I Bitcoin scendono ancora verso il basso – Un’ondata ribassista mette a dura prova i BTC

Secondo i dati che abbiamo raccolto nelle ultime sessioni i Bitcoin stanno affrontando una delle peggiori prove del loro percorso nel mercato digitale. A tal proposito nell’ultima settimana i BTC sono scesi del 9,4% finendo a circa $ 31.000 trascinando poi le altre cripto come per esempio Ethereum che ha perso il 16,1%. Senza dimenticare il crollo sistematico delle principali altcoin come la Binance Coin che ha perso il 13,4% e Solana che ha subito una pesante perdita al 25,4%. In generale è la capitalizzazione totale del mercato delle criptovalute ad essere sprofondata del 15% per effetto della disfatta dei Bitcoin.

BTC: gli indici di riferimento saltano e inizia a crescere la paura tra gli investitori

Cresce il timore tra gli investitori che i BTC non riescano a recuperare le perdite dopo un crollo così vertiginoso che ha messo a dura prova l’intero settore delle criptovalute. Quello che preoccupa in sostanza è la discesa repentina dato che fino a lunedì scorso sembrava andare tutto per il meglio con il ritiro del mercato delle criptovalute dai minimi locali. Poi è accaduto qualcosa di inedito con una disfatta operativa che si è portata dietro le altre cripto comprese le altcoin.

Siamo di fronte ad una situazione critica con un andamento decrescente che non sembra volersi esaurire. L’ansia degli acquirenti è scattata subito dopo il recente crollo e cioè quando per la prima volta i BTC hanno toccato un minimo ciclico. Da quel momento in poi è stato un precipitare continuo che ha spinto gli investitori a farsi una domanda lecita: scegliere un punto basso per acquistare o unirsi alla mossa discendente per poter ricavare introiti nel momento che sale?. Ovviamente la prudenza suggerisce che è meno rischioso seguire la seconda strategia, ma niente è sicuro in questa fase.

In pratica abbiamo assistito ad un calo molto simile a quello dei giorni scorsi ma più intenso dopo aver infranto i suoi minimi storici sfiorando la soglia dei $ 30.000. Se a ciò aggiungiamo lo scenario che sta colpendo le altcoin come Terra è lecito preoccuparsi considerando che LUNA fino a qualche giorno fa’ poteva vantare un andamento propizio considerato come un modello dalle altre criptovalute. Di colpo le dinamiche sono cambiate e ora tutto il settore annesso è in affanno.

In siffatto contesto colpiscono le parole del famoso investitore Bill Miller che ha affermato di aver venduto recentemente alcune delle sue partecipazioni in BTC convinto della loro resistenza. In tal senso aspetta di vederli risalire nel lungo periodo nonostante le difficoltà del momento convinto che questo sia solo un momento passeggero per i Bitcoin. Possiamo immaginare l’effetto che hanno avuto queste parole tra gli investitori che dunque hanno iniziato a recuperare la fiducia iniziale, ma basterà?

Di contro una buona parte dei traders professionisti è convinta che bisognerebbe acquistare Bitcoin una volta che avranno testato il fondo a $ 17.000. Ovviamente si tratta di una strategia che non tutti gli acquirenti si sentono di condividere perché in effetti è molto rischiosa, però è anche vero che potrebbe essere la chiave giusta per ribaltare la situazione.

Lascia un commento