I tweet di Saylor e Musk hanno ridimensionato il mercato crypto

I tweet di Musk e Saylor hanno nel giro di pochi mesi ridimensionato le dinamiche del mercato online ponendosi come un valore determinante nella corsa alle criptovalute. In tal senso hanno influenzato le scelte dei nuovi investitori in virtù delle loro dichiarazioni pubbliche che hanno subito avuto una conseguenza nella rilevazione dei trend rispetto all’andamento della moneta sul mercato.

tweet di Saylor e Musk

In questo scenario sia Musk che Saylor hanno svolto un ruolo determinante nella diffusione dei BTC perché hanno contribuito a plasmare le opinioni dei potenziali investitori indicando i fronti su cui investire e nello stesso tempo boicottando strade considerate rischiose per il proprio portafoglio. In particolare hanno influenzato il mercato circa i valori di Bitcoin (BTC) nel secondo trimestre. Nello specifico hanno operato in modo diverso ma ottenendo entrambi conseguenze determinanti. Scopriamole insieme!

Se da un lato i tweet di Elon Musk hanno velocizzato una caduta con un calo registrato dell’1,6% del prezzo di BTC, dall’altro i suoi interventi sui Bitcoin hanno incuriosito i futuri investitori che nell’arco di un anno sono aumentati del 44,4%. Di conseguenza combinando i suoi interventi il risultato è incoraggiante. In particolare tra tutti i suoi tweet quello che ha dato una scossa al mercato è quello del 16 maggio circa la centralizzazione del mining che ha provocato un calo del 7,6% del prezzo di Bitcoin:” una singola miniera di carbone nello Xinjiang si è allagata, quasi uccidendo i minatori, e l’hashrate di Bitcoin è sceso del 35%. Vi sembra ‘decentralizzato’?”

Discorso differente per Michael Saylor, il CEO di MicroStrategy, che ha influenzato il prezzo dei BTC ma nella parte opposta con una promozione generalizzata che è arrivata anche in un momento florido per i BTC facendo aumentare il volume da 11.000$ a 60.000$. Dopo i suoi tweet infatti il prezzo è aumentato del 4,4% con una serie di benefici derivanti da questa preziosa impennata.

Lascia un commento

Il 68% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.