in borsa (ETF), come fondi indicizzati e fondi futures, oltre a una gamma di fondi comuni di investimento in criptovaluta.

Nel gennaio 2024, la Securities and Exchange Commission ha approvato i primi ETF Bitcoin Spot. Questi fondi detengono bitcoin e offrono azioni agli investitori in base ai prezzi spot dei bitcoin.2

4° Investi in una criptovaluta Roth IRA

Se desideri investire in criptovaluta e ottenere anche i vantaggi fiscali offerti da un conto pensionistico individuale (IRA), allora puoi prendere in considerazione l’investimento in una criptovaluta Roth IRA . L’utilizzo dei servizi di un fornitore di criptovaluta IRA può anche facilitare un’archiviazione più sicura per le tue partecipazioni in criptovaluta.

5° Diventa un minatore o validatore di criptovalute

Forse il modo più diretto per investire in criptovaluta è estrarlo o agire come validatore in una rete crittografica. I minatori e i validatori di criptovaluta possono guadagnare premi in criptovaluta, che possono tenere come investimenti o scambiare con un’altra valuta. Leggi la guida sul mining.

Piattaforma Crypto: broker oppure exchange ?

Le opzioni per acquistare criptovalute come vi abbiamo anticipato nel paragrafo precedente sono diverse: dalle borse decentralizzate ai broker specializzati in crypto ( come ad esempio eToro che puoi vedere cliccando qui ) fino agli exchange. Senza dimenticare che anche le banche offrono alla clientela servizi di questo tipo. Prima però di investire è importante capire le varie modalità come pure i rischi ad esse collegati.

Acquisto peer-to-peer tramite una borsa decentralizzata

Le cosiddette DEX, anche note come borse decentralizzate, permettono un tipo di trading detto peer-to-peer. Si tratta nella sostanza di un mercato in cui le transazioni avvengono direttamente tra gli utenti. Esse sono funzionali e veloci grazie all’impiego degli smart contract, e cioè delle applicazioni di accordi auto-esecutivi che sono all’interno di un codice.

In questo modo le transazioni finanziarie non vengono monitorate da banche o altri intermediari. Di conseguenza siamo noi a gestirle e quindi noi a conservarle in maniera sicura. Questo significa che se investiamo con le borse decentralizzate dobbiamo custodire il denaro in modo indipendente e quindi andando ad acquistare un nostro portafoglio digitale (wallet).

Acquisto di criptovalute tramite un broker

Se invece decidiamo di acquistare tramite un broker crypto abbiamo la vita più facile perché egli tramite una piattaforma intuitiva renderà tutte le operazioni trading di criptovalute facili e immediate. Ovviamente nella scelta occorre optare per uno estremamente affidabile che consenta di operare proprio le criptovalute che desideriamo. Prima di farlo cerchiamo di valutare più fattori come la sicurezza come anche la facilità d’uso, la struttura tariffaria e il supporto per la rispettiva regione.

Scopri eToro il miglior broker crypto in Italia

Per aprire un conto ci viene richiesto solitamente i nostri dati personali ma anche e soprattutto la verifica dell’identità, in conformità alle linee guida KYC. A quel punto sarà molto facile versare monete fiat che ci consentiranno di acquistare criptovalute.

Scegliamo quindi la criptovaluta ma anche il relativo ordine di acquisto. Senza dimenticare che i broker offrono solitamente un’ampia gamma di criptovalute negoziabili, il che offre una maggiore scelta e consente di investire in progetti diversi. Una volta finalizzato l’acquisto le criptovalute possono essere trasferite dal conto del broker al wallet, dove vengono conservate.

Approfondisci: Migliori Broker Crypto

Scegliere un broker comporta dei rischi?

