Criptovaluta e Inflazione: come usare le stablecoin come copertura

La crescita continuativa delle criptovalute ha messo gli investitori di fronte a nuovi protocolli di intervento nei quali però vigono sempre le vecchie regole finanziarie basate sui termini dell’inflazione. In questo breve articolo ci soffermeremo sulle sue dinamiche in ambito digitale con una serie di riferimenti alle condizioni che determinano l’aumento del prezzo.

Si tratta di un argomento piuttosto dibattuto e nel quale le criptovalute giocano un ruolo chiave con la possibilità di usare stablecoin come BUSD come copertura. In questo modo andiamo a risolvere uno dei problemi chiave del sistema crypto e cioè la scalabilità dettata da un mercato dall’andamento volatile.

In questo scenario le stime sull’inflazione delineano un quadro piuttosto preoccupante dopo che tutti i governi nazionali sono stati costretti a versare milioni di dollari per incentivare l’economie dopo la crisi dovuta alla pandemia. In ogni caso, malgrado le pessime previsioni, il mercato digitale ha retto bene il rapporto con l’inflazione e non si esclude che possa capovolgere le aspettative degli analisti. In tal senso un’oscillazione intorno all’1,5% in tempi di crisi non è propriamente un pessimo risultato.

Quello che bisogna capire è che negli ultimi anni sempre più Stati hanno usato la criptovaluta proprio per sopravvivere all’inflazione per questo si considerano le BTC come degli asset deflazionistici, e quindi usati per proteggersi dall’aumento dei costi di beni e servizi quotidiani.

A rafforzare la posizione dei BTC è sicuramente il fatto che a differenza della moneta tradizionale non può in alcun modo essere manipolata avviando modifiche su tassi di interesse o eventualmente attivando un nuovo ciclo di stampa della valuta. In questo modo i Bitcoin si attestano come una magnetica riserva di valore resistente all’inflazione. Ragion per cui nel caso in cui l’inflazione sia superiore alle previsioni, possiamo impiegare i pacchetti di stablecoin per uscire dalla crisi indenni al crollo.

Lascia un commento

Il 68% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.