Trading Bitcoin Guida: Cos’è, come funziona e come iniziare

L’emergere delle criptovalute ha creato un fiorente mercato delle criptovalute. Sia i trader professionisti che quelli alle prime armi stanno cercando di trarre vantaggio dalla volatilità del mercato. Ma da dove cominciare? Cosa significa veramente “trading”? E come puoi assicurarti di fare trading con attenzione, sicurezza e protezione? Scopri come scambiare criptovaluta in questa guida pratica per i nuovi trader di criptovalute.

Per iniziare ad acquisire dimestichezza nel campo del Bitcoin Trading occorre partire dal presupposto che queste monete virtuali vanno considerate come asset e quindi come ulteriori possibilità per sviluppare una propria strategia nel trading online. Sicuramente si tratta di una moneta molto diversa da quelle tradizionali anche se comunque i meccanismi di base che le regolano non sono molto differenti. Questo si traduce nell’opportunità di gestirle senza una particolare preparazione.

Trading Bitcoin Guida

Ragion per cui se operate regolarmente con i CFD potete tranquillamente operare anche con le criptovalute dato che il sistema impiegato è lo stesso. In siffatto contesto basta ricordare che esistono delle coppie di valute che hanno il medesimo funzionamento anche se hanno un rapporto differente nello scambio valuta virtuale come BTC / EUR. Di seguito troverete una dettagliata guida su come iniziare a fare trading con i Bitcoin! Buona lettura!

Tabella dei Contenuti

Come funziona il trading di Bitcoin?

Il trading di criptovaluta è il processo di acquisto e vendita di risorse digitali su un exchange di criptovalute o su una piattaforma di intermediazione con l’obiettivo di realizzare un profitto.

Puoi scambiare le criptovalute che possiedi o stipulare contratti futures , opzioni o contratti per differenze (CFD). Quest’ultimo opera essenzialmente a margine. Questi derivati ​​finanziari consentono a un trader di criptovalute di speculare sui movimenti di prezzo di una criptovaluta senza possederla.

Se ritieni che il valore di una criptovaluta aumenterà, puoi andare long (acquistare). Al contrario, puoi andare short (vendere) se ritieni che il valore della moneta diminuirà. Ciò significa che potresti guadagnare denaro se il prezzo va in entrambe le direzioni, purché la tua previsione sia accurata.

Il trading di bitcoin è basato su un sistema crittografico che si avvale di una rete peer 2 peer indispensabile per farlo funzionare. Per impiegarli non serve una banca di riferimento e di conseguenza ha una struttura monetaria virtuale molto differente da quelle tradizionali.

Per questa ragione sono spesso considerate delle valute atipiche. Esse infatti nascono direttamente dagli utenti che la utilizzano laddove la crittografia associata può essere interpretata solo affidandosi alla potenza di calcolo di modernissimi computer che ripagano gli utenti con nuova moneta.

La sua natura alternativa genera un primo vantaggio legato al fatto che non è soggetta all’inflazione a differenze delle monete tradizionali perché appunto non dipende dalle banche centrali. Stando fuori da qualsiasi monopolio si contribuisce ad aumentare la relativa massa monetaria favorendo un continuo apprezzamento della valuta. Da qui il suo graduale ma costante successo.

Perché fare trading in Bitcoin?

Perchè è molto conveniente per via del valore ridotto di commissioni che attestano le criptovalute come una principale moneta virtuale per poter guadagnare con il trading online in maniera sicura e affidabile. Insomma stiamo di fronte ad un’occasione di investimento innovativa. Le strade per poter iniziare a guadagnare e quindi ad investire in Bitcoin sono molteplici e bisogna come primo passaggio eliminare quelle che ci fanno perdere solo tempo.

Tra queste la possibilità di minare i Bitcoin che si rivela sempre una scelta sbagliata perchè si richiede un tempo infinito oltre che contribuirebbero a creare margini di guadagno bassi con un costo salatissimo non solo per la corrente elettrica anche per i computer che dobbiamo usare.

Si tratta di dispositivi che devono contenere 12 schede video al loro interno con un consumo energetico superiore alla media. Discorso completamente opposto se invece compriamo bitcoin con i CFD con cui possiamo guadagnare bene e in breve tempo complice i meccanismi vantaggiosi della leva finanziaria perfetta per alcune operazioni di trading online.

Come fare trading con i Bitcoin

Trova uno scambio di criptovalute

Una volta trovata una strategia di trading adatta a te, inizia a cercare una borsa su cui fare trading. Quando scegli uno scambio di criptovalute  considera fattori come la facilità d’uso, le opzioni di accesso e uscita, le commissioni, la reputazione, lo stato di salute finanziaria e il team. Molti dei migliori scambi di criptovalute offrono tutorial integrati e consentono agli utenti di creare conti demo per esercitarsi nel trading senza rischiare denaro reale.

Crea un conto di scambio

Registra un account sull’exchange di criptovalute di tua scelta e verifica la tua identità. La verifica può comportare la fornitura di dettagli identificativi, lo scatto di un selfie e l’invio di una prova di indirizzo. Lo scambio potrebbe richiedere minuti, ore o giorni per approvare la verifica dell’identità. Il periodo di attesa varierà da piattaforma a piattaforma.

Aggiungi fondi al tuo account

Dopo la verifica dell’identità, deposita fiat sul tuo conto o collega il tuo conto bancario (se è un’opzione) per acquistare la criptovaluta che desideri scambiare. In alternativa, puoi trasferire criptovalute sull’exchange se ne possiedi già alcune.

A causa della sua stabilità dei prezzi, potresti voler acquistare una stablecoin come USDT o USDC. Pertanto, in una coppia BTC/USDT, utilizzeresti USDT per acquistare BTC. Pertanto, prima di effettuare un acquisto, dovresti controllare le coppie di trading disponibili sullo scambio per identificare la coppia che contiene la valuta digitale di tua scelta.

