Bitcoin: che cosa sono?

I Bitcoin rappresentano una rivoluzione nel campo monetario e finanziario e come tale hanno riscontrato un notevole successo, nonostante l’ostracismo degli istituti bancari che ne hanno percepito la convenienza sul piano economico. In tal senso nonostante una serie di ostacoli burocratici la moneta digitale continua a macinare consensi e in particolare i Bitcoin si attestano come le migliori criptovalute su piazza. Ovviamente per avvicinarsi al mondo dei Bitcoin occorre una minima preparazione per capire di cosa si tratta. A tal proposito in questa guida proveremo a sintetizzare i loro maggiori punti di forza concentrandoci sul loro impiego semplice e pratico. Buona lettura!

Che cosa sono i Bitcoin

Cos’è un Bitcoin?

A conti fatti il Bitcoin non è altri che una moneta virtuale che consente di effettuare una serie di operazioni finanziarie anche se non è reale. Non è un caso che sia considerata la migliore criptovaluta che possiamo trovare in circolazione tra numerose e diversificate proposte. Il fatto poi che queste monete non esistano nel mondo reale può rappresentare inizialmente un problema, perchè non riusciamo ad associare un valore ad una moneta trasparente. Eppure nel mondo cibernetico il loro valore ha un vero e proprio impatto sul mondo reale con il suo peso specifico in termini economici.

Tutto merito di un uomo e quindi del suo fondatore che ha letteramente rivoluzionato le regole finanziarie e quindi monetarie, proponendo una nuova idea di moneta, non più cartacea o da considerarsi come un elemento fisico dato che non può essere toccata con mano! Per questo motivo i Bitcoin sono da considerarsi come la prima moneta virtuale che puà essere utilizzata solo nel mondo telematico anche se recentemente abbiamo riscontrato una timida apertura da parte del mondo “reale” a questa nuova pratica monetaria con la possibilità di pagare proprio in criptovalute a fronte di un trend attuale di crescita del valore dei Bitcoin davvero interessante.

Curiosità e notizie sui Bitcoin

Un modo per capire meglio la logica che si cela dietro la nascita dei Bitcoin è quello di carpire nuovi segreti e curiosità su Satoshi Nakamoto, il genio fondatore che ha avuto l’intuito di portare sul mercato una moneta che sfidasse in qualche modo la tradizione. In quest’ottica possiamo sempre scambiare questa moneta grazie a un sistema Peer to Peer un pò come succede per Torrent o Emule per scaricare film e video. Insomma è come un sistema di condivisione che consente di prendere in base alle nostre esigenze, per questo è così gettonato a fronte della sua facilità esecutiva. Nella pratica accade che i vari computer in rete mettono quello che hanno in condivisione con gli altri in modo da far girare i loro file. In questo modo ci sarà uno scambio libero tra file inviati e ricevuti. Tenendo bene a mente che il valore di questa moneta è cresciuto a dismisura dal giorno in cui è entrato sul mercato consentendo a tutti di comprarle per poter utilizzare nei sistemi finanziari online.

Valore del Bitcoin in crescita continua

E’ importante notare come è cambiato il suo valore da quando questa moneta è stata immessa sul mercato. A tal proposito si attestava agli inizi del 2017 sui 3000 dollari per poi passare nell’arco di 2 anni alla cifra di 8000 dollari. Una rapida e costante crescita che dimostra di fatto il suo valore ma soprattutto come è cambiata la sua percezione: da novità da sperimentare a moneta vantaggiosa per le sue notevoli caratteristiche tecniche sul piano pratico. Stiamo parlando di un gruppo di criptovalute che ha macinato in breve tempo un record incredibile per essere una moneta giovane.

