Elon Musk: “Non sono il CEO di Dogecoin”

L’influenza delle criptovalute inizia a diffondersi in maniera capillare attirando sempre più investimenti e novità dal punto di vista digitale. La crescita dell’ultimo periodo è senza dubbio incrementata dalla spinta e divulgazione da parte di personaggi influenti nel contesto internazionale, come nel caso di Elon Musk. Il CEO di Tesla sta infatti supportando in maniera concreta, dal punto di vista della divulgazione e comunicazione via social, lo sviluppo di Dogecoin.

Dogecoin

Il ruolo di Elon Musk nella crescita di Dogecoin

L’interesse sempre maggiore intorno alle monete digitali e la rispettiva crescita dal punto di vista dell’importanza economica, stanno ponendo le basi per una possibile rivoluzione in ambito monetario. Questa circostanza è probabilmente frutto anche del l’appoggio che determinate figure influenti dedicano a determinate monete in particolare.

Negli ulti tempi molti hanno notato l’appoggio di Elon Musk nei confronti di Dogecoin; in un recente tweet ha infatti invitato a supportarne lo sviluppo e gli investimenti. Questo post ha scaturito diverse ipotesi in merito ad un ipotetico coinvolgimento economico del CEO di Tesla nel progetto di Dogecoin, finché non è arrivato un altro post per chiarire la propria posizione specificando il suo essere estraneo ad interessi commerciali ed economici legati a questa criptovaluta che, seppur nata per gioco, vede standard di crescita sempre più elevati.

La crescita di Dogecoin e la cautela necessaria

Come accennato precedentemente, rispetto ad altre criptovalute, Dogecoin non è nata con l’ambizione di sbaragliare la concorrenza. Sta di fatto che i recenti dati dimostrano una crescita economica e possibilità di investimento sempre più vantaggiose. In ogni caso, è importante procedere con cautela e attenzione; il contesto delle monete digitali è ancora piuttosto altalenante, scandito da tendenze al rialzo e al ribasso a seconda delle logiche digitali ancora troppo confusionarie. Per questa ragione, investire il proprio tempo e denaro in questo settore significa essere consapevoli di una buona dose di rischio calcolato.

Lascia un commento

Il 68% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.