Come abbiamo visto optare per un broker è una scelta ideale, ma ci sono anche 3 svantaggi da prendere in considerazione prima di effettuare questo tipo di scelta, scopriamoli insieme:

  • Custodia e perdita della private key: solitamente un broker chiede di custodire le criptovalute in un wallet fornito da lui. Questo significa che non avrete mai il controllo completo della vostra private key che è necessaria per accedere al vostro portafoglio digitale. Pertanto in caso di attacco hacker rischiate di perdere l’accesso alle vostre criptovalute.
  • Commissioni: le commissioni richieste dai broker per i loro servizi possono influire sul prezzo di compravendita delle criptovalute. Di conseguenza prima di optare per quel broker dobbiamo studiare con attenzione la sua struttura tariffaria.
  • Protezione dei dati: se il broker non ha messo in atto misure di sicurezza per proteggere i vostri dati allora non è sicuro inviargli le vostre informazioni personali. Di conseguenza prima di registrarvi controllare questo aspetto per capire se sta rispettando le norme sulla privacy.

Acquistare e negoziare criptovalute in un exchange

Un altro sistema da considerare per investire in criptovalute sono gli exchange che di fatto si rivelano molto utili perché consentono la compravendita in maniera operativa laddove il prezzo è determinato dalla domanda e dall’offerta. Gli exchange sono nella sostanza delle piattaforme di trading dove l’utenza può trasmettere ordini per acquistare o vendere criptovalute.

Scopri Binance il miglior exchange del mondo

Ne abbiamo di differenti tipologie, di conseguenza non è facile scegliere la più adatta per noi. Negli ultimi tempi non stanno avendo grande successo a causa di alcuni eventi che hanno fatto dubitare della loro sicurezza. Infatti i recenti eventi relativi al crollo di alcuni exchange hanno dimostrato che anche i maggiori operatori non sono sicuri al 100%. Ragion per cui vi consigliamo di optare per quelle piattaforme che mettono la regolamentazione al primo posto. Tenendo bene a mente che i fornitori di servizi di criptovaluta europei e soprattutto svizzeri hanno standard di sicurezza più elevati rispetto ai nostri.

Il trading in un exchange è molto semplice: basta avere un proprio account in una di queste piattaforme online specializzate in criptovalute. Nell’effettuare la vostra scelta sono importanti diversi fattori come la facilità di utilizzo e anche la sicurezza. In pratica dopo aver installato il wallet, riceverete un indirizzo unico, la public key che funziona come un indirizzo e-mail.

A questo punto, potete acquistare da un operatore online il numero delle criptovalute che volete. Anche gli exchange come i broker offrono un’ampia gamma di criptovalute negoziabili, ma hanno spesso un volume di scambi maggiore. Di conseguenza prima di acquistare non dimenticate di approfondire i costi e i rischi in modo da evitare spiacevoli investimenti.

Approfondisci: Migliori Exchange Crypto

Come acquistare criptovaluta da un exchange

Se vuoi investire direttamente in criptovaluta, puoi utilizzare uno scambio di criptovaluta. Ecco come acquistare criptovaluta tramite un exchange:

  1. Scegli quale scambio di criptovaluta desideri utilizzare.
  2. La soluzione migliore è uno scambio rispettabile e noto con un’ampia selezione di valute come ad esempio Binance ( iscriviti cliccando qui );
  3. Crea un conto con lo scambio di criptovaluta. Dovrai fornire i tuoi dati personali e verificare la tua identità per completare il processo di registrazione;
  4. Finanzia il tuo conto con denaro fiat. Prima di poter acquistare qualsiasi criptovaluta, devi finanziare il tuo conto di scambio con un’altra valuta, come i dollari statunitensi;
  5. Decidi quale criptovaluta vuoi acquistare. Puoi scegliere di investire in una o più criptovalute. Ricerca le tue opzioni per aiutarti a decidere;
  6. Effettua un ordine di acquisto per la criptovaluta scelta. Segui i passaggi richiesti dall’exchange per inviare e completare un ordine di acquisto per una o più criptovalute;
  7. Conserva la tua criptovaluta in un portafoglio digitale. Una volta completato l’acquisto, le informazioni necessarie per accedere alla tua criptovaluta vengono conservate in un portafoglio digitale. Quel portafoglio crittografico può essere ospitato dallo scambio di criptovaluta o da un fornitore di portafoglio indipendente.

