Che cosa sta limitando l’ascesa di Bitcoin a 100.000$?

Bitcoin

Il valore di Bitcoin rimane limitato al di sotto dei 100.000 dollari nonostante le recenti tendenze rialziste e i significativi investimenti istituzionali in ETF spot, ma quali sono i fattori che ne stanno limitando l’ascesa?

Il rally di Bitcoin punta a quota 100.000$ nonostante le vendite 

In un’analisi dettagliata abbiamo scoperto una complessa interazione di fattori che attualmente limitano l’ascesa di Bitcoin. Il principale tra questi è il tiro alla fune tra i nuovi investimenti istituzionali e la pressione di vendita da parte dei detentori di titoli a lungo termine.

Entro sei mesi dall’approvazione del lotto iniziale di ETF spot su Bitcoin da parte della Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti, miliardi di dollari sono stati incanalati in questi prodotti finanziari.

Secondo Lookonchain, il 6 giugno, nove fornitori spot di ETF su BTC negli Stati Uniti hanno accumulato complessivamente 6.907 BTC, per un valore di oltre 492 milioni di dollari. In particolare, Fidelity ha acquisito 3.104 BTC e BlackRock ha acquistato 2.186 BTC.

Dopo i sostanziali guadagni di maggio, l’interesse istituzionale per Bitcoin è aumentato, con molti che optano per gli ETF spot per ottenere esposizione. Negli ultimi sei mesi, gli emittenti spot di ETF Bitcoin negli Stati Uniti hanno accumulato in modo aggressivo BTC, acquistando circa il 200% di tutti i Bitcoin estratti dalla loro introduzione a gennaio.

Questo robusto investimento istituzionale ha fatto salire i prezzi del Bitcoin, superando i massimi del 2021 e stabilendo nuovi record nel marzo 2024.

Afflussi istituzionali, liquidità in USD e dinamiche dei detentori a lungo termine

Nonostante il trend rialzista, il ritmo di aumento del prezzo del Bitcoin rimane contenuto, in gran parte a causa delle consistenti vendite da parte dei detentori a lungo termine. Dal picco del dicembre 2023, la percentuale di Bitcoin detenuta da investitori a lungo termine è scesa dal 57% al 54%, pari alla vendita di circa 630.000 BTC. Questa cifra supera il totale delle partecipazioni in Bitcoin da parte di tutti gli emittenti spot di ETF negli Stati Uniti.

Gli analisti suggeriscono che per fare in modo che i BTC testino la soglia dei 100.000 dollari, è necessario un aumento significativo della domanda istituzionale, spingendo potenzialmente gli acquisti giornalieri a oltre 1 miliardo di dollari.

Inoltre, il rallentamento della liquidazione da parte dei detentori a lungo termine è cruciale. Un’impennata dell’offerta di moneta negli Stati Uniti, insieme a una ridotta pressione di vendita, potrebbe spingere Bitcoin oltre il suo attuale range di scambio.

Il prezzo di BTC aumenta tra le preoccupazioni della FDIC poiché la banca dei clienti riduce i clienti degli hedge fund crittografici

La recente riduzione dei clienti dei crypto hedge fund da parte della Customers Bank, guidata dall’allarme di perdita di 517 miliardi di dollari della FDIC, segna un cambiamento significativo nel settore bancario in un contesto di instabilità finanziaria in corso.

L’accresciuta incertezza nel settore bancario ha avuto un impatto notevole sui mercati delle criptovalute. Il recente allentamento delle aspettative della Federal Reserve statunitense ha dato una spinta al Bitcoin e ad altre criptovalute. A partire da ora, Bitcoin sta vivendo un sentimento rialzista, con un aumento del prezzo dello 0,08%, attualmente scambiato a 71.145 dollari.

Conclusione

In sintesi, il viaggio di Bitcoin verso i 100.000 dollari dipende da un delicato equilibrio tra l’aumento degli investimenti istituzionali, il rallentamento delle vendite da parte dei detentori a lungo termine e condizioni di liquidità favorevoli. Man mano che queste dinamiche evolvono, i partecipanti al mercato rimangono cautamente ottimisti riguardo alla traiettoria futura di Bitcoin.