Ricerca strategie di trading adatte ai principianti

Prima di iniziare a fare trading, devi imparare il più possibile su questo argomento. Le strategie di investimento e di trading dovrebbero essere in cima alla tua lista di ricerca . Inoltre, cerca suggerimenti che ti aiutino a ridurre il rischio di trading. A seconda del tipo di trader che desideri essere, puoi cercare strategie di investimento adatte alla tua categoria preferita.

L’arbitraggio e lo scalping sono strategie che i principianti possono applicare nel trading attivo. Lo scalping implica l’acquisto di una criptovaluta, il suo monitoraggio durante il giorno e la sua vendita quando il prezzo supera il prezzo di acquisto iniziale.

Al contrario, il trading con arbitraggio sfrutta le piccole differenze di prezzo tra le borse. Ad esempio, potresti acquistare bitcoin su un exchange con un prezzo più basso e provare subito a rivenderlo su una piattaforma che mostra un prezzo bitcoin più alto .

Inoltre, ricerca i pro e i contro del trading manuale e automatizzato per decidere quale tipo di trading si adatta meglio a te. Il trading automatico utilizza un bot che acquista e vende criptovalute per tuo conto per ottenere eventualmente un profitto. Nel trading manuale, esegui le operazioni tu stesso.

Scegli le criptovalute da scambiare

Conduci analisi di mercato per identificare le migliori crypto da scambiare. Puoi farlo analizzando i movimenti dei prezzi, ciò che le altre persone stanno scambiando, i potenziali rischi e le coppie di trading più popolari. Inoltre, esamina i progetti e i team dietro le monete che sono sul tuo radar.

Puoi scegliere monete consolidate e a grande capitalizzazione come i Bitcoin.

Sebbene le altcoin a media capitalizzazione siano più rischiose delle monete a grande capitalizzazione di mercato, possono offrire rendimenti più elevati poiché subiscono oscillazioni di prezzo maggiori.

Inizia a fare trading

Inizia a fare trading con la criptovaluta che preferisci utilizzando la tua strategia di trading preferita. Puoi farlo manualmente o utilizzare un bot di trading adatto ai principianti . Potresti voler iniziare con una piccola somma per avere un’idea di come funziona prima di puntare tutto. In alternativa, se l’exchange offre questa funzionalità, puoi esercitarti a fare trading utilizzando un conto demo.

Conserva in modo sicuro le tue criptovalute

Considera l’idea di spostare una parte dei tuoi profitti di trading dal portafoglio dell’exchange a un portafoglio non custodito. Questa potrebbe essere un’opzione se non vuoi restituire tutti i tuoi guadagni in un’operazione e rischiare di perderli. È adatto anche ai trader che desiderano conservare le proprie criptovalute a medio o lungo termine.

I portafogli non custoditi offrono una sicurezza migliore rispetto ai portafogli (conti) di scambio poiché hai il controllo completo sui tuoi soldi. Tuttavia, le criptovalute destinate al trading attivo possono rimanere nel portafoglio dell’exchange.

Quali sono i migliori strumenti per Bitcoin trading?

I migliori strumenti sono quelli che consentono di comprare e vendere Bitcoin in maniera semplice, veloce ma soprattutto sicura. Di fronte a noi abbiamo due scenari che andiamo ad analizzare considerando il protagonismo necessario dei CFD:

  1. se acquistiamo Bitcoin e la moneta sale allora guadagniamo in continuazione fin quando il prezzo sale ma soprattutto in base a quanto abbiamo versato come capitale di partenza.
  2. se vendiamo Bitcoin e il loro valore scende allora possiamo guadagnare sempre in proporzione alla loro discesa di valore a seconda di quanto abbiamo versato nel momento dell’iscrizione.

In siffatto contesto vediamo che il procedimento è lo stesso e molto dipende da quanto carichiamo nel deposito iniziale considerando che il meccanismo di guadagno è relativo all’andamento della moneta che cala o sale rispetto all’acquisto o alla vendita allo scoperto rendendo il trading con i CFD molto conveniente. In questa fase ci sono alcuni aspetti che dobbiamo prendere in considerazione per poter effettuare un trading sicuro e responsabile in merito alla possibilità di guadagno.

Il primo è che il valore sale sul lungo termine se tutto va secondo i piani ma potrebbe anche scendere nell’eventualità in cui la moneta conosca un crollo improvviso e allora in quel caso occorre vendere. Il secondo aspetto riguarda l’investimento sul medio e breve termine con una serie di oscillazioni a rialzo e ribasso che confermano una certa volatilità del mercato con possibilità di guadagno maggiori.

Bitcoin trading a leva finanziaria

Sicuramente uno dei vantaggi di questo tipo di trading è quello di poter negoziare tranquillamente con la leva finanziaria che consente di fatto di alzare la posta in gioco sul piano operativo. In questo modo il broker di riferimento ci consente di iniziare anche con un capitale minimo dato che sarà lui a compensare il restante e quindi a consentirti di entrare direttamente sul mercato. Per questo la leva finanziaria si attesta come un vero e proprio vantaggio.

Ragionando su questo tema è come se il broker ci facesse un prestito senza interesse. In siffatto contesto possiamo accrescere il nostro capitale anche di 100 volte nel fare trading online. Tutto merito della leva finanziaria che trova nel mercato delle criptovalute il suo habitat naturale. Da questo punto di vista si tratta di un’occasione da non perdere sia sul piano delle opportunità che su quello operativo con un guadagno che può crescere in maniera costante e progressiva.

Dove e come fare trading Bitcoin?

I trader fanno trading sugli exchange: si tratta di siti web dove possono acquistare o vendere criptovalute pagando una piccola commissione, generalmente valutata come percentuale del valore di un’operazione. Esistono 2 tipi principali di scambi nei mercati delle criptovalute: ‍

1° Scambi centralizzati (CEX): simili agli scambi finanziari tradizionali, questi sono mercati con un custode e un broker centralizzati. Gli esempi includono Coinbase, Binance o Gemini .

Per iniziare, gli utenti devono creare un account sull’exchange (passando attraverso KYC e conformità onboarding) e possono quindi depositare valuta fiat (USD, GBP, EUR) o criptovaluta ( BTC , ETH , USDT ) e quindi acquistare/vendere gli asset desiderano commerciare.

