Bitcoin e Ethereum: a picco i costi di transazione come spiegarlo?

BitInfoCharts ha annunciato un’inversione di tendenza notificando il picco al minimo raggiunto da due teste di serie come Bitcoin ed Ethereum che hanno raggiunto nelle settimane scorse i minimi da ben 6 mesi con un effetto da calmiere per il mercato in generale dopo una recente correzione operativa che aveva smosso alcune certezze tra gli investitori.

Bitcoin e Ethereum

Questa notizia ha calmato le acque dopo un iniziale spinta da parte degli investitori che ha creato delle situazioni confuse e spiacevoli. In termini tecnici basti pensare che il valore è sceso dal massimo storico di inizio aprile a 62,77$ a circa 7,20$. Secondo gli esperti va attribuito questo calo alla riduzione dell’attività complessiva nel mercato. In tal senso CoinGecko ha affermato che laddove i volumi sono dimezzati è inevitabile che ci sia anche una rimodulazione dei costi di commissione.

Gli appassionati di asset crypto ricorderanno perfettamente l’episodio di febbraio e cioè quando i costi di transazione medi di Bitcoin e Ethereum esplosero raggiungendo livelli mai visti. Fu così che le commissioni di Bitcoin si triplicarono sulla scia anche dell’annuncio rilasciato da Tesla in merito al suo ruolo all’interno dell’azienda Bitcoin. Era inevitabile che si attivasse una speculazione senza precedenti spingendo il prezzo oltre il massimo precedente con un volume giornaliero raddoppiato in maniera esponenziale passando dai 57 miliardi ai 101 miliardi di dollari alla fine di febbraio.

In questo scenario il picco delle commissioni di Bitcoin ha registrato un aumento dell’attività con una serie di conseguenze che erano nell’aria: da un lato i mercati ha iniziato a dare segni di debolezza e dall’altro i trader hanno provveduto velocemente ad incassare vicino ai massimi. In questo modo i due progetti finanziari hanno cercato di correre ai ripari rendendo più permanenti alcune scelte operative da cui alcuni investitori ha iniziato a trarre i relativi benefici per un’attività di trading online più sicura e affidabile.

Lascia un commento

Il 68% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.