Dogecoin ed Ethereum si preparano a costruire un bridge per l’adozione di massa

Secondo il co-fondatore di Dogecoin, Billy Markus, tra la sua azienda ed Ethereum sta per nascere un ponte prezioso che aiuterà nella diffusione delle criptovalute su larga scala. In particolare favorirà l’espansione di DOGE che così potrà essere utilizzato per l’acquisto di NFT. Un’idea allettante che sembra entusiasmerà gli investitori del mercato digitale.

In tal senso Billy Markus non ha dubbi sul potere espandibile dei token non fungibili (NFT) sapendo che questo ponte tra Ethereum a Dogecoin favorirà ampiamente l’adozione massiccia di meme-coin. Si tratta di un progetto che mira ad incrementare la crescita di un asset in modo che possa essere integrato con le migliori piattaforme NFT basate su Ethereum. Tra queste va ricordato OpenSea che ha di fatto autorizzato un ramo di acquisti di oggetti non fungibili con DOGE.

Tale ponte nasce da una forte domanda per acquistare NFT all’interno della comunità crypto. Ragion per cui questa implementazione di DOGE nell’ecosistema NFT è una naturale conseguenza di fronte ad una serie di esigenze messe in campo dagli investitori. In questo scenario il suddetto strumento consentirebbe agli utenti di inviare DOGE dalla blockchain Dogecoin a quella Ethereum, in modo semplice, pratico e intuitivo. A beneficiarne però sarebbe soprattutto DOGE che potrebbe a conti fatti rappresentare una vera e propria alternativa ad Ether che sta dominando i pagamenti NFT.

Di conseguenza è chiaro che questo ponte avrà una serie di vantaggi nell’immediato che non bisogna sottovalutare specie in chiave rialzista acconsentendo a scambiare DOGE migliaia di volte al secondo all’interno di un loop ring. Per questo motivo dobbiamo monitorare questo potenziale bridge a fronte di un intervento che può davvero cambiare le sorti di Dogecoin nel mercato digitale con Ethereum a sfruttare questo strumento per la sua continuativa campagna di promozione di NFT. A questo punto c’è da chiedersi come reagiranno le altre criptovalute in questo nuovo scenario?

Lascia un commento

Il 68% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.