2° Scambi decentralizzati (DEX): esistono programmi software che esistono su una blockchain ed eseguono operazioni in modo programmatico senza un broker centrale o un custode. Il DEX più conosciuto è Uniswap.

Il codice per il programma è stato tipicamente sviluppato da una società di software ma una volta completato lo sviluppo iniziale, la società di sviluppo spesso adotta un approccio più diretto al proseguimento.

Per iniziare con un DEX gli utenti devono avere un portafoglio crittografico esistente utilizzando un’app MetaMask  e avere della criptovaluta in questo portafoglio per acquistare e vendere altre criptovalute, ad esempio ETH, ARB.

Si connettono al DEX utilizzando un’app web e possono quindi effettuare scambi utilizzando l’interfaccia dell’app web dex. È anche possibile fare trading su un DEX interagendo direttamente con il suo software (il suo contratto intelligente), ma ciò richiede una maggiore preparazione tecnica.

Sia il trading CEX che quello DEX hanno i loro vantaggi e svantaggi : la tua scelta preferita di scambio dipenderà da una varietà di fattori, tra cui cose come le tue circostanze personali, l’esperienza di trading e i tipi di asset che desideri scambiare.

Inoltre, le diverse piattaforme CEX e DEX presentano vantaggi e svantaggi: i trader più avanzati che cercano determinati tipi di prodotti da negoziare o livelli di liquidità per soddisfare le loro posizioni potrebbero preferire alcuni scambi rispetto ad altri.

Una volta impostato l’indirizzo del tuo conto/portafoglio di trading sull’exchange, sei pronto per iniziare a fare trading. Tuttavia, molti trader intraprendono una preparazione, ricerca e analisi rigorose prima di decidere quali token acquistare e quali vendere.

Inoltre, possono entrare nel mercato sulla base di una strategia basata sulla comprensione della loro preferenza per l’orizzonte temporale delle loro operazioni.

Quali sono i brokers consigliati per il trading online di Bitcoin?

Tra i nostri selezionati, se ne contano ben 8 di broker crypto specializzati nel trading su criptovalute il cui andamento è piuttosto variabile con condizioni decisamente remunerative per qualsiasi portafoglio di investimento. Nello specifico si fanno notare valute digitali come i Bitcoin che consentono di negoziare senza l’intervento di banche o altri istituti finanziari senza quindi il pagamento di commissioni.

Attenzione però dato che non tutti offrono la possibilità di sfruttare realmente l’opportunità favorendo solo operazioni speculative con leva finanziaria. Per questo motivo è molto importante operare nel modo più saggio possibile. Tenendo bene a mente che fare trading su criptovalute significa che non c’è alcuna necessità di acquisto di un cold wallet, che abbiamo un’assicurazione FSCS con broker regolati con la possibilità di vendere allo scoperto.

1. eToro

eToro è una delle piattaforme di trading ( qui per il sito ufficiale ) più professionale e conosciute, tant’è che opera da diverso tempo ormai e possiede tutte le certificazioni necessarie. Tra le stesse basti ricordare la licenza CySec, utile per l’erogazione dei servizi online. Oltretutto, è uno dei pochi trader che rispettano le varie regole dell’ESMA (l’autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati). La sua sicurezza si evince non solo dalla vasta gamma di documenti che eToro possiede, ma anche dall’esperienza degli utenti. Al giorno d’oggi eToro rappresenta un vero e proprio punto di riferimento tra i migliori broker di Bitcoin. Non solo: tale piattaforma si contraddistingue anche per via della grande facilità di uso permettendo di investire in criptovalute usando anche per esempio con il Copy Trading.

La versatilità di eToro è sotto gli occhi di tutti. Di conseguenza non ci sorprendiamo se può vantare la contrattazione con numerose monete virtuali: Bitcoin, Bitcoin Cash, Ethereum ed Ethereum Classic, Ripple, Dash e Litecoin, Cardano, Iota, Stellar, EOS, Neo, Tron, ZCash e Binance Coin, attestandosi come la migliore piattaforma di copytrading per quanto riguarda la negoziazione delle criptovalute. Nello specifico coloro che sono alle prime armi possono copiare l’esperienza degli esperti in modo da replicare i loro successi sul mercato. La gestione delle criptovalute rinetra da un pezzo nelle priorità della eToro che è stato tra i primi broker cfd ad investire nel trading sulle monete elettroniche.

2. XTB

La piattaforma XTB si attesta come il prima piattaforma Europea ad offrire trading online su CFD e non, grazie alla possibilità di gestire in maniera continuativa le licenze ottenute con i principali regolatori finanziari globali.

Scegliendo XTB optiamo per un broker forex dal carattere multifunzionale complice il pacchetto variegato di strumenti finanziari in grado di alzare la posta in gioco come appunto la possibilità di negoziare in CFD su Bitcoin, BitcoinCash, Dash, EOS, Ethereum, Ethereum Classic, Litecoin, Ripple e Stellar. Sul piano tecnico è in grado di offrire una leva fino a 1:2 per i trader retail su tutte le criptomonete e spread medi a partire dallo 0,5% del valore di mercato.

Vantaggi: il punto di forza più evidente è quello legato alla possibilità di usufruire di un regolatore che consente di offrire al broker i servizi finanziari specifici di quel distretto economico europeo a fronte di un lavoro di personalizzazione che di fatto alza la posta in gioco. Con una licenza specifica possiamo procedere alla protezione dei fondi del cliente che si rivela un grande vantaggio nel momento in cui la società fallisca.

Ideale: per coloro che stanno cercando una piattaforma che possa fungere da laboratorio dove apprendere i rudimenti delle negoziazioni grazie alla sua sezione educativa, dove possiamo accedere a materiale didattico informativo.

Opinione degli utenti: risulta essere molto apprezzato per il suo carattere multifunzionale e quindi per via della possibilità di accedere a piattaforme di negoziazione con diversi set di funzionalità. Tenendo bene a mente che il suo sistema di riferimento si rivolge ad ogni livello di trader dai principianti ai più esperti.