Rischi degli exchange

I rischi sono all’ordine del giorno anche se ci affidiamo agli exchange crypto. Ecco una carrellata degli svantaggi legati a questa tipologia di investimento:

  • Complessità tecnica: spesso l’investimento richiede nozioni tecniche una certa conoscenza del mercato che sarebbe ideale in alcune operazioni. Di conseguenza i neofiti potrebbero avere qualche problema tra piattaforme, i grafici, i tipi di ordini e altri aspetti di questo tipo di trading.
  • Custodia sicura: la custodia delle criptovalute tramite exchange è gestibile tramite 2 opzioni: la custodia indipendente e quindi  ci occupiamo personalmente della conservazione sicura del nostro criptodenaro ma con un elevato rischio di perderlo; lo custodiamo nell’exchange che ha sua volta i suoi rischi in quanto le borse possono essere oggetto di attacchi da parte di hacker o di natura informatica.
  • Rischio legato alla regolamentazione: dato che gli exchange sono spesso soggetti a condizioni giuridiche diverse a seconda del Paese c’è il rischio di perdere tutto se cambia qualche legge nazionale.

Servizi crypto offerti dalle banche

Le banche stanno cercando di intercettare l’interesse degli investitori digitali. Ecco perché hanno ampliato il loro pacchetto di prodotti finanziari destinati al mondo delle cripto. In tal senso con il cambiamento delle esigenze della clientela e l’aumento della domanda di valori patrimoniali digitali, sempre più banche stanno entrando nel mercato delle criptovalute offrendo specifici servizi di compravendita e custodia.

In questo scenario l’investitore ha la possibilità di gestire tutte le attività finanziarie in un unico luogo e usufruendo di servizi di assistenza risolvendo una serie di problemi legati alla custodia e i rischi, ma scopriamo insieme quali potrebbero essere i vantaggi e soprattutto gli svantaggi:

  • Buona reputazione e fiducia: le banche svizzere godono di una buona reputazione e di conseguenza molti investitori preferiscono affidarsi a loro anche per quanto riguarda i prodotti digitali. Certo hanno severi standard di sicurezza, ma in compenso ci fanno dormire serenamente.
  • Condizioni quadro rigorose dal punto di vista regolatorio: l’unica pecca è che il contesto regolatorio legato ai servizi finanziari per le criptovalute è molto rigido. Di conseguenza le banche per prevenire il riciclaggio di denaro, il finanziamento del terrorismo e altre attività illegali sono molto attente ad evitare infiltrazioni e quindi ogni passaggio deve sottostare ad una serie di controlli esterni.
  • Misure di sicurezza: la trasparenza e la sicurezza sono dei valori fondamentali e le banche rispettano generalmente tutti gli standard di sicurezza elevati riducendo così la probabilità che si verifichi un attacco da parte di hacker o un furto.

Quali opzioni offrono le banche al di là del commercio di criptovalute?

Le banche possono avere un ruolo chiave anche nel settore digitale offrendo agli investitori uno strumento d’investimento chiamato Tracker Certificate. Nella pratica è banca a negoziare la criptovaluta e attraverso il certificato partecipate all’utile e alla perdita sui corsi favorisce l’investimento per conto dell’utente. Si tratta di una pratica che può essere conveniente solo per chi ha poco interesse per la valuta in sé. Di contro c’è uno svantaggio: le commissioni sono nettamente più elevate rispetto agli investimenti diretti.

Altrimenti possiamo utilizzare gli ETP crittografici e cioè gli Exchange Traded Product dei prodotti finanziari che replicano un indice o un sottostante specifico nel modo più accurato possibile. Nel caso di ETP crittografici si tratta dell’andamento dei corsi di criptovalute come bitcoin & Co.

In questo modo possiamo partecipare alla crescita delle valute digitali senza doverle acquistare direttamente. Essi vengono negoziati in una borsa valori come le azioni. Da menzionare anche diversi prodotti leva con cui chi investe può speculare sull’andamento dei corsi delle criptovalute, anche se sulla carta sono molto rischiosi e adatti soprattutto a chi ha molta esperienza nel trading.

