Il prezzo di Polygon sale malgrado le previsioni – I rialzisti di MATIC cercano di forzare il mercato

L’andamento di MATIC sorprende i mercati per la sua forza rialzista che sembra non esaurirsi come tutti si aspettavano. In tal senso gli analisti avevano previsto un crollo che ora appare di difficile realizzazione visti i traguardi raggiunti. Eppure analizzando bene la situazione non è tutt’oro quello che luccica. Per questa ragione i trader stanno osservando con attenzione il suo percorso nel mercato per evitare di incontrare sorprese lungo il cammino. Al momento i venti sono favorevoli ma date le condizioni attuali del mercato tutto può ancora succedere.

Il prezzo di MATIC cerca conferme per calibrare la sua spinta verso l’alto

Attualmente Polygon sta dimostrando di avere i numeri necessari per favorire la ripresa. Si tratta di un rialzo inatteso considerando i stravolgimenti mercati azionari in Asia e in Europa. In questo scenario il prezzo di MATIC cerca di testare il limite superiore di un pennant con lo scopo di favorire lo sviluppo di breakout rialzista. Il problema è che gli attuali venti favorevoli non sono in grado di dare quella certezza di cui abbiamo bisogno per evitare una rottura con il mercato. In questo scenario resta alto il rischio di vanificare la ripresa.

La sorpresa rialzista di MATIC sta entusiasmando gli investitori nonostante i mercati asiatici ed europei siano appesi a un filo, soprattutto dopo che è stato fatto esplodere il ponte che collega la Crimea alla Russia. In questo scenario è chiaro che la geopolitica è tornata in allerta con un effetto a catena di questi eventi che potrebbe portare a una svendita di ogni asset di rischio negoziabile sul mercato. Per questa ragione temiamo che il rialzo tanto atteso si riveli un buco nell’acqua con gli investitori costretti alla ritirata. In effetti con dati alla mano sembra difficile che ci sia spazio per favorire il movimento dei rialzisti.

In siffatto contesto è chiaro che l’azione sui prezzi Polygon ha assistito a un’inversione di tendenza dopo aver chiuso con un aumento dell’1,5% e superato la media mobile semplice (SMA) a 55 giorni. Di contro anche se le condizioni sembrano precarie un breakout rialzista sembra scontato ma sempre se i mercati europei siano capaci di imparare dai propri errori. A tal proposito è molto importante la fase in cui verrà gestito il ribasso conseguente, perché è in quel modus operandi che possiamo registrare i primi profitti sul mercato.

Di conseguenza anche se nelle prossime settimane MATIC andrà a segnalare un rialzo sarà comunque limitato alla SMA a 200 giorni a 0,875$, che non è stata ancora testata per oltre tre mesi. Per questo motivo nel momento in cui si opera in questo mercato bisogna essere consapevoli del fatto che circa il 6% dei guadagni è in palio. D’altronde i rischi derivanti dalle dinamiche esterne legate alla geopolitica rappresentano una minaccia continua per le prospettive future. Di conseguenza non bisogna pensare che lo scenario nel quale stiamo operando si possa risolvere nell’immediato. Ci sono troppi fattori che devono combaciare a fronte di una spinta verso l’alto che probabilmente non avrà lo stesso potere che abbiamo registrato nella sua fase rialzista.

Lascia un commento