ETF su Ripple, Solana e Cardano: quando arriveranno

ETF su Ripple, Solana e Cardano

Il discorso sullo sviluppo di fondi negoziati in borsa (ETF) sta prendendo piede. Infatti al Consensus 2024, il CEO di Ripple Brad Garlinghouse ha espresso una dichiarazione positiva secondo cui XRP, Solana (SOL) e Cardano (ADA) possono prendere il posto degli ETF sulle criptovalute.

Gli ETF di XRP, SOL e ADA all’orizzonte

La grande fiducia di Garlinghouse è rafforzata dall’approvazione da parte della SEC di un ETF su Bitcoin ed Ethereum, che costituisce un punto di riferimento che può essere utilizzato per altre criptovalute. Garlinghouse ha affermato che questa è solo questione di tempo e non può essere prevista. Crede che ci saranno ETF XRP, ETF Solana ed ETF Cardano, il che è sorprendente.

Questa mossa pianificata potrebbe far avanzare l’integrazione delle criptovalute nel mainstream finanziario, fornendo agli investitori più alternative di investimento riducendo al contempo l’esposizione al rischio.

Sebbene la speranza persista, il modo per creare questo nuovo ETF non è stato privo di sfide. Ripple è ora impegnata in una battaglia legale con la SEC, mettendo in dubbio la prospettiva di un ETF XRP nel prossimo futuro.

ETF: il futuro è Solana?

Nel frattempo, secondo il CEO di Asymmetric Joe McCan, Solana è un possibile candidato per la prossima approvazione dell’ETF. Ciò è supportato dal fatto che sta avendo un’ottima performance.

Sulla base dei dati di DeFiLlama, il TVL di Solana era di 4,80 miliardi di dollari. Si è trattato di un aumento del 20,27% negli ultimi 30 giorni. Ma gli ultimi sette giorni non sono stati rosei per il token poiché sembrava che alcuni SOL puntati fossero stati ritirati. Nonostante il recente calo, il TVL della catena potrebbe raggiungere gli 8 miliardi di dollari, soprattutto perché l’attività sulla rete è stata molto maggiore rispetto ad altri progetti.

Se (quando) ciò accadesse, la domanda di SOL potrebbe essere incredibile, portando il prezzo a raggiungere o superare la soglia dei 500 dollari. Oltre a ciò, i dati hanno mostrato che l’offerta circolante di stablecoin su Solana è in aumento.

Un’allargamento della dimensione ETF è possibile?

Tuttavia, rimane il pessimismo sull’avvicinarsi dell’ETF bitcoin, soprattutto tra individui come Nikolaos Panigirtzoglou, stratega del mercato globale presso JPMorgan. Panigirtzoglou ha messo in dubbio la volontà della SEC di sostenere ETF diversi da Bitcoin ed Ethereum, citando la vulnerabilità amministrativa e l’attuale dibattito sulla qualificazione di alcune criptovalute come titoli.

Nel frattempo, in risposta all’attuale complicato clima normativo negli Stati Uniti, Ripple sta espandendo strategicamente il reclutamento straniero, con una crescita considerevole a Londra, Ginevra e Singapore.

Nel settore delle criptovalute in continua evoluzione, il futuro di XRP, SOL e ADA come potenziali ETF appare promettente. Nonostante le sfide normative, l’ottimismo persiste tra i leader del settore come Brad Garlinghouse. Le basi gettate dalle recenti approvazioni degli ETF su Bitcoin ed Ethereum segnalano una potenziale svolta per queste criptovalute.

Sebbene permangano degli ostacoli, la prospettiva di integrare XRP, SOL e ADA nella finanza tradizionale è di buon auspicio per gli investitori che cercano opportunità diversificate. Le condizioni per un’apertura ci sono tutte ma dopo gli alti e bassi dell’ETF Bitcoin resistono alcuni dubbi da parte degli analisti.