Quali sono le migliori criptovalute?

  1. Bitcoin
  2. Ethereum
  3. Ripple
  4. Cardano
  5. Solana
  6. Filecoin
  7. Iota
  8. Polkadot
  9. Decentraland
  10. NEO

Indicare la miglior criptovaluta è un’impresa ardua perché il valore delle cripto varia a seconda del momento e cioè in base ad una serie di condizioni del mercato. A ciò si aggiungono le esigenze individuali dell’investitore in merito non solo alla sua disponibilità economica ma anche alla sua propensione di rischio. Sul mercato poi vengono lanciate moltissime criptovalute e di conseguenza riuscire a trovare quella giusta per noi non è un’operazione immediata.

Ovviamente il primo pensiero va alla più famosa e cioè i Bitcoin, largamente accettata come mezzo di pagamento, ad esempio in alcuni negozi o nell’ambito delle imposte. Segue Ethereum considerata la seconda per capitalizzazione di mercato, seguita a grande distanza dalla stablecoin Tether con il suo valore patrimoniale crittografico che è associato a una valuta nazionale e quindi soggetto alle stesse fluttuazioni. Tra gli altri asset digitali non possiamo ignorare Litecoin, Binance Coin, Cardano e Ripple.

In siffatto contesto va ricordare che le criptovalute sono tra i valori patrimoniali con il rendimento più elevato degli ultimi anni e offrono a chi investe opportunità di crescita e una valida possibilità di diversificazione al di là del loro elevato livello di volatilità e rischio. Per questo motivo almeno nella fase iniziale è consigliabile optare per le criptovalute più affermate. Ovviamente vi consigliamo di fare ricerche approfondite prima di investire in modo da effettuare un investimento sempre consapevole ai rischi.

Approfondisci:

Quanto investire in criptovalute ?

Investire in criptovalute richiede una valutazione attenta dei tuoi mezzi finanziari, degli obiettivi di investimento e della tua propensione al rischio. È importante investire solo ciò che puoi permetterti di perdere, diversificare il portafoglio per ridurre il rischio e condurre una ricerca approfondita sulle criptovalute considerate. La conoscenza del mercato, la comprensione delle tecnologie coinvolte e la consulenza finanziaria, se necessaria, sono elementi cruciali. Ricorda che il mercato delle criptovalute è volatile, e decisioni informate sono essenziali per gestire il rischio associato agli investimenti.

L’importo corretto da investire in criptovalute dovrebbe essere determinato in base alla tua situazione finanziaria, al livello di tolleranza al rischio e agli obiettivi di investimento. Evita di investire più di quanto puoi permetterti di perdere, considerando la volatilità del mercato cripto. Diversifica il portafoglio tra diverse criptovalute per ridurre il rischio complessivo.

Prima di investire, svolgi una ricerca approfondita su progetti specifici. Definisci chiaramente i tuoi obiettivi di investimento, sia a lungo termine che a breve termine. Consultare un consulente finanziario può offrire consigli personalizzati in base alla tua situazione. Ricorda che le criptovalute sono attivi ad alto rischio, quindi fai attenzione e non investire più di quanto sei disposto a perdere.

Investi in modo sicuro su eToro con un conto demo

Quali sono i vantaggi nell’investire in criptovalute?

  1. Alcuni esperti paragonano alcune criptovalute, come Bitcoin, all’oro: entrambe sono fungibili e durevoli perché sono difficili da distruggere, scarse a causa dell’offerta limitata e il loro potere d’acquisto non è definito da alcuna autorità centrale.
  2. Grazie alla decentralizzazione e alla trasparenza del registro distribuito, è difficile compromettere l’integrità della rete dietro le criptovalute.

Quali sono gli svantaggi nell’investire in criptovalute?