In siffatto contesto la teoria portata avanti da molti analisti secondo cui i Bitcoin non sono altro che una bolla crolla vertiginosamente di fronte a questi dati. Nonostante ciò c’è ancora chi considera i Bitcoin una moneta fragile come una meteora destinata infatti ad inabissarsi in fretta. E’ chiaro che è un pregiudizio visto e considerato che la tendenza di utilizzo ci racconta di un successo che in sostanza poteva essere annunciato! Ragion per cui malgrado l’ostracismo per una serie di cavilli politici e burocratici i Bitcoin continuano ad avere successo.

Limiti nella creazione dei Bitcoin

Per poter creare i Bitcoin dal nulla occorre conoscere il mondo cibernetico nel quale possiamo procedere ad un’operazione di mining che ci consentirà di “coniare” virtualmente la moneta dato che essa è estranea al processo di distribuzione delle banche centrali dato che a conti fatti non esiste. Sfruttando un sistema decentralizzato si procede alla creazione di Bitcoin che però non sono infiniti. In tal senso siamo di fronte ad una moneta che ha sostanzialmente un limite. Questo vuol dire che non si potranno creare nuovi Bitcoin all’infinito ma dobbiamo necessariamente rispettare un limite preciso che è quello di 21 milioni di unità. Questo è un dato importante per evitare di forzare troppo il sistema. Per intenderci la disponibilità di nuove monete cresce come una serie geometrica ogni 4 anni con una stima di 21 milioni di monete che saranno raggiunti nel 2140.

I Bitcoin sono vietati?

Categoricamente no, non sono vietati! A tal proposito non esiste alcuna legge in Italia o all’Estero che vieti la compravendita o lo stesso utilizzo di Bitcoin che nonostante la loro virtualità sono totalmente legali e quindi disponibili per coloro che vogliono usarli. Tenendo bene a mente che essi assicurano un certo anonimato, parzialmente vero. A tal proposito basta ricordare che tutte le transazioni autorizzate con Bitcoin address sono conservate per sempre nel network e consultabili da chiunque sul sito ufficiale. Il nome del titolare non è in alcun modo evincibile finché non sarà lui a rivelarlo durante la transazione in esecuzione. Per questo motivo sarebbe meglio creare ogni volta un nuovo Bitcoin address quando riceviamo del denaro in modo da effettuare ogni operazione in maniera sicura e affidabile.

Come ottenere i Bitcoin

Per passare all’acquisto dei Bitcoin bisogna capire come fare per poter anche qui risparmiare. Tenendo bene a mente che non dobbiamo comprarne uno per intero ma possiamo anche optare per un pacchetto di suddivisioni dei Bitcoin come i Satoshi che hanno un cambio assimilabile al di là del loro effettivo costo di mercato. In ogni caso al di là della strada che prenderemo nella compravendita dobbiamo comunque affidarci ad un wallet. Solo aprendolo scopriremo il nostro codice alfanumerico che corrisponde al primo indirizzo Bitcoin con ben 34 caratteri alfanumerici.

Quello che dobbiamo fare è copiarlo in un posto sicuro facendo attenzione a non perderlo. Nel caso in cui dovessimo perderlo i Bitcoin in nostro possesso scompariranno dalla rete. Arrivati a questo punto risulta necessario fare un distinguo con lo scopo di fare chiarezza. Ebbene il Bitcoin address (indirizzo Bitcoin) e il wallet (portafoglio) non è la stessa cosa, parliamo di due cose diverse e ora vi spieghiamo perchè. Quando parliamo di adress parliamo di un codice univoco e ne possiamo generare quanti ne volete tramite questo sistema e soprattutto con una serie di tecniche consigliate. Il portafoglio meglio conosciuto dagli appassionati con il nome di wallet, è un “contenitore” dove possiamo raggruppare tranquillamente tutti Bitcoin address che generiamo solitamente. In pratica è qui che vanno a finire i soldi che su quegli indirizzi ricevi. Chiaro, no? Ebbene ora che tutto è chiaro non resta che iniziare a comprare Bitcoin per poter gestire online le nostre operazioni finanziarie. Scopri come Guadagnare con Bitcoin.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*