La Banca Popolare Cinese contro il sistema crypto delle compagnie emergenti

La Banca Popolare Cinese mette in pratica gli annunci fatti nelle settimane precedenti con cui ammoniva i funzionari dei sistemi valutari digitali invitandoli a ridimensionare la loro estensione sul mercato. In particolare è iniziato un programma di smantellamento di quelle attività considerate illegali, in quanto legato al mondo crypto con un riferimento alle numerose compagnie emergenti a Shenzhen.

In tal senso l’approccio drastico della PBoC al settore emergente delle crypto è destinato a scoraggiare gli investire complice una serie di pratiche che mirano ad equiparare la commercializzazione delle criptovalute come una truffa ai danni dello Stato. Politica resa più esplicita dai recenti provvedimenti presi contro 11 nuove compagnie che secondo il Governo avrebbero fornito servizi di trading crypto considerati illegali nel Paese.

I detrattori di queste totalitarie soluzioni hanno criticato i report resi pubblici dalla Banca, accusando una serie di mancanze nella definizione dei dettagli delle sanzioni. Il che fa pensare ad una strategia repressiva finalizzata esclusivamente a destabilizzare il settore crypto. In effetti si spiegherebbe la raffica di misure prese contro il trading transfrontaliero illecito senza note aggiuntive che dovrebbero motivare le singole azioni.

In questo scenario si capisce perfettamente quali sono le intenzioni degli istituti finanziari nazionali che mirano senza tanti giri di parole ad affossare il trading on line. Da questo punto di vista i Big delle crypto assets stanno valutando se sia preferibile adattarsi ad alcune regole per poter battere la concorrenza o scegliere di ridimensionare l’intervento nel mercato cinese.

Se prima non era considerato illegale possedere crypto, inasprendo le restrizioni sul settore si punta a sfavorire la loro capitalizzazione rendendo illecite le transazioni basate sullo scambio delle criptovalute. In siffatto la Banca Popolare Cinese mostra le sue carte e punta dritto al cuore del trading online con l’obiettivo di far sparire le cripto tra le opzioni valutarie.

Lascia un commento

Il 68% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.