  1. Il mercato delle criptovalute è altamente volatile; può essere difficile prevedere quando i valori aumenteranno o diminuiranno e i fattori che determinano ampie oscillazioni di valore potrebbero non essere sempre chiari.
  2. Sebbene le blockchain crittografiche siano molto difficili da hackerare, gli individui possono essere suscettibili all’hacking, a causa degli stessi rischi inerenti a qualsiasi attività online.
  3. Le criptovalute non sono attualmente soggette a molta regolamentazione governativa, quindi le transazioni non sono dotate di protezione legale (a differenza degli investimenti tradizionali come le azioni).

Come mantenere sicura la tua criptovaluta?

Prendere precauzioni per mantenere sicuro il tuo investimento in criptovalute è una delle preoccupazioni uniche che derivano da questo tipo di investimento. Alcuni suggerimenti che possono aiutare:

  1. Tratta solo con scambi affidabili e fornitori di portafogli digitali.
  2. Proteggi l’accesso con password complesse, verifica a due fattori e connessioni Internet sicure.
  3. Fai attenzione alle truffe di phishing che prendono di mira gli utenti di criptovalute.
  4. Non condividere la tua password o chiave con nessuno.

Altri modi per investire in criptovalute

Sebbene investire direttamente nella criptovaluta possa essere il modo più popolare per farlo, i trader hanno altri modi per entrare nel gioco delle criptovalute, alcuni più direttamente di altri. Questi includono:

  • Futures crittografici: i futures sono un altro modo per scommettere sulle oscillazioni dei prezzi in Bitcoin e i future ti consentono di utilizzare il potere della leva finanziaria per generare rendimenti (o perdite) massicci. I futures sono un mercato in rapida evoluzione ed esacerbano i movimenti già volatili delle criptovalute.
  • Fondi crittografici: esistono anche alcuni fondi crittografici (come il Grayscale Bitcoin Trust) che ti consentono di scommettere sulle oscillazioni dei prezzi di Bitcoin, Ethereum e di alcuni altri altcoin. Quindi possono essere un modo semplice per acquistare criptovalute attraverso un prodotto simile a un fondo.
  • Scambio di criptovalute o intermediazione di azioni: anche l’acquisto di azioni di una società pronta a trarre profitto dall’ascesa della criptovaluta, indipendentemente dal vincitore, potrebbe essere un’opzione interessante. E questo è il potenziale di un exchange come Coinbase o di un broker come Robinhood, che ricava una parte enorme dei suoi ricavi dal trading di criptovalute.
  • ETF blockchain: un ETF blockchain ti consente di investire nelle società che potrebbero trarre profitto dall’emergere della tecnologia blockchain. I migliori ETF blockchain ti danno esposizione ad alcune delle principali società quotate in borsa nel settore. Ma è importante notare che queste società spesso fanno molto di più che attività legate alle criptovalute, il che significa che la tua esposizione alla criptovaluta è diluita, riducendo i potenziali rialzi e ribassi.

Ciascuno di questi metodi varia in termini di rischiosità ed esposizione alla criptovaluta, quindi ti consigliamo di capire esattamente cosa stai acquistando e se si adatta alle tue esigenze.

Cos’è lo staking delle criptovalute?

Lo staking crypto è la pratica di vincolare i tuoi token digitali a una rete blockchain per guadagnare premi, solitamente una percentuale dei token messi in staking. Lo staking della criptovaluta è anche il modo in cui i possessori di token guadagnano il diritto di partecipare alle blockchain proof-of-stake .

Ecco un semplice esempio: supponiamo che una rete blockchain offra una ricompensa del 5% per un periodo di staking, diciamo, di un mese. Decidi di bloccare e mettere in staking 100 token nella rete. Dopo un mese, potrai accedere ai tuoi token puntati e riceverai 5 token aggiuntivi come ricompensa.

In quanti modi gli investitori di criptovalute possono puntare i loro token?

Lo staking di criptovaluta può assumere molte forme, ma generalmente rientra in due categorie: attivo e passivo.

  • Staking crittografico attivo significa bloccare i tuoi token su una rete allo scopo di partecipare attivamente alla rete. I partecipanti attivi possono convalidare le transazioni e creare nuovi blocchi per guadagnare premi in token.
  • Staking crittografico passivo: implica semplicemente il blocco dei token su una rete blockchain per mantenerla sicura e funzionante in modo efficiente. Lo staking passivo delle criptovalute non richiede molto tempo, ma generalmente produce ricompense in token inferiori rispetto alla partecipazione attiva.

