NFT: nell’area Asia-Pacifico le ricerche su Google sono alle stelle

Gli NFT oramai sono entrati di diritto nel potere di acquisto degli investitori e a dimostrarlo ci sono dati e statistiche dalla loro parte! A tal proposito secondo una recente analisi di mercato nell’area geografica Asia-Pacifico le ricerche su Google legate agli NFT sono al primo posto, segno del forte interesse suscitato negli utenti in tutto il mondo, sollecitati da una rinnovata curiosità verso questo nuovo strumento digitale.

Questi dati confermano di fatto il boom dei token non fungibili (NFT) che soprattutto tra i Paesi dell’area Asia-Pacifico (APAC) stanno ottenendo un ottimo riscontro. Sicuramente c’è una forte curiosità di capire in che modo possono rivoluzionare l’economia reale, soprattutto da quando sono stati introdotti in eventi culturali, offrendo prodotti alternativi di grande prestigio. In questo scenario tramite la piattaforma Google Trends scopriamo che Cina, Singapore e Hong Kong sono in cima alla classifica in termini di ricerche di NFT, proprio a dimostrazione della sua crescita sul piano operativo.

Nello specifico è la Cina che registra il maggior interesse con l’indice di ricerca Google a 100 punti. Seguono Singapore e Hong Kong con 67 e 62 punti, e poi le inseguono in ordine sparso Venezuela, Filippine, Cipro, Canada, Nuova Zelanda, Australia e Stati Uniti. In questo scenario è prevista un’ondata di adesioni da parte della Cina verso gli NFT a fronte di una restrizione interna che potrebbe favorire un altro genere di mercato.

A tal proposito il recente divieto crypto nel Paese potrebbe innescare un altro genere di compravendita che potrebbe dare un nuovo volto al settore delle cripto. A tal proposito gli analisti cinesi sono convinti che gli investitori appassionati di crypto potrebbero dirottare il loro capitale verso gli NFT proprio per arginare l’ostacolo creato dal governo circa la diffusione e la fruizione del sistema delle criptovalute, che oramai sono in continua crescita in ogni Paese.

Lascia un commento

Il 68% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.