Apri un conto demo su XTB

3. IQ Option

Tra i migliori broker per Bitcoin che offrono la possibilità di fare trading sulle crypto e i Bitcoin un posto particolare è occupato da IQ Option. Quest’ultimo è un broker che permette di fare il trading in maniera semplice e immediata.

Esso possiede la licenza CySec 247/14 e ha una storia un po’ particolare. Inizialmente, difatti, IQ Option era pensato unicamente per il lavoro sul mercato russo: solo successivamente si espanse all’Europa. Tale broker offre ai propri clienti anche la possibilità di approfittare di vari bonus e numerose promozioni. Una nota di merito va al deposito minimo, pari a solo 20 euro.

Questo broker spicca per usabilità e praticità. Non è un caso che sia uno dei più utilizzati proprio perchè offre il numero più alto di criptomonete tradabili. Per questo motivo coloro che vogliono investire sulle criptovalute troveranno su questa piattaforma gli strumenti giusti per iniziare.

Tra le valute disponibili abbiamo: Bitcoin, Bitcoin Cash e Bitcoin Gold, Zcash, IOTA, Omisego, Litecoin, Ripple, Ethereum ed Ethereum Classic, Dash, Monero, Tron, Sentiment, NEO, Stellar e Qtum. Tenendo bene a mente che sulla IQ Option possiamo negoziare 24/7 con condizioni di trading competitive con una leva massima di 1:100.

4. FP Markets

Un altro broker estremamente sicuro e affidabile da considerare è FP Market. Quest’ultimo possiede varie licenze, come la CySEC e la ASIC operando così sia sul mercato europeo che su quello statunitense. Attualmente FP Markets offre la possibilità di commerciare oltre 10 mila titoli ed è stato uno dei primi broker che hanno iniziato a operare sul Vecchio Continente.

Le commissioni sono molto basse e lo spread viene costantemente regolato per offrire ai clienti la possibilità di svolgere il trading senza alcun pensiero. Il deposito minimo è pari a 100 euro. Non ci sono limiti sui guadagni e la stessa piattaforma offre la massima trasparenza e chiarezza, oltre a un’ampia zona per la formazione.

FP Markets assicura una reputazione solida per il trading sulle criptovalute, per questo è così tanto gettonato. Con spread bassi da 0.2 punti questo broker consente di operare su ben 5 monete digitali tra cui spiccano Bitcoin, Bitcoin Cash, Ethereum.

Tutto merito delle due piattaforme di riferimento: la MT4 ed MT5, ed includono diverse combinazioni come BTC/AUD, ETH/USD e BTC/ETH. A dimostrazione della versatilità di questo broker va ricordato che offre anche accesso a 10 mercati tra forex, azioni, indici e materie prime, con prezzi ECN / DMA e spread tra i più competitivi.

5. Trade.com

Tra i migliori broker sul mercato non ci si può dimenticare nemmeno di Trade.com. Quest’ultimo è uno dei broker più esperti, che offre delle opportunità alquanto differenti. Questa società è stata registrata a Cipro e possiede la licenza CySec. Come gli altri broker di spicco, anche questo offre l’opportunità di usufruire di un Conto Demo su cui vengono messi ben 10 mila euro virtuali.

Il deposito minimo è pari a circa 100 euro. Un aspetto positivo di Trade.com è la possibilità di effettuare i prelievi in una maniera molto veloce e senza pagare delle grandi commissioni. Senza dimenticarsi della leva: Trade.com offre ai propri clienti la possibilità di usufruire di una leva pari a 1 a 30.

Fra i vari broker reperibili online, Trade.com è fra i più accreditati e positivamente consigliati per chi è alla ricerca di un attività di trading altamente professionale e diversificata. Trade.com è una piattaforma leader nel settore, in particolare per chi ha già a disposizione le conoscenze e le informazioni utili per operare in maniera meticolosa ed oculata.

Ovviamente, anche per chi si trova alle prime armi, la piattaforma offra varie possibilità di supporto e di formazione, tutto in maniera chiara, semplice e reperibile. Assolutamente consigliata fra le varie possibilità del panorama dei broker online. Trade.com prevede un minimo deposito di 200 euro, fornendo come quasi tutte le piattaforme di trading una versione demo illimitata.

6. Plus500

Un discorso molto simile riguarda Plus 500, anche questa una delle piattaforme più vecchie in assoluto. Una di quelle che necessitano di una grande attenzione non solo a causa della sicurezza offerta nelle transizioni, ma anche per via della grande varietà di asset che si potranno commerciare. Esse include la possibilità di fare il trading sul Conto Demo e tra le varie licenze spicca quella della FCA (britannica), la CyCec (del Cipro).

In Italia, invece, il suo funzionamento viene regolato dalla CONSOB. A renderla molto appetibile per gli utenti c’è anche un deposito minimo estremamente basso, pari a 250 euro. Non solo: Plus 500 si contraddistingue da molte altre a causa di un’interfaccia user friendly e di un’assistenza clienti sempre pronta a intervenire per risolvere tutti i problemi e le difficoltà degli utenti.

Scegliendo la Plus500 abbiamo la possibilità di scambiare su Bitcoin, Ethereum, Ripple e Litecoin in maniera pratica e intuitiva anche se si ha una scarsa dimestichezza con le strategie del mercato azionario. Sul piano operativo offre una leva di 1:4 in linea con gli altri broker ESMA, zero commissioni, trading 24/7.