Lo staking di criptovaluta è un’innovazione relativamente nuova, ma esistono già molti tipi specializzati di staking di criptovaluta, tra cui:

Staking delegato

Questa forma di staking consente agli staker crittografici di delegare il proprio potere di staking a un nodo di validazione gestito da qualcun altro. I premi guadagnati vengono condivisi tra validatori e deleganti. (Nota: se questi termini ti confondono, guarda il video blockchain qui sotto).

Stakeout of the pool

Un gruppo di possessori di monete può combinare le proprie risorse per competere in modo più efficace per puntare i premi. Eventuali premi guadagnati vengono condivisi proporzionalmente tra i membri del pool.

Alcuni scambi di criptovaluta offrono servizi di staking, consentendo agli utenti di puntare le proprie partecipazioni direttamente su uno scambio. L’exchange gestisce il processo di staking su una rete blockchain e distribuisce i premi di staking ai partecipanti.

Liquid staking

Gli utenti ricevono token rappresentativi in ​​cambio dello staking della loro criptovaluta. I token rappresentativi possono essere scambiati o utilizzati, fornendo liquidità al crypto staker.

Lo staking di criptovaluta può anche essere custodito o non custodito. Lo staking custodiale richiede ai detentori di criptovalute di trasferire i propri token su una piattaforma di staking, mentre lo staking non custodito ti consente di conservare le monete staking nel tuo portafoglio digitale .

Come funziona lo staking delle criptovalute?

Supponiamo che tu voglia aggiungere criptovaluta al tuo portafoglio per generare rendimento dallo staking.

Ecco i passaggi per realizzarlo:

Scegli una criptovaluta

Non tutte le criptovalute supportano lo staking, quindi il primo passo è scegliere un token rilevante. Le criptovalute che utilizzano la prova di stake o un meccanismo di consenso simile generalmente supportano lo staking.

Acquisisci la criptovaluta

Il prossimo passo è acquisire la criptovaluta scelta. Puoi utilizzare uno dei tanti scambi di criptovalute per completare l’acquisto.

3° Seleziona una piattaforma di staking

La scelta di una piattaforma di staking è la parte più importante di questo processo. La piattaforma selezionata determina il tipo di staking e se l’archiviazione dei token è custodita o non custodita.

Noi ti consigliamo di fare staking crypto su Binance: Iscriviti da qui gratis !

4° Punta la tua criptovaluta

Con i token giusti nel tuo portafoglio digitale e una piattaforma di staking selezionata, sei pronto per seguire i protocolli della piattaforma per mettere in staking le tue criptovalute. Lo staking di un token lo blocca su una rete blockchain per un periodo di tempo predefinito.

5° Guadagna premi

La tua criptovaluta in staking potrebbe iniziare a generare ricompense sotto forma di più criptovalute.

Tieni presente che non è necessariamente garantito che i premi di staking vengano consegnati in tempo o, in alcuni casi, che vengano consegnati affatto. I motivi possono includere:

  • La congestione della rete a volte può rallentare il processo di generazione dei premi.
  • Se deleghi lo staking a un validatore che commette un errore o si comporta in modo dannoso, potrebbe essere soggetto a perdere alcuni o tutti i token su cui ha messo in staking. Questa si chiama penalità tagliente .

Inoltre, se vengono apportate modifiche al protocollo blockchain (ovvero “fork”) mentre i token in staking sono bloccati, ciò potrebbe influire sul valore dei tuoi premi.

Pro dello staking crypto

L’idea di guadagnare interessi sulle tue risorse digitali può essere allettante. Ecco cosa potrebbe piacerti dello staking dei tuoi token digitali:

  • L‘opportunità di guadagnare un reddito passivo su asset crittografici che prevedi di detenere a lungo termine (“HODL”, in gergo crittografico).
  • Il potenziale per i premi di aumentare di prezzo.
  • Lo staking migliora la sicurezza e l’efficienza della rete.
  • Potrebbe consentire la tua partecipazione attiva alla rete blockchain.

