Banca Sella Trading: la recensione

[Voti: 0   Media: 0/5]

Banca Sella è un broker ottimizzato appartenente ad un gruppo bancario piuttosto solido e ben avviato, ma soprattutto sicuro e affidabile dato che il suo conto è assicurato fino a €100.000. Inoltre può vantare una serie di vantaggi funzionali che alzano la posta in gioco.Tra questi si fanno notare le piattaforme di trading proprietarie che si rivelano davvero all’avanguardia per modalità e tempi tecnici di esecuzione. Senza dimenticare la possibilità di avere conto corrente e deposito titoli in un unico conto con lo scopo di evitare pesanti perdite.

Banca Sella Trading

Banca Sella: Tipi di conto  

Una delle sue forze è rappresentata dal suo carattere multifunzionale dato che questo istituto bancario si presenta caratterizzato da un modello di business a 360 gradi. In tal senso all’interno di Banca Sella operano vari sistemi: da quello relativo al ruolo di banca commerciale all’investment banking, dalla banca patrimoniale all’open banking. Tenendo bene a mente che tra le sue funzionalità apprezzate spicca il private banking e i sistemi di pagamento automatizzati consentendo ai propri clienti la compravendita di strumenti finanziari come se fosse un vero e proprio intermediario. Da qui il ruolo ben gestito di broker.

Aprendo uno dei conti finalizzati per privati possiamo accedere ai servizi di intermediazione finanziaria da parte di Banca Sella: dagli strumenti di trading fino al deposito titoli tramite 2 tipologie di conto: il conto WebSella e il conto Trader.

Il conto WebSella

Il conto WebSella è un conto standard adatto per ogni genere di negoziazione. Stiamo parlando di un conto corrente online a canone mensile gratuito con cui possiamo accedere ad una serie di servizi come: l’Online banking, il Servizi di pagamento, l’Addebito automatico di utenze, la Carta di debito/credito oltre alla possibilità di accedere a Fidi, mutui e finanziamenti.

Per ciò che concerne il trading online possiamo autorizzare la prestazione dei servizi di investimento con un apposito servizio di deposito titoli in modo da intervenire sul mercato online tramite canali telematici. Certo questo conto per quanto vantaggioso sul piano funzionale mostra come tutti il suo punto debole nelle condizioni di negoziazione dato che il trading sulle azioni italiane costa lo 0,19% (min. €3,00; max. €19,95).

A tal proposito con il conto WebSella l’operatività è limitata alle azioni, ETF, obbligazioni, certificati, mentre sia derivati che leva sono vietati. Ragion per cui se siete dei traders attivi, questo broker non fa al caso vostro.

Il conto Trader

Il conto Trader è un conto progettato per coloro che operano attivamente sul mercato differenziandosi dal conto WebSella che ha un carattere ordinario ed è pensato maggiormente per coloro che fanno trading sporadicamente.

Entrambi i conti devono essere associati ad un conto corrente a cui dobbiamo collegare i servizi di ttrading per l’effettiva ricezione e trasmissione di ordini e soprattutto per attivare il servizio di deposito titoli.

Tra i primi vantaggi si fa notare la possibilità di negoziare futures e opzioni potendo fare affidamento su una struttura commissionale flessibile. Su questa lunghezza d’onda c’è da dire che c’è molta personalizzazione dato che sarà l’utente a decidere se adottare o meno il profilo digressivo fisso oppure variabile visto e considerato che il sistema ha stabilito ben 6 fasce a seconda delle commissioni generate permettendo un pagamento ridotto e contenuto in base alla propria costanza.

In relazione ai canoni stabiliti bisogna tenere a mente che il canone trimestrale di questo conto è sempre gratuito nei primi due trimestri. Successivamente prevede un costo pari a 15 euro che sarà possibile azzerare effettuando almeno 5 trades nel trimestre relativo al canone da pagare.

Ciò vuol dire che tra i due conti la sostanziale differenza sta nel pagamento del canone: laddove con WebSella e’ gratuito, mentre con il conto Trader prevede il versamento di una somma trimestrale di 15 euro.

Prodotti e Borse     

La sua offerta di mercati pone Banca Sella nell’Olimpo dei broker per la sua attenzione al mercato domestico, anche se mostra una certa carenza per i mercati esteri.

Sulla carta abbiamo 26 mercati, contro i 65 di DEGIRO o i 50 di Binck Bank. In compenso l’offerta sui mercati italiani è molto buona dato che si può infatti operare, oltre che sull’MTA, anche sul TAH (il mercato After Hour che molti broker non offrono.

In generale i mercati azionari europei disponibili sono l’Euronext (Amsterdam, Parigi, Bruxelles e Lisbona), Xetra e Stoccolma, mentre fuori dall’Europa i mercati sono il Nyse e il Nasdaq degli USA. Invece i derivati disponibili sono l’IDEM, l’Eurex e il CME. Di contro con Banca Sella non è possiamo fare trading tramite i CFD.

Di conseguenza fare trading con Banca Sella dipende in sostanza dalla propria operatività personale oltre che dal tipo di frequenza sui mercati online. I traders più attivi potranno trovare una serie di soluzioni per combinare strategie e modalità operative per quanto vi siano delle limitazioni negli investimenti sui mercati esteri specie quelli esotici.

Commissioni e costi     

Per ciò che concerne la struttura commissionale, essa dipende dal tipo di conto che si sceglie tra i due che abbiamo analizzato in precedenza. Con il conto WebSella accediamo a delle condizioni non molto convenienti per chi fa trading. Infatti è pensato per traders poco attivi, che usano il broker solo per interventi dell’ultima ora senza alcuna programmazione e nè tanto una visione di insieme sui rischi, i guadagni e le perdite.

Con il conto Trader possiamo scegliere che cosa fare e quindi se adottare un profilo commissionale fisso oppure varialbile, laddove verranno sempre applicate commissioni di tipo digressivo. In pratica più commissioni sono state generate nel mese precedente, minore sarà la somma di commissioni che dobbiamo pagare per usufruire dei servizi.


Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*