Come iniziare a fare trading di Bitcoin

Iniziare con il trading di criptovalute utilizzando un broker di Bitcoin online richiede solo pochi passaggi:

  1. Scegli un broker: seleziona un conto di intermediazione online adatto alle tue preferenze ed esigenze di investitore.
  2. Crea un conto: crea un conto con il broker online e deposita fondi. Nel caso dei broker online si tratterà di qualsiasi altra valuta fiat).
  3. Acquista criptovalute: scegli le criptovalute in cui vuoi investire dopo aver ricercato ciascun asset per assicurarti di sapere cosa stai acquistando e di essere soddisfatto del livello di rischio che stai correndo.
  4. Conserva in modo sicuro i tuoi investimenti in criptovalute: quando acquisti criptovalute utilizzando un broker online, spesso ti viene data la possibilità di scegliere tra conservare i tuoi investimenti presso il broker o ritirarli in un portafoglio crittografico personale. Scegli l’opzione con cui ti senti più a tuo agio dopo esserti informato sui pro e contro della custodia delle criptovalute

Come scegliere il broker per fare trading Bitcoin

La scelta del miglior broker per il trading di Bitcoin dipende dalle tue preferenze personali e dalle tue esigenze di investitore. Se sei un principiante che vuole immergersi nel mondo delle criptovalute per la prima volta, un’app di trading adatta ai principianti senza costi o minimi, potrebbe essere un buon punto di partenza. In alternativa, se stai cercando di copiare le operazioni di trader di criptovalute più esperti, la funzione CopyTrader di eToro potrebbe interessarti.

I trader più esperti che desiderano eseguire strategie di trading più avanzate nei mercati delle criptovalute apprezzeranno soluzioni più esaustive con la loro selezione di indicatori di analisi tecnica e strumenti grafici e commissioni di trading relativamente basse. I trader che cercano un broker che offra un’esperienza di social trading troveranno ciò di cui hanno bisogno sulla piattaforma di eToro. Infine, se sei più interessato a investire in ETF crittografici, Fidelity è la scelta migliore in quanto offre una suite di ETF Bitcoin per i suoi clienti.

Cosa sono i broker per trading Bitcoin

I broker dedicati alle transazioni di Bitcoin rappresentano piattaforme online che agevolano l’acquisto, la vendita e lo scambio di Bitcoin e altre criptovalute. Operando come intermediari tra acquirenti e venditori, questi servizi consentono transazioni sicure ed efficienti. Le funzionalità di questi broker includono l’apertura di conti, deposito di fondi, esecuzione di ordini di trading e la custodia sicura dei fondi degli utenti.

Esistono diverse categorie di broker per Bitcoin, tra cui:

  1. Piattaforme specializzate: Questi broker si concentrano esclusivamente sulla negoziazione di criptovalute. Gli utenti possono registrarsi, depositare fondi e scambiare Bitcoin utilizzando l’interfaccia della piattaforma.
  2. Piattaforme peer-to-peer (P2P): Queste piattaforme consentono agli utenti di comprare e vendere direttamente tra loro, fornendo un servizio di custodia dove i fondi vengono trattenuti in un portafoglio sicuro fino al completamento della transazione.
  3. Broker tradizionali online: Alcuni broker online tradizionali hanno esteso i loro servizi per includere il trading di Bitcoin insieme agli strumenti finanziari tradizionali. Ciò permette agli investitori di gestire Bitcoin insieme ad azioni, obbligazioni e altri prodotti finanziari tradizionali.

Come conservare i Bitcoin

Se vuoi investire in Bitcoin, puoi scegliere se archiviare i tuoi investimenti in criptovaluta su una piattaforma di trading online o in un portafoglio crittografico personale. Sebbene la comodità di conservare le tue risorse crittografiche in un exchange o con un broker online possa essere allettante, archiviare le tue risorse digitali in un portafoglio crittografico a cui solo tu hai accesso è ampiamente considerata l’opzione più sicura.

Quando si tratta di portafogli crittografici, puoi scegliere tra portafogli software e hardware. I portafogli software sono applicazioni che puoi scaricare sul tuo smartphone o computer per archiviare le tue risorse, mentre i portafogli hardware sono dispositivi fisici utilizzati per archiviare le chiavi private che ti consentono di accedere alle tue partecipazioni crittografiche.

Le giuste soluzioni di archiviazione delle criptovalute dipenderanno dalle tue preferenze personali e dal livello di competenza tecnica, ma mantenere offline il tuo investimento in asset digitali in un portafoglio hardware è senza dubbio l’opzione più sicura per la maggior parte dei trader e investitori di criptovalute.

Cosa valutare prima di scegliere un Broker per fare Bitcoin Trading

Quello della sicurezza, comunque, è solo uno dei tanti canoni, seppure il principale, quando si sceglie nel paniere dei migliori broker per comprare Bitcoin. Questa caratteristica è solitamente garantita da vari segnali, verificabili autonomamente su social network e blog di settore come le opinioni e le recensioni degli utenti, ma anche da organismi di valutazione indipendente o statale: a titolo meramente esemplificativo, la CySEC è l’organismo di vigilanza di Cipro, riconosciuto in tutta l’Unione Europea, che garantisce i massimi standard di sicurezza di broker.

Passando infine agli aspetti più interessanti e che più fanno gola agli investitori, altri parametri di valutazione per scegliere quali sono i migliori broker per comprare Bitcoin in modo da affidare a loro i propositi di guadagno sono le commissioni, che non devono mai essere sottovalutate in quanto possono fare la differenza fra l’effettivo guadagno visualizzato e quello intascato, i metodi di deposito e prelievo, che a volte possono presentare delle commissioni in base all’importo, oppure prevedere un limite o la soddisfazione di alcuni requisiti minimi particolari, come ad esempio la necessità di depositare solo con carta prepagata o in valuta fiat. A questo aspetto, a volte, è collegato anche il deposito minimo richiesto per avviare le attività di investimento e che deve essere proporzionato alla volontà dell’investitore.

Infine, nonostante questa sia una piccola guida su quali sono i migliori broker per comprare Bitcoin, un investitore interessato e invogliato ha anche la necessità di valutare quali sono le crypto disponibili per effettuare operazioni prima di effettuare un qualsiasi tipo di deposito. Uno dei punti cardine degli investimenti, infatti, è quello di differenziare le spese al fine di guadagnare di più: un broker criptovalute che mette a disposizione degli investitori registrati più criptovalute da scambiare, non solo il Bitcoin, avrà maggiori possibilità di generare un guadagno importante, a prescindere dalla quantità di denaro speso.