Contro dello staking crypto

Lo staking delle criptovalute comporta dei rischi. Ci sono diversi svantaggi nello staking delle criptovalute:

  • I tuoi asset hanno liquidità limitata o assente durante il periodo di blocco dello staking.
  • I premi di staking (così come i token di staking) possono perdere valore quando i prezzi sono volatili.
  • La tua criptovaluta può essere ridotta (parzialmente confiscata) per aver violato i protocolli di rete.
  • Quando molti utenti ricevono premi di staking, c’è il rischio di inflazione della criptovaluta.
  • Un attacco a una rete blockchain può avere un impatto sulla tua criptovaluta in staking.
  • Lo staking delle criptovalute non è ben regolamentato .
  • Lo staking di successo può richiedere conoscenze tecniche avanzate.

Errori da principiante durante lo staking di criptovalute

Avrai maggiori probabilità di successo con lo staking di criptovaluta se impari dagli errori degli altri. Ecco alcuni errori comuni commessi dai principianti:

Condurre ricerche insufficienti

Alcuni possessori di criptovalute sono attratti da rendimenti interessanti e iniziano a puntare le proprie risorse digitali senza imparare come funziona lo staking o comprendere i rischi associati .

Ignorare la volatilità dei prezzi

I nuovi investitori in criptovalute potrebbero non rendersi pienamente conto che il valore dei token in staking può diminuire mentre sono bloccati.

Trascurando i periodi di blocco

Uno staker di criptovaluta alle prime armi potrebbe non considerare appieno il periodo di blocco prima di mettere in staking la propria criptovaluta. Successivamente, potrebbero non essere in grado di accedere alle proprie criptovalute in caso di emergenza.

Compromettere la sicurezza patrimoniale

I possessori di token desiderosi di guadagnare premi potrebbero non considerare l’intero spettro di rischi per la sicurezza associati alle loro decisioni. Ad esempio, potrebbero partecipare allo staking non custodito senza le conoscenze, le garanzie di sicurezza o le attrezzature necessarie.

Sottovalutare il rischio di taglio

Gli staker di criptovaluta attivi con i propri nodi di rete potrebbero calcolare erroneamente il rischio di perdere criptovaluta incorrendo in sanzioni ridotte.

Ignorando le implicazioni fiscali

I premi di staking possono essere soggetti a tassazione , ma le conseguenze fiscali sono spesso trascurate dagli staker di criptovalute alle prime armi.

Puntare troppe criptovalute

Lo staking di criptovaluta è solo un modo per far crescere potenzialmente il tuo portafoglio di investimenti; non dovresti fare affidamento su di esso per tutti i rendimenti degli investimenti. In altre parole, lo staking è un modo per diversificare il tuo portafoglio di criptovalute.

Lo staking della criptovaluta è potenzialmente gratificante, ma intrinsecamente rischioso. La pratica dello staking sta diventando sempre più popolare poiché piattaforme come Ethereum rendono accessibile lo staking mentre sempre più blockchain adottano meccanismi di consenso proof-of-stake. Conoscere lo staking delle criptovalute è un ottimo primo passo verso la padronanza di questa strategia potenzialmente redditizia.

Opinioni dal web

Scorrendo sui vari forum di riferimento emergono una serie di considerazioni sul valore aggiuntivo delle criptovalute negli investimenti degli utenti. La maggior parte di essi preferisce affidarsi agli exchange, piattaforme di trading che assicurano la massima protezione e nello stesso tempo interagiscono con gli investitori al fine di proporre le soluzioni migliori per il loro business nel mercato digitale finanziario. Su questa lunghezza d’onda molti di essi come per esempio il più famoso Binance hanno una struttura semplificata ma ricca di funzioni e servizi.

In questo modo è come operare in una stanza piena di broker potendo muoversi sul mercato in maniera libera e consapevole. La stessa analisi degli andamenti come pure il tracking sul valore delle criptovalute viene messo al servizio dell’investitore in modo da poter intervenire nell’immediato senza perdere tempo on line cercando notizie e approfondimenti.

