Bitcoin: un’altalena di alti e bassi prima dell’annuncio della Fed

Nelle ultime ore i BTC hanno registrato un’altalena di alti e bassi mettendo a dura prova la pazienza dei traders. A tal proposito dopo un inizio segnato da una forte instabilità, l’asset è cresciuto grazie ad uno slancio produttivo che ha portato a superare la soglia dei 41.700$, purtroppo però nella sessione successiva è tornato al punto di partenza per via di un forte nervosismo da parte dei mercati in virtù dell’atteso annuncio della Fed previsto per oggi alle 19. E’ chiaro che le dichiarazioni del presidente della Fed hanno un ruolo cruciale nel tenore dell’andamento del mercato digitale.

I Bitcoin hanno dovuto affrontare un pomeriggio molto dinamico a causa di una serie di slanci prima rialzisti seguiti da alcuni ribassi mandando in tilt la mole di investitori di fronte al continuo cambio di scena. A quel punto l’attesa si è trasformata in frustrazione non appena il prezzo dell’asset ha superato i 40.000$ tornando sotto il livello cardine che ha caratterizzato le ultime settimane.

Quell’impennata di quasi 42.000$ è servita a liquidare gli short ma si è rivelata un fumo negli occhi, perché nessuno si aspettava un successivo ribasso come questo. In tal senso il picco raggiunto dalla coppia BTC/USD che ha segnato un buon 41.700$ su Bitstamp è sembrata la soluzione migliore per registrare una nuova risalita, ma nell’arco di poche ore il prezzo è salito a 2.000$ e dopo aver infranto alcune resistenze chiave è tornato al punto di partenza. Questo cambio repentino ha creato non pochi problemi. Infatti secondo i dati offerti dal monitoraggio on-chain Coinglass, nelle ultime 24 ore i BTC hanno causato liquidazioni per 98 milioni di dollari. Ragion per cui quell’incremento non è stato solo deludente e illusorio ma anche penalizzato gli investitori sul piano pratico.

Ora i BTC si trovano in una posizione cristallizzata in un trading range ben consolidato, con la coppia BTC/USD che dopo aver superato alcuni supporti tecnici è passata da 40.000 a 41.000 dollari prima che il prezzo si sgonfiasse nuovamente. In ogni caso i 41.000$ rimangono ancora un grosso ostacolo da superare in merito alle dinamiche della pressione di vendita. Per questo motivo è molto importante cosa dirà la Fed a riguardo, dato che alle 19:00 di oggi svelerà ulteriori informazioni sui tassi d’interesse. C’è molto attesa per possibili cambi di marcia che potrebbero cambiare le logiche di contrattazione dei traders professionisti.

In questo scenario i BTC pur nella loro instabilità possono offrire un salvagente all’economia globale dilaniata da un conflitto bellico che non accenna ad esaurirsi. In questa fase le disposizioni della Fed giocano un ruolo chiave, perché in base ai loro provvedimenti si gioca il futuro delle criptovalute in una fase così critica come questa. Che cosa farà la Fed: aumenterà i tassi di interesse come previsto dagli analisti?

Broker-Forex.it è su Google News !
Per rimanere sempre aggiornato sulle nostre news sulle criptovalute clicca su questo link e clicca sulla stellina ⭐ in alto a destra.

Lascia un commento

Il 78% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.