Trading di Bitcoin vs investire in Bitcoin

Il trading si riferisce all’acquisto e alla vendita di asset su un orizzonte temporale più breve, in genere trattenendoli per meno di un anno, con l’obiettivo di trarre profitto dalle fluttuazioni dei prezzi a breve termine, mentre linvestimento in Bitcoin implica l’acquisto e il mantenimento di asset per un lungo periodo di tempo,  in genere nell’arco di un anno, con l’obiettivo di realizzare un guadagno dall’apprezzamento a lungo termine del bene.

Sebbene i termini siano talvolta usati in modo intercambiabile, questo diverso orientamento su scala temporale cattura la differenza fondamentale nella connotazione. 

Alcuni trader effettuano operazioni che durano mesi (note come operazioni posizionali). Altri possono entrare e uscire da posizioni in pochi minuti (chiamato scalping). Altri potrebbero farlo anche in secondi o frazioni di secondo, tuttavia questo è in genere un periodo di tempo troppo breve per consentire agli esseri umani di operare e, come tale, qualsiasi cosa al di sotto di questo viene generalmente eseguita algoritmicamente dalle macchine.

Il trading è diventato un modo comune per le persone di cercare di fare soldi nel mercato delle criptovalute. Sebbene non vi sia alcuna garanzia che il prezzo dell’asset a cui sei interessato salirà, molti trader sono disposti a speculare su ciò e, come tali, sono disposti ad accettare il rischio che il token possa scendere, con la speranza o convinzione che potrebbe salire.

I trader potrebbero essere disposti a negoziare l’asset stesso, insieme a contratti perpetui, opzioni e futures, mentre un investitore potrebbe in genere acquistare solo l’asset sottostante e custodirlo a lungo termine.

I trader aprono spesso più posizioni. Pertanto, un trader che effettua più operazioni di successo in un breve periodo di tempo può vedere il valore del proprio portafoglio aumentare rapidamente. Tuttavia, ciò comporta rischi aggiuntivi, poiché le operazioni infruttuose vedrebbero diminuire rapidamente il valore del loro portafoglio.

Quali sono le principali strategie di trading di Bitcoin?

Esistono molte strategie di trading diverse che è possibile utilizzare. Queste strategie possono essere applicate a diversi asset o settori all’interno del mercato delle criptovalute, ognuno dei quali può differire da un altro nel comportamento previsto del mercato o nel modo in cui funziona effettivamente la posizione scambiata. A causa di tutti questi fattori, il trading dipende fortemente dal contesto. Diamo un’occhiata ad alcuni tipi generali comuni di trading:

Trading spot: si riferisce all’acquisto e alla vendita dell’asset reale a cui sei interessato.

Trading di derivati: si riferisce alla negoziazione di contratti il ​​cui valore dipende dai movimenti dei prezzi nei mercati spot delle criptovalute sottostanti. Si scambiano questi prodotti per speculare sui futuri movimenti dei prezzi del criptoasset sottostante e, a seconda del tipo di prodotto derivato scambiato, si può farlo senza mai possedere effettivamente l’asset sottostante.

Un esempio di ciò è BTC-PERP, un contratto futures perpetuo per il prezzo Bitcoin. Diciamo che il prezzo di Bitcoin è ancora a $ 40.000 e ritieni che il prezzo salirà. Puoi acquistare BTC-PERP a $ 40.000 e vendere il perpetuo a $ 45.000 per un profitto di $ 5.000, il tutto senza acquistare il Bitcoin vero e proprio.

‍Ci sono una serie di vantaggi nel farlo: i trader che utilizzano i derivati ​​possono utilizzare più facilmente la leva finanziaria (cioè prendere in prestito denaro per effettuare operazioni più grandi), vendere allo scoperto (scommettere che il prezzo scenderà) e assumere altre posizioni senza affrontare il rischio.

Trading con leva finanziaria: il trading con leva finanziaria su criptovalute implica prendere in prestito denaro per effettuare operazioni più grandi. Per prendere in prestito questo denaro, è necessario versare un deposito, noto come “margine”, su un conto su una borsa o su una piattaforma di prestito.

Ciò ti consente quindi di prendere in prestito denaro dall’exchange per effettuare operazioni più grandi, con il rischio di perdere la tua garanzia e potenzialmente molto di più, incluso più del valore dell’intero portafoglio con la piattaforma. Si tratta essenzialmente di un approccio al trading ad alto rischio e rendimento elevato che ti consente di fare trading con più soldi di quelli che hai.

Quali sono gli intervalli temporali del trading di Bitcoin?

Non esiste un unico modo per fare trading nei mercati delle criptovalute, ma un assortimento di approcci adottati da persone diverse con competenze/attitudini diverse. In questa sezione, daremo prima uno sguardo ai diversi intervalli temporali in cui operano i trader, prima di passare ai metodi di analisi utilizzati dai trader.

Scalping

Lo scalping si concentra sull’effettuare operazioni in tempi brevi. Gli scalper in genere effettuano operazioni in pochi secondi o minuti e spesso richiedono da 10 a 100 posizioni al giorno. Cercano di trarre profitto da variazioni di prezzo frequenti e minori.

Questo approccio ai mercati richiede un’esecuzione rapida e attenzione ai movimenti delle candele, con gli scalper tenuti a reagire rapidamente nella loro analisi ed esecuzione. Sia il valore preciso che la tempistica delle entrate e delle uscite contano molto di più per lo scalping rispetto a coloro che fanno trading su intervalli di tempo più lunghi. Pertanto, gli scalper trascorrono gran parte del loro tempo osservando e analizzando i grafici.

Day trading

I trader giornalieri in genere aprono e chiudono le loro posizioni entro lo stesso giorno e negozieranno su scale temporali da minuto a ora. Non necessariamente scambieranno con la stessa frequenza degli scalper, ma saranno più attivi nei mercati rispetto agli swing trader.

I trader giornalieri in genere utilizzano schemi grafici, indicatori tecnici e metodi come l’analisi del flusso degli ordini nelle loro ricerche di trading.

Questo è uno degli approcci più comuni adottati dai trader ed è spesso reso popolare da coloro che offrono corsi di formazione sul trading. È anche la tipica strategia utilizzata dai trader a tempo pieno che non lavorano in un fondo professionale.