Una volta che avete individuato la vostra propensione al rischio e soprattutto una volta che avete scelto la criptovaluta più adatta alle vostre esigenze, allora potrete iniziare a caricare il vostro capitale e dunque attivarvi sul mercato con i vostri investimenti diretti. Come abbiamo visti i rischi ci sono sempre, ma basta solo iniziare a capire come evitarli. Le perdite fanno parte del gioco, come anche gli improvvisi rialzi. Con un po’ di strategia ma soprattutto operando con un buon exchange di riferimento riuscirete nel vostro intento!

Conclusioni: conviene investire in crypto ?

A questo punto non è importante la modalità che scegliete per investire anche perché ognuno ha le sue esigenze personali in relazione soprattutto alla scelta della criptovaluta su cui puntare, l’importante è operare con responsabilità effettuando un’attenta analisi di vantaggi e svantaggi, servizi offerti, eventuali costi e misure di sicurezza.

Di conseguenza anche se avrete modo di sviluppare una certa preparazione in questa fase sarà sempre opportuno avere una conoscenza di base del funzionamento delle valute digitali e della tecnologia crittografica. Non bisogna mai distogliere lo sguardo dai rischi che ci saranno sempre. Quello che possiamo fare è imparare ad evitarli ma soprattutto capire come ridurre al minimo la possibilità di perdita. D’altronde le criptovalute possono essere molto volatili e la tecnologia su cui si basano è estremamente complessa.

Domande Frequenti

Le criptovalute sono un buon investimento?

Investire in criptovalute non è per tutti. I prezzi delle criptovalute possono essere volatili, il che rende questo tipo di investimento probabilmente una scelta sbagliata per gli investitori conservatori. Se sei disposto ad assumerti un rischio maggiore come investitore, allora investire in una o più criptovalute potrebbe essere la soluzione giusta per te.

Come posso investire in Bitcoin?

Puoi investire direttamente in Bitcoin utilizzando uno dei principali scambi di criptovaluta, come Coinbase o Binance. Un altro modo per ottenere un’esposizione agli investimenti in Bitcoin è acquistare azioni di una società con una significativa esposizione a Bitcoin, come una società mineraria di Bitcoin. Una terza opzione è investire in un fondo incentrato sul Bitcoin come un exchange-traded fund (ETF) .

Di quanti soldi ho bisogno per acquistare criptovaluta?

Puoi investire in Bitcoin o in un’altra criptovaluta senza spendere molti soldi. Utilizzando la piattaforma Coinbase, ad esempio, puoi acquistare criptovaluta con appena due unità della tua valuta locale.

Come funziona una blockchain?

La criptovaluta si basa sulla tecnologia blockchain, una sorta di database che registra e timestamp ogni voce al suo interno. Il modo migliore di pensare a una blockchain è come una ricevuta continua di transazioni.

Quando un database blockchain alimenta la criptovaluta, registra e verifica le transazioni nella valuta, verificando i movimenti della valuta e chi la possiede. Molti database blockchain crittografici vengono gestiti con reti di computer decentralizzate. Cioè, molti computer ridondanti gestiscono il database, controllando e ricontrollando le transazioni per garantire che siano accurate. Se c’è una discrepanza, i computer collegati in rete devono risolverla.

Come si estrae la criptovaluta?

Alcune criptovalute premiano coloro che verificano le transazioni sul database blockchain in un processo chiamato mining. Ad esempio, questi minatori coinvolti con Bitcoin risolvono problemi matematici molto complessi come parte del processo di verifica. Se hanno successo, i minatori ricevono un premio predeterminato in bitcoin.

Per estrarre Bitcoin, i minatori hanno bisogno di potenti unità di elaborazione che consumano enormi quantità di energia. Molti minatori gestiscono enormi stanze piene di tali piattaforme minerarie per estrarre queste ricompense. Alla fine del 2022, la gestione del sistema Bitcoin consumava tanta energia quanto un paese di medie dimensioni.