Un ETF spot su Bitcoin può invalidare i segnali ribassisti 

Quello che accadrà nella prossima settimana avrà un impatto significativo nelle dinamiche dei Bitcoin che presto potrebbero scendere sotto i 20.000 dollari se l’ETF spot non verrà approvato. In quest’ottica guardano ai fattori macroeconomici vediamo che c’è molta aspettativa per il discorso del presidente della Federal Reserve Jerome Powell previsto per il 19 ottobre che di fatto può avere delle conseguenze nell’immediato, mentre per quanto riguarda la vittoria di Grayscale possiamo dire che è quasi certa, poiché la SEC statunitense non vuole impugnare la decisione della corte.

Il prezzo del Bitcoin ha lanciato un segnale di inversione al ribasso

Considerando i dati sull’occupazione e sull’inflazione dei settori non agricoli superiori alle attese, le probabilità che Jerome Powell accenni ad un altro aumento dei tassi di interesse sono elevate. Tuttavia, lo strumento FedWatch del CME mostra una probabilità del 90,3% che i tassi ufficiali siano tra i 525 e 550 punti base. Anche se il discorso avrà probabilmente un impatto a breve termine sul prezzo del Bitcoin, gli investitori devono stare attenti a fare trading di BTC poiché le cose potrebbero diventare rischiose in futuro.

E’ in questo scenario che si gioca una partita molto scivolosa per i Bitcoin con i suggerimenti dei prezzi che risultano essere ribassisti. In tal senso le condizioni per un riscatto sono diverse e molteplici ma qualcosa all’orizzonte si sta muovendo anche perché l’inversione della tendenza può avvenire tecnicamente con la presenza di un minimo inferiore e di un massimo inferiore.


eToro

Ecco i vantaggi di investire in Azioni con eToro:
✔️ Funzione CopyTrader per copiare i migliori investitori
✔️ Deposito Minimo di soli 50 €
✔️ Conto Demo e Staking Automatico
✔️ Bonus 30$ Gratis alla registrazione

Prova Ora Gratis ➡


Se guardiamo un po’ all’indietro vediamo che prezzo dei Bitcoin ha tagliato il minimo della prima settimana di giugno a 25.941 dollari e ha prodotto uno swing minimo settimanale a 25.386 dollari. Sebbene questo movimento ha soddisfatto la prima condizione di un’inversione di tendenza, il massimo inferiore raggiunto nella prima settimana di ottobre a 28.592 dollari ha cambiato le cose. E’ in questo scenario che il prezzo ha ufficialmente prodotto un segnale di inversione di tendenza indicando la potenziale fine del rally del 2023.

Ora dato che non è ancora tutto perduto gli investitori possono ancora sperare ma dovranno essere cauti nei confronti di ciò che verrà dopo. La storia dei Bitcoin suggerisce un trend al ribasso estremamente volatile quando BTC supera un livello chiave dopo un segnale di inversione di tendenza. Gli obiettivi includono il livello psicologico di 25.000 dollari, il cui cedimento potrebbe innescare un crollo di quasi il 26% a 19.294 dollari. Gli investitori sono pronti a questo ennesimo cambio di rotta?

Secondo gli esperti del settore è molto improbabile che la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti faccia appello per riconsiderare la sentenza spot di Grayscale sull’ETF Bitcoin, che di fatto aumenta le possibilità di un’approvazione spot dell’ETF Bitcoin. Indipendentemente da questa vittoria, Bitcoin ha notato solo un piccolo picco nel trend rialzista, che non è riuscito a sostenere. In ogni caso l’approvazione dell’ETF spot su Bitcoin è l’unica prospettiva abbastanza forte da dare il via ad un trend rialzista per BTC invalidando la prospettiva ribassista sopra descritta. Per questo motivo un passaggio del genere è particolarmente atteso dal mercato dei rialzisti.

Lascia un commento