Swing trading

Gli swing trader di solito cercano di trarre vantaggio dai cambiamenti a lungo termine nella direzione di un mercato. Possono avvalersi di analisi tecniche e fondamentali per valutare cambiamenti/catalizzatori a livello di mercato o di settore e prenderanno posizione di conseguenza.

Gli swing trader assumono posizioni nell’arco di giorni o settimane e hanno pregiudizi sia long che short in base alla loro analisi della direzione del mercato.

Position Trading

Il trading posizionale è lo stile di trading più orientato al lungo termine. I trader posizionali cercano di trarre vantaggio dalle tendenze del mercato nel corso di settimane o mesi. Solitamente trascorrono meno tempo a pensare ai movimenti di mercato a breve termine e utilizzano uno stile di ricerca più orientato ai fondamentali.

Quali sono gli approcci analitici per il trading di Bitcoin?

‍Prima di prendere posizioni sul mercato, i trader utilizzano uno o più metodi di analisi per decidere dove entrare e uscire da una posizione. Questi metodi di analisi includono quanto segue:

Analisi Tecnica (TA): questo è un altro modo di riferirsi all’analisi del grafico dei prezzi. I trader tecnici esamineranno modelli, indicatori e livelli sui grafici del prezzo di un asset nel tempo, per determinare il loro punto di acquisto e di vendita preferito per un’operazione.

Sebbene non tutti i trader utilizzino l’analisi tecnica, molti utilizzano i grafici dei prezzi nelle loro analisi o nel monitoraggio di una posizione, poiché i grafici dei prezzi forniscono un modo pulito e chiaro per valutare la performance di un asset nel tempo. L’analisi tecnica come metodo, tuttavia, fa un ulteriore passo avanti e combina i dati storici sui prezzi effettivi con un’analisi dei modelli e l’uso di indicatori, per determinare i prezzi futuri di token specifici.

Si basa sull’idea che la psicologia umana, il trading e le emozioni seguono modelli di comportamento prestabiliti e prevedibili, che possono essere dedotti dai movimenti di un grafico dei prezzi o dai “livelli” psicologici di supporto e resistenza che appaiono su un grafico a determinati prezzi.

Analisi fondamentale: si riferisce all’analisi dell’entità o della realtà economica sottostante utile per determinare quanto dovrebbe essere prezioso l’asset. Gli analisti fondamentali nel settore delle criptovalute potrebbero esaminare fattori qualitativi come il calibro dei fondatori/team, le partnership e qualsiasi fossato/vantaggio competitivo costruito dall’azienda.

Solitamente utilizzano anche dati quantitativi come flussi di cassa, entrate, numero di utenti, ecc. Possono anche situarli nel contesto di un mercato o settore specifico e scommettere a livello di mercato/settore sull’apprezzamento o meno di un asset o di una serie di asset. svalutarsi di valore.

Analisi on-chain: questo metodo utilizza dati blockchain reali per informare le proprie posizioni di trading. Le blockchain differiscono dai sistemi finanziari tradizionali, in quanto funzionano come database pubblici e aperti, in cui tutti possono effettivamente vedere il movimento dei fondi e chi possiede quale importo.

Detto questo, i trader possono utilizzare i dati on-chain per tracciare il movimento del denaro e cercare di prevedere i movimenti dei prezzi. I trader possono anche utilizzare dati on-chain aggregati sull’attività di un intero ecosistema per capire quali protocolli potrebbero essere o diventare popolari e dove il capitale potrebbe fluire maggiormente.

Leggi le nostre: Analisi Crypto

L’evoluzione del trading di Bitcoin

Le criptovalute non sono più lo stesso mercato di quando Bitcoin è stato lanciato per la prima volta. Nel corso degli anni 2010 e all’inizio degli anni 2020, sono stati lanciati più token, sono cresciute più startup e più capitale è stato distribuito nell’ecosistema, offrendo ai trader molti più mercati in cui fare trading.

Agli albori delle criptovalute, la mancanza di liquidità, controparti e infrastrutture significava che mancava un ambiente commerciale sofisticato. Nonostante ciò, alcuni trader hanno riconosciuto che la criptovaluta era una classe di asset che poteva prestarsi bene al trading: funziona interamente online senza regolamento fisico, 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e, almeno all’epoca, era significativamente meno regolamentata rispetto ai mercati tradizionali.

Da allora, le criptovalute hanno attirato sempre più operatori professionisti alla ricerca dell’infrastruttura necessaria per facilitare il rapido scambio di token su larga scala. C’è stato anche un enorme afflusso di capitale di rischio verso le criptovalute.  Inoltre, sono sorti numerosi market maker di criptovalute che forniscono liquidità e traggono profitto dallo spread. Anche alcune società di trading professionali che da anni si occupano di market making nei mercati azionari tradizionali, sono entrate nella mischia e ciascuna ha distribuito centinaia di milioni.

Le criptovalute sono ben note per avere cicli di mercato volatili, in cui i mercati entrano rapidamente in una bolla e poi crollano. Ci sono stati 4 cicli principali di questo tipo, con un picco nel 2013, 2017, 2021, 2024. Durante questi mercati rialzisti molti trader al dettaglio sono entrati nel mercato partendo dal presupposto che i prezzi avrebbero continuato a salire all’infinito e che sarebbero stati in grado di arricchirsi rapidamente.

In ogni caso, ciò è stato accompagnato da un successivo crollo del mercato poiché il capitale fresco che entrava nello spazio ha rallentato e sempre più partecipanti hanno deciso di uscire dalle loro posizioni contemporaneamente.

Quali piattaforme consultare per l’analisi del trading di Bitcoin?

I trader utilizzano strumenti diversi a seconda dello stile di trading e del periodo di tempo preferiti. Il loro flusso di lavoro implica in genere una certa misura di analisi prima di inserire voci posizionali su uno scambio centralizzato o decentralizzato. Tra questi spicca:

TradingView

TradingView offre una selezione di strumenti per consentire ai trader di vedere i grafici dei prezzi ed eseguire analisi dei grafici sui mercati delle criptovalute. Questo è comunemente utilizzato dagli analisti tecnici e dagli utenti generali che cercano di monitorare il prezzo di un token con un alto grado di precisione.

Sebbene l’analisi dei pattern grafici sia generalmente preferita dai trader tecnici, è probabile che tutti i trader abbiano familiarità con i grafici di trading tradizionali, poiché questi li aiutano a comprendere il prezzo degli asset a cui sono interessati e a monitorare la loro performance nel tempo. Molti trader considerano TradingView il gold standard per i software di creazione di grafici ed è tra i prodotti più comunemente utilizzati per monitorare i prezzi.

Termini chiave per l’analisi dei grafici a candela

Ogni candela rappresenta un determinato intervallo di tempo, che mostra i prezzi di apertura, chiusura, massimo e minimo per quel periodo specifico. I grafici standard solitamente utilizzano il verde quando il prezzo in quel periodo è salito e il rosso quando è sceso

Candela Verde: 

  • Base: prezzo all’inizio di quel periodo
  • In alto: prezzo alla fine del periodo
  • Wick: il prezzo più alto e quello più basso a cui è andato l’asset in quella sessione

Candela Rossa:

  • Base: prezzo alla fine del periodo
  • In alto: prezzo all’inizio di quel periodo
  • Wick: il prezzo più alto e quello più basso a cui è andato l’asset in quella sessione

Per qualsiasi grafico a candela, puoi trasformarlo in una linea, se desideri semplicemente monitorare il prezzo iniziale e finale dell’asset in ciascun periodo. Inoltre, puoi modificare il periodo di tempo in analisi facendo clic rispettivamente su 1D, 5D, 1M ecc., per passare da giorni, a mesi, ad anni. Queste opzioni sono in gran parte coerenti, indipendentemente dallo strumento di analisi dei grafici utilizzato.

Nella parte inferiore dei grafici su TradingView possiamo vedere l’RSI: si riferisce al Relative Strength Index , che è un indicatore tecnico che aiuta i trader a capire se un determinato token potrebbe essere ipercomprato o ipervenduto. Indicatori come questo vengono spesso utilizzati dagli analisti tecnici, in combinazione con schemi grafici, per valutare la direzione in cui il prezzo potrebbe andare nel prossimo futuro.

L’influenza dei Crypto X

I social media sono un luogo popolare in cui i trader possono condividere le proprie analisi di mercato, mostrare le proprie conoscenze e costruire relazioni con gli altri nel mercato. X, precedentemente noto come Twitter, è il luogo in cui i trader di criptovalute possono pubblicare le proprie conoscenze.

“Crypto X” è arrivato a riferirsi al gruppo di trader e investitori interessati ai mercati delle criptovalute che scambiano idee, battute e trascorrono il tempo ascoltando e interagendo con un sottoinsieme di influencer che sono trader di successo o famosi commentatori di mercato.

I trader di criptovalute in genere trascorrono del tempo anche su Telegram, che sono più orientati alla costruzione di comunità e alle interazioni private rispetto alla natura aperta di X che funge da hub di condivisione di contenuti più pubblici.

Visita il nostro profilo X: https://twitter.com/broker_forex_it

Rischi e sfide nel trading di Bitcoin

Il trading di criptovalute è un’attività ad alto rischio e ad alto rendimento. Ci sono diversi rischi che un trader deve prepararsi ad affrontare quando fa trading su questo mercato. Alcuni includono: volatilità eccessiva, regolamentazione poco chiara, tecnologie non comprovate, comportamento del team di progetto, declino del mercato macro, insolvenza degli scambi, indebitamento eccessivo, mancanza di liquidità in un mercato.

Ognuno di questi può influenzare i prezzi dei singoli token, così come il mercato più ampio o il portafoglio personale di un trader. Quando effettuano operazioni specifiche, i trader esperti di solito implementano sempre un ordine stop-loss e/o take-profit, che esegue automaticamente un’operazione se l’operazione perde o guadagna un certo importo, consentendo al trader di limitare i propri ribassi e uscire automaticamente dal mercato se il token che stanno scambiando raggiunge un determinato prezzo, sia al rialzo che al ribasso.

Domande Frequenti

Il trading di Bitcoin è redditizio?

Il trading di criptovalute può essere redditizio, ma comporta anche un elevato livello di rischio a causa della volatilità del mercato. È essenziale condurre ricerche approfondite e comprendere i rischi intrinseci coinvolti.

Posso iniziare a fare trading di Bitcoin con una piccola somma di denaro?

Sì, puoi iniziare a fare trading con una piccola somma di denaro. Tuttavia, è importante stabilire aspettative realistiche e non investire più di quanto sei disposto a perdere.

Quali sono i vantaggi di detenere Bitcoin come investimento a lungo termine?

Detenere Bitcoin come investimento a lungo termine ti consente di beneficiare potenzialmente dell’apprezzamento del suo valore nel tempo. È considerato una riserva di valore e viene spesso definito oro digitale.

Come posso proteggere le mie criptovalute?

Per proteggere le tue criptovalute, trasferiscile su un portafoglio personale. Segui le istruzioni fornite dal sito ufficiale di ciascuna moneta per impostare un portafoglio sicuro.

Esistono rischi associati al trasferimento di criptovalute su un exchange?

Durante il trasferimento di criptovalute ad un exchange, c’è un piccolo rischio. Tuttavia, scambi affidabili hanno implementato solide misure di sicurezza per ridurre al minimo il rischio di accesso non autorizzato ai tuoi fondi.

Conclusioni

Abbiamo esaminato i fondamenti del trading di criptovalute, dalla comprensione del motivo per cui le persone scambiano criptovalute, a dove puoi scambiare criptovalute, nonché i diversi stili di trading che puoi utilizzare nei mercati delle criptovalute. Non esiste un unico modo per fare trading, ma una varietà di metodi, tempistiche e strumenti di cui i trader si avvalgono. Quando inizi a fare trading da solo, inizierai a sviluppare il tuo stile e le tue preferenze su come desideri avvicinarti ai mercati che si adatteranno alle tue